OPINIONE Letto 3931  |    Stampa articolo

Buttarla in

Foto © Acri In Rete
Francesco Greco
Quando ci si accorge che la difesa dell'argomento è debole si comincia a parlare di altro, si mette altra carne al fuoco, cercando addirittura la denigrazione dell'avversario, per spostare l'attenzione dall'argomento iniziale, facendo di fatto, scadere la conversazione ad un livello molto basso. Questo è quanto fatto dai due eroici consiglieri. Questo gioco però non sempre  funziona. Chissà se a loro volta hanno un loro consigliere?
"L’Estroso Francesco Greco, da un pò di tempo, si occupa delle vicende che interessano l’amministrazione comunale". Perché non dovrei? Vedendo dove siamo arrivati, invece di lamentarmi ho deciso di attivarmi e non sono ne' confuso, ne' distratto ne' tantomeno male informato.
"Una cosa, però, è certa, dopo gli attacchi violenti sferrati via web, con tanto di video e audio, contro il sindaco Tenuta e l’intera giunta, l’Estroso Greco oggi li difende. Perché mai questo dietrofront?". Che voi leggiate una difesa in favore del sindaco e/o della giunta è qualcosa che fate voi, io sono responsabile di quello che dico e non di come voi lo interpretate.
"Siamo certi che quanto prima vedremo e ascolteremo l’Estroso Greco in qualche pubblico comizio/spettacolo, magari patrocinato dall’amministrazione comunale". E' vero, il 27 agosto potrete assistere alla finale di Estrosi dal Sud, un programma nato ad Acri e già al suo terzo anno di vita, un programma che ha fatto esibire oltre 300 ragazzi non solo di Acri ma dell'intera provincia di Cosenza. Un programma seguito in TV, MediaSud canale 630 del DTT, da tutta la provincia e, attraverso il sito web www.estrosidalsud.com, addirittura dall'estero, da molti nostri corregionali e non. Penso che l'Amministrazione comunale abbia colto la possibilità di mettersi in vetrina, patrocinandone la finale. Se poi, come voi intendete far capire tra le righe, l'Amministrazione lo abbia fatto con uno scopo diverso da questo, ebbene, anche questo non è una cosa di cui debba farmene carico io. Non credo nemmeno che il mio progetto sia stato favorito rispetto a quello di qualcun'altro, e allora di che stiamo parlando? Comunque siete invitati ad assistere allo spettacolo, dove vi riserverò due poltrone in prima fila, e magari potrete anche farvi un'idea sull'opportunità del patrocinio rispetto a tutti gli altri spettacoli patrocinati dall'Amministrazione comunale.
Torniamo al motivo del contendere
"Ciò vale anche per il consumo minimo di 140 mc del servizio idrico, approvati con delibere di giunta di cui sopra, che contenevano il grave errore che da noi e' stato più volte attenzionato..." Questo è il punto da chiarire e la domanda è: a chi dobbiamo attribuire la paternità per l'evidenziazione dell'anomalia?  Come mai ve l'attribuite voi? Come mai se l'è attribuita anche la L.A.C.A? Leggendo la vostra interrogazione, consistente in ben nove punti di domanda, è evidente che non avete neanche colto il vero motivo per cui andavano, e sono state, riemesse alcune bollette! E già! Proverò a spiegarvelo ancora, scrivendolo per l'ultima volta però, per la prossima volta, qualora si rendesse necessario, vi farò i disegnini. Sono state riemesse le cartelle, che chiedevano il pagamento di un consumo minimo di 140 mc, perché questo è illegale, il cittadino deve pagare solo il consumo effettivo!
E' evidente a questo punto che il confuso e distratto non sono io, anzi, mi verrebbe da chiedere a Cavallotti, visto che è dal 2006 che siede sui banchi del consiglio comunale, come mai in tutti questi anni non ti sei accorto di questa anomalia? Sai è dal 2006 che anche chi non consuma questi, ormai famosi 140 mc di acqua, comunque li paga! E' solo grazie all'intuizione di "Pasquale", non certo alla vostra o a quella della L.A.C.A, che i cittadini virtuosi "sparagnini" pagheranno, già dal 2013, quanto dovuto, per meglio dire, il giusto.
"Noi non vogliamo nessun merito né primogeniture" Se così fosse avreste risposto al mio primo articolo in un modo diverso, dando a Cesare quel che è di Cesare ed a Pasquale quello che è di Pasquale e chiudendo subito la pratica.
"Abbiamo lavorato e lavoreremo nell'interesse della cittadinanza e saremo sempre vigili su quanto accade all’interno dell’amministrazione comunale" Che lo abbiate fatto, non lo so, che lo facciate veramente, me lo auguro,anzi, se lo farete realmente avrete in me un alleato!
"nello stesso tempo non abbiamo intenzione di polemizzare con chicchessia ma preferiamo svolgere e rendere conto del nostro operato nelle sedi opportune." Neanche io ho intenzione di polemizzare con "chicchessia", voglio soltanto ricordarvi che chi si prende la briga di andarsi a sedere su quelle sedie, di quello che fa, deve renderne conto a tutti i cittadini.
Un caro saluto

PUBBLICATO 08/08/2015





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 943  
I fatti della settimana. Lavoro, premi e patrocini (fastidiosi)
La copertina spetta al lavoro. Anche noi di Acri in rete, salutiamo con soddisfazione il fatto che a breve una settantina di lsu ed lpu saranno stabilizzati. Un giusto riconoscimento dopo oltre vent ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 840  
Agricoltura sociale. In corsa anche la Cooperativa Don Milani. Ecco come votarla
Guardare agli anziani come ad una risorsa preziosa, investirli del compito di tramandare il loro sapere e le loro abilità; questo è il progetto della Cooperativa Sociale Don Milani. Gli anziani colt ...
Leggi tutto

AVVISO  |  LETTO 280  
Avis: donazione periodica del sangue
Si comunica a tutti i donatori e a chiunque volesse donare il sangue che martedi’ 19 novembre 2019 dalle ore 07:30 alle ore 11:00 in via Maria Montessori nei pressi del bar “Sweet Gate”, sarà presen ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 532  
Alberi per il Futuro 2019
In occasione della prossima “Giornata Nazionale degli Alberi”, ci ritroveremo per effettuare la piantumazione di nuove specie arboree sul territorio. Decine di migliaia le specie arboree che anche ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1106  
La Luce del Classico, ottima la prima
Grande successo per il primo seminario organizzato dai ragazzi della quarta e delle quinte del Liceo Classico “Julia” insieme alla professoressa di filosofia e storia Maria Paola Capalbo, che si è t ...
Leggi tutto