POLITICA Letto 3826  |    Stampa articolo

Caro acqua. I cittadini chiudono utenze. Parla Capalbo: si rischia di pagare due volte il 2014

Foto © Acri In Rete
Giulia Zanfino
Dieci al giorno. Sono le richieste di chiusura dei contatori dell'acqua. Quelli dei garage o delle case disabitate. Di cui si può fare a meno. Perché sono davvero in pochi i cittadini che possono permettersi il lusso di regalare centinaia di euro al Comune, per un consumo pari a zero.
"La cosa preoccupante è che la lettura delle utenze, che riguardano le ultime bollette, è stata fatta a luglio 2014" sostiene il consigliere del Pd, Pino Capalbo. "Però le cartelle riguardano l'anno duemilatredici. Pertanto nel duemilaquindici, quando ci sarà da pagare il duemilaquattordici, c'è il rischio che ci facciano pagare di nuovo i sei mesi che abbiamo già pagato".
Insomma, in questa "guerra dell'acqua" sono molte le zone d'ombra su cui si deve far luce. E in fretta. C'è chi minaccia di bruciare tutte le cartelle in Comune. Chi va avanti e indietro, perché pare che negli uffici non trovi risposte concrete. Per lo più persone anziane che tentano, invano, di spiegare ai responsabili che i conti non tornano. Ad alcuni sono stati addebitati cento metri cubi in più di consumo. E si sono ritrovati trecentotrenta euro di bolletta, contro le abituali ottanta euro. Scontrandosi con i responsabili dell'Ufficio Tributi. Loro, i responsabili, prima di modificare l'importo, vogliono vederci chiaro. E fanno girare i contribuenti di ufficio in ufficio. E' un pellegrinaggio.
Dal piano terra al primo piano. Dall'ufficio acquedotti, di nuovo al piano terra. E poi di nuovo su. E di nuovo giù. Sarebbe farsesco, se non fosse una tragedia. Il danno e la beffa. Un rito ormai consolidato da settimane. Incredibile che l'Amministrazione non abbia preso provvedimenti per fare chiarezza su un mare di errori. Utenze aperte nel duemilaquattordici a cui arrivano le bollette del duemilatredici. Bollette a tutto canone. Il rischio di pagare due volte il duemilaquattordici. E, in mezzo, un bene primario. L'acqua, una risorsa preziosa.
La Calabria ne è ricca. La esporta in Australia e in Cina. Ma in tutta la regione è in atto una guerra.

PUBBLICATO 14/01/2015





Ultime Notizie

LETTERA APERTA  |  LETTO 2896  
Ospedale. Mancano gli anestesisti, a pochi minuti intervento chirurgico rinviato
Di seguito pubblichiamo quanto inviatoci attraverso messenger da un nostro lettore. “Buongiorno direttore Saporito, scrivo per una situazione successa stamani in ospedale presso il reparto di chirur ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2499  
Tentato furto in un bar. Due condanne
Ha destato particolare scalpore la notizia del tentato furto subito dal titolare di un noto bar perché già vittima in passato di una rapina e per le modalità con cui è stato tentato l’atto predator ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 1643  
Verso le regionali. Gencarelli, 'rappresentiamo la vera alternativa'
E’ uno dei due candidati locali (l’altro è Loredana Barillaro, ndr), ha 44 anni, residente in Acri ma originario di La Mucone, si occupa di sicurezza sui luoghi di lavoro con esperienze anche fuori ...
Leggi tutto

AVVISO  |  LETTO 227  
Avis: donazione periodica del sangue
Si comunica a tutti i donatori e a chiunque volesse donare il sangue che martedì 14 Gennaio 2020 dalle ore 07:30 alle ore 11:00 in via V. Baffi nei pressi del bar “Capriccio”, sarà presente un’autoe ...
Leggi tutto

RECENSIONE  |  LETTO 760  
Storia della medicina popolare In Calabria
Ho letto con grande interesse e curiosità l’ultima pubblicazione di Abbruzzo e Conocchia, “La medicina popolare in calabria”, Edizioni Alimena-Orizzonti Meridionali, Cs 2019.
Leggi tutto