POLITICA Letto 3878  |    Stampa articolo

Bollette a tutto canone. Il responsabile: "vanno pagate”

Foto © Acri In Rete
Giulia Zanfino
"In principio era il regolamento. E il regolamento era emanato dal Comune". Potrebbe cominciare così la parabola della "guerra dell'acqua", che da settimane si consuma tra le mura spesse del Comune di Acri. Al centro della questione di nuovo le bollette pazze dell’acqua, su cui si è scatenato un dibattito "violento". Che ha visto da una parte della barricata i cittadini, dall’altra l’amministrazione comunale.
Questa volta a pronunciarsi è il responsabile dell’Ufficio Tributi del Comune di Acri. Si tratta del dottor Giovanni Cofone, una voce autorevole, visto che è lui a firmare gli atti. E pare saperla lunga. “Le bollette dell’acqua, di un importo di centosette euro per un consumo pari a zero, devono essere pagate! Esiste un regolamento comunale che ne sancisce la legittimità. Quindi, se i cittadini non hanno fatto ricorso entro sessanta giorni, saranno costretti a pagarle”.
Ricapitolando: si tratta delle bollette contestate da giorni da una marea di cittadini inferociti. Zero consumo uguale centosette euro. E ci sono anche cittadini che hanno chiuso l'utenza, quindi non avrebbero più nulla da pagare, e invece gli è toccata la bolletta di ottanta euro. E ancora, c'è chi l'utenza l'ha aperta nel duemilaquattordici, e si ritrova da pagare per il duemilatredici la bellezza di centocinquantasette euro. Ma nell'anno riportato dalla bolletta l'utenza non c'era e il contatore era sigillato. C'en è per tutti i gusti.
Chiediamo al dottor Cofone come mai le bollette sono così alte se il consumo è inesistente. Il responsabile dell’Ufficio Tributi ci dice che si tratta del canone. Insomma, bollette a tutto canone. Gli chiediamo se un canone di ottanta, cento, centosette euro sia legittimo. “C’è un regolamento comunale che lo prevede. E’ tutto legale”.
Quindi, i cittadini che non hanno fatto ricorso, dovranno pagare. Ma visto che in materia tributaristica, guarda caso, non è prevista la class action, ogni cittadino dovrebbe fare ricorso singolarmente. Accollandosi eventuali costi. Insomma, un ginepraio di spese. Che si paghi o meno. Qualcuno aveva sollevato dubbi di legittimità, quanto all’importo del canone. Ma pare, invece, che sia tutto nei limiti della legge.
“Da gennaio però le bollette dell’acqua saranno meno care!” chiude il dottor Cofone, salutandoci cortesemente.



PUBBLICATO 04/01/2015





Ultime Notizie

INTERVISTA  |  LETTO 76  
Focus. Il presidente della Fondazione Padula illustra la dodicesima edizione del Premio
Cinque giorni di dibattito, riflessioni, mostre, proiezioni, interviste, da martedì 19 a sabato 23 presso il palazzo Falcone va in scena la dodicesima edizione del Premio Padula.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 228  
Museo del Risorgimento. A che punto è?
Giusto tre anni fa, ottobre 2016, l’Amministrazione Comunale di allora, guidata da...
Leggi tutto

AVVISO  |  LETTO 235  
Campagna di prevenzione malattie tiroidee
Mercoledì 20 novembre dalle ore 9:00 alle ore 13:00 in via Don Francesco Maria Greco snc (nel piazzale interno edificio liceo classico) stazionerá il "camper della Salute" per effettuare uno screeni ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 195  
Il punto sulla Promozione. La Rossanese si fa avanti, Acri fermata dal maltempo
Undicesima giornata. Tre gare non disputate a causa del terreno impraticabile, il Cutro è sempre più ultimo mentre il Rossano raggiunge la vetta. Risultati; San Marco/Acri,
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 668  
I fatti della settimana. Lavoro, premi e patrocini (fastidiosi)
La copertina spetta al lavoro. Anche noi di Acri in rete, salutiamo con soddisfazione il fatto che a breve una settantina di lsu ed lpu saranno stabilizzati. Un giusto riconoscimento dopo oltre vent ...
Leggi tutto