POLITICA Letto 3820  |    Stampa articolo

Caro acqua. I cittadini chiudono utenze. Parla Capalbo: si rischia di pagare due volte il 2014

Foto © Acri In Rete
Giulia Zanfino
Dieci al giorno. Sono le richieste di chiusura dei contatori dell'acqua. Quelli dei garage o delle case disabitate. Di cui si può fare a meno. Perché sono davvero in pochi i cittadini che possono permettersi il lusso di regalare centinaia di euro al Comune, per un consumo pari a zero.
"La cosa preoccupante è che la lettura delle utenze, che riguardano le ultime bollette, è stata fatta a luglio 2014" sostiene il consigliere del Pd, Pino Capalbo. "Però le cartelle riguardano l'anno duemilatredici. Pertanto nel duemilaquindici, quando ci sarà da pagare il duemilaquattordici, c'è il rischio che ci facciano pagare di nuovo i sei mesi che abbiamo già pagato".
Insomma, in questa "guerra dell'acqua" sono molte le zone d'ombra su cui si deve far luce. E in fretta. C'è chi minaccia di bruciare tutte le cartelle in Comune. Chi va avanti e indietro, perché pare che negli uffici non trovi risposte concrete. Per lo più persone anziane che tentano, invano, di spiegare ai responsabili che i conti non tornano. Ad alcuni sono stati addebitati cento metri cubi in più di consumo. E si sono ritrovati trecentotrenta euro di bolletta, contro le abituali ottanta euro. Scontrandosi con i responsabili dell'Ufficio Tributi. Loro, i responsabili, prima di modificare l'importo, vogliono vederci chiaro. E fanno girare i contribuenti di ufficio in ufficio. E' un pellegrinaggio.
Dal piano terra al primo piano. Dall'ufficio acquedotti, di nuovo al piano terra. E poi di nuovo su. E di nuovo giù. Sarebbe farsesco, se non fosse una tragedia. Il danno e la beffa. Un rito ormai consolidato da settimane. Incredibile che l'Amministrazione non abbia preso provvedimenti per fare chiarezza su un mare di errori. Utenze aperte nel duemilaquattordici a cui arrivano le bollette del duemilatredici. Bollette a tutto canone. Il rischio di pagare due volte il duemilaquattordici. E, in mezzo, un bene primario. L'acqua, una risorsa preziosa.
La Calabria ne è ricca. La esporta in Australia e in Cina. Ma in tutta la regione è in atto una guerra.

PUBBLICATO 14/01/2015





Ultime Notizie

INTERVISTA  |  LETTO 150  
Focus. Verso le regionali con il prof. Walter Nocito
Legge regionale, soglie di sbarramento, candidature, sondaggi, questioni da affrontare per il neo governatore, rischio astensionismo. Ne abbiamo parlato con Walter Nocitò docente di istituzioni di ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 563  
La Notte dei Licei al classico Julia. E venerdì prossimo si replica allo scientifico
Non c’erano dubbi sulla riuscita dell’evento! La Notte Nazionale del Liceo Classico ha registrato un numero di visitatori oltre le aspettative. Genitori, bambini, studenti, cittadini hanno partecipa ...
Leggi tutto

INTERVISTA  |  LETTO 1271  
Focus. Autismo, associazione e progetti
Abbiamo incontrato Simona Ceccotti e Carmine Guido, rispettivamente presidente e vice presidente della associazione Agape' formata da famiglie con soggetti autistici. Con loro abbiamo parlato di co ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 811  
Biblioteca Frati Cappuccini. Dalla regione arrivano 100 mila euro
Grazie ad un emendamento del consigliere regionale, Giuseppe Aieta, il decreto sulla legge di stabilità prevede fondi anche per la città di Acri. Si tratta, in particolare, di 100 mila euro da dest ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 706  
Non sprechiamo il nostro voto!
L’appuntamento elettorale del 26 gennaio, rappresenta per noi calabresi una grande....
Leggi tutto