OPINIONE Letto 3671  |    Stampa articolo

Oggi inizia la scuola per tutti ma non per la prima sezione della scuola materna jungi

Foto © Acri In Rete
Genitori dei bambini della Prima Sezione della Scuola per l’infanzia “Jungi”
Per i bambini della scuola dell’infanzia, oggi è una giornata importante. Si sono alzati presto, si sono preparati, hanno indossato il loro grembiule pulito e stirato, hanno preparato il loro zainetto e, contenti si sono avviati per incontrare i propri compagni e riabbracciare le loro maestre, dopo le vacanze estive.
I bambini della Prima Sezione della scuola materna “Jungi” invece, restano a casa.
Tre giorni prima dell’inizio delle lezioni, i genitori sono stati convocati presso la scuola materna ed hanno trovato un’amara sorpresa: la sezione dei loro figli è stata spostata dalla classe dove hanno trascorso i primi due anni in quello che fino a poco tempo fa era un locale adibito a servizi non didattici. La decisione è caduta dall’alto, senza preavviso alcuno e senza la possibilità di una discussione partecipata, per come avrebbe dovuto essere, nel nome della collaborazione sinergica tra scuola e famiglia. Mettendo, così, i genitori, di fronte al fatto compiuto, e portandoli all’estrema decisione di lasciare la classe vuota in un giorno così importante per tutti i bambini.
Il problema si ripresenta ormai da più anni, senza che la Dirigenza prenda i dovuti provvedimenti, limitandosi a fare promesse vane e proposte di lavori di adeguamento, a lezioni già iniziate, che difficilmente potranno essere realizzati.
La cosiddetta “aula” non rispetta alcun parametro previsto dalle norme improntate al benessere dei bambini, sotto tutti i punti di vista. Non è conforme a quelli che sono gli indici dimensionali minimi indicati dalle norme di edilizia scolastica, dettate anche dalla necessità di evitare la trasmissione di malattie infettive e di garantire la sicurezza in caso di emergenza che richieda una pronta evacuazione dei locali.
Ciascun genitore al momento dell’iscrizione dei propri figli ha fatto una scelta sulla scuola, sui docenti e sulla gestione, ponendo in essi la loro fiducia, affidandogli i piccoli per molte ore della giornata. Questa fiducia è stata disattesa, nel nome di un superiore ed incomprensibile interesse della scuola a raggiungere grandi numeri che, in realtà, contrasta con l’unico vero interesse di dover coltivare il benessere del bambino.
Il dirigente scolastico ha il compito fondamentale di garantire agli alunni un ambiente confortevole, igienico e sicuro secondo i principi di qualità che il servizio di istruzione pubblica dovrebbe garantire.
I genitori dei bambini della prima sezione Jungi non hanno ancora trovato una risposta da dare ai loro bambini che chiedono con ansia quando potranno tornare a scuola, vista la grande delusione avuta dal confronto con l’istituzione scolastica che non è riuscita a dare soluzioni concrete ed attuabili, rimbalzando come un muro di gomma le richieste avanzate dagli stessi, preoccupati per la sicurezza dei loro figli in nome di una scuola migliore, a misura di bambino, a cui dovrebbero tendere le famiglie e gli operatori del settore.

La certezza amara che i bambini nella scuola ormai sono solo dei numeri ha scemato l’entusiasmo iniziale dei loro genitori, tramutandolo in vero e proprio scetticismo che di certo sarà trasmesso al resto della comunità acrese.

PUBBLICATO 14/09/2015





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 4934  
La Sila a Geo&Geo
Lunedì prossimo, dalle 16, durante la puntata della trasmissione televisiva Geo&Geo su RaiTRE si approfondirà anche il tema della biodiversità entomologica della Sila, ricca di insetti di particolar ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1323  
Edilizia scolastica. Iniziati i lavori di Padia
Continua il viaggio di Acri in rete nella nuova edilizia scolastica. Nei giorni scorsi vi abbiamo dato notizia dell’approvazione del progetto, da parte del genio Civile, del nuovo istituto scolastic ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1694  
A.S.P.A. Cercasi nuova sede
La foto non ha bisogno di commenti. Riguarda la sede A.S.P.A., Acri Soccorso Pronto Aiuto, che da dieci giorni è priva di energia elettrica. La corrente è stata staccata perché l’edificio che ospit ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 535  
I reperti antichi non si raccolgono ma come si tutela e si valorizza il patrimonio archeologico?
Una discussione recente con archeologi mi stimola a fare il punto sulla tutela e sulla valorizzazione del potenziale patrimonio storico dei territori poco indagati o ancora da scoprire. Quello di Ac ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 812  
Sanità. Riunione dei sindaci della Provincia. Presente anche Capalbo
Dal Pollino alla Sila, dallo Ionio al Tirreno. I sindaci della Provincia di Cosenza si sono ritrovati tutti assieme per parlare di sanità. “La Conferenza, si legge in una nota, dovrà tenersi mensilm ...
Leggi tutto