POLITICA Letto 2831  |    Stampa articolo

Ospedale, storia di un lento declino

Foto © Acri In Rete
Piero Cirino
Il caso degli elettricisti e della parziale chiusura della sala operatoria hanno inevitabilmente riacceso i riflettori sul destino dell’ospedale civile Beato Angelo.
Nel luglio 2011 fu disposta la chiusura del punto nascita, autentico fiore all’occhiello della struttura sanitaria, ma che aveva il difetto di non raggiungere le cinquecento nascite all’anno.
Da quel momento è iniziato un inesorabile declino, che ha portato il nosocomio a essere considerato come un carciofo che nel corso del tempo ha perso le proprie foglie.
La cronistoria di questi anni è ricca di capitoli e tra questi va segnalata una imponente manifestazione a difesa dell’ospedale, che una stima realistica quantifica in una presenza di otto diecimila persone.
E’ stato l’unico sussulto di una società civile dormiente, che ha preferito demandare ad altri e scagliarsi contro i politici. Questi ultimi, con poche e lodevoli eccezioni, hanno molte responsabilità oggettive sul declino dell’ospedale.
Una simile struttura è collocata in un territorio che ha proprio nel suo isolamento viario il limite principale al proprio potenziale sviluppo. La stagione invernale qui dura molto e raggiungere Cosenza o Castrovillari d’inverno può essere impresa davvero ardua.
In una simile condizione, stabilire il destino dell’ospedale civile Beato Angelo con la calcolatrice in mano è pura miopia. E qui stanno tutte le responsabilità della classe politica, misurate sul grado di collocazione amministrativa ai vari livelli.
A un certo punto il centro destra locale e regionale ha tirato fuori dal cilindro l’accorpamento con Castrovillari in un unico Spoke, ma lo ha fatto lasciando tutto com’era.
Realizzare uno Spoke con un altro presidio significa distribuire più o meno equamente unità operative e servizi sanitari erogati. E questo non è avvenuto, in una situazione tutt’altro che paritaria, con l’ospedale di Acri diventato più una sorta di succursale che un luogo dove trovare ciò che nel Pollino non era possibile trovare.
Va da sé che questa vicenda ha fatalmente acceso anche spiriti campanilistici non del tutto sopiti.
Nei mesi scorsi una donna non ce l’ha fatta a raggiungere Cosenza, ha partorito in auto davanti al Pronto Soccorso e ha seriamente rischiato la sua e l’incolumità del nascituro. La condizione dell’ospedale di Acri investe risvolti sociali, al di là del piano di rientro e del Tavolo Massicci. L’elezione di Mario Oliverio a queste latitudini ha portato con sé consensi notevoli e molte aspettative. Passati i primi, la speranza è che queste non rimangano disattese.

PUBBLICATO 23/01/2015





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 116  
Sindacato carabinieri. Lello Esposito segretario regionale dell’Unarma
Gli acresi continuano a farsi apprezzare ed a ricevere gratificazioni in ogni campo. Oggi è il caso di Raffaele Esposito (nella foto), per gli amici Lello, 53 anni, acrese doc in forza al Comando ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 132  
Poste Italiane e banche. Attenzione agli sms falsi
Sono sempre più frequenti sms del tipo che vi mostriamo in foto e che arrivano sui cellulari (è successo anche a noi). Questo riguarda Poste Italiane ma accade anche per le banche.
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1146  
Morte Fusaro. Assolto Micalizzi
In relazione all’articolo apparso sulla Vs. testata giornalistica on line in data 25 Marzo 2019, per mezzo del quale....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1720  
Vigili Urbani. Ecco il bando di Concorso. Scadenza domande il 19 dicembre
Il Comune di Acri rende noto che è indetto concorso pubblico, per soli esami, per la copertura di 2 (due) posti, a tempo pieno e indeterminato di Istruttore - Agente di Polizia Locale - categoria C. ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 582  
Regionali. Ufficiale si vota il 26 gennaio
Qualche ora fa il presidente della giunta regionale, Mario Oliverio, ha annunciato che a breve firmerà...
Leggi tutto