OPINIONE Letto 2640  |    Stampa articolo

Oggi si ritorna a scuola...

Foto © Acri In Rete
Genitori dei bambini della Prima Sezione della Scuola per l’infanzia “Jungi”
Per un’intera settimana, i banchi della prima sezione della scuola dell’infanzia Jungi sono rimasti quasi del tutto vuoti. La scorsa settimana i genitori avevano deciso di non inviare i loro bambini a scuola, in quanto destinati ad una classe molto piccola e molto criticata già in passato.
I genitori, nel frattempo, hanno cercato, tra incontri con il dirigente scolastico e l’amministrazione comunale, di trovare una soluzione al problema, tale da garantire locali idonei non solo per i loro bambini, ma anche per quelli che negli anni futuri si ritroveranno nella stessa situazione. Alcuni genitori, tuttavia, ritenendo eccessiva la protesta, hanno deciso di mandare i propri bambini a scuola.
Si ribadisce che esistono degli standard dimensionali, di sicurezza, di comfort igienico-sanitario, che le scuole debbono rispettare. E che in quella classe, purtroppo, non sono presenti.
«In questa settimana è successo di tutto:
prima le polemiche sui social da parte di alcuni genitori e insegnanti che ci hanno tacciato di essere “incontentabili”, quasi come se pretendere il rispetto delle norme che garantiscono i diritti dei nostri bambini sia un atteggiamento sbagliato;
poi il tentativo di far passare l’idea che non siamo buoni “italiani” se non conosciamo “l’arte dell’arrangiarsi”;
e ancora che non siamo buoni genitori se insegniamo ai nostri figli ad essere dei “guerrafondai”.
Abbiamo letto e sentito affermazioni che hanno lasciato in noi grande delusione e tristezza.
La missione educativa della scuola e delle famiglie non deve basarsi sul principio dell’accettazione, ponendo a modello le scuole di paesi in via di sviluppo, dove i bambini sono costretti a fare lezioni seduti per terra, (e sottolineiamo costretti, e non certo contenti), ma deve ispirarsi a modelli scolastici sempre migliori e con alti livelli di qualità.
Ci aspettavamo che la dirigenza e gli organi competenti ci appoggiassero maggiormente in queste nostre richieste e che alla fine ci aiutassero a migliorare l’attuale condizione degli ambienti scolastici. Così non è stato, visto che le proposte che ci sono state fatte non soddisfano le nostre legittime rivendicazioni perché, a nostro parere, poco attuabili e che continuano a non garantire la tanto auspicata idoneità.
La soluzione a cui miravamo era una riformulazione delle sezioni tale da garantire per ogni aula il rispetto delle norme. Soluzione che, in un primo momento, è stata prospettata anche dall’amministrazione comunale, ma ad oggi non è stata ancora messa in atto.
Oggi i nostri figli tornano a scuola, perché non vogliamo staccarli dal gruppo e dalle loro maestre, ma noi continueremo a pretendere per TUTTI I BAMBINI ciò che spetta loro di diritto, e per questo motivo chiediamo con forza l’appoggio delle istituzioni, di tutti i genitori e anche del corpo docente per garantire loro una “scuola migliore”».

PUBBLICATO 21/09/2015





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 1408  
Sindacato carabinieri. Lello Esposito segretario regionale dell’Unarma
Gli acresi continuano a farsi apprezzare ed a ricevere gratificazioni in ogni campo. Oggi è il caso di Raffaele Esposito (nella foto), per gli amici Lello, 53 anni, acrese doc in forza al Comando ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1276  
Poste Italiane e banche. Attenzione agli sms falsi
Sono sempre più frequenti sms del tipo che vi mostriamo in foto e che arrivano sui cellulari (è successo anche a noi). Questo riguarda Poste Italiane ma accade anche per le banche.
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2528  
Morte Fusaro. Assolto Micalizzi
In relazione all’articolo apparso sulla Vs. testata giornalistica on line in data 25 Marzo 2019, per mezzo del quale pubblicavate la notizia dell’avvenuta fissazione dell’udienza preliminare a caric ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2688  
Vigili Urbani. Ecco il bando di Concorso. Scadenza domande il 19 dicembre
Il Comune di Acri rende noto che è indetto concorso pubblico, per soli esami, per la copertura di 2 (due) posti, a tempo pieno e indeterminato di Istruttore - Agente di Polizia Locale - categoria C. ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 810  
Regionali. Ufficiale si vota il 26 gennaio
Qualche ora fa il presidente della giunta regionale, Mario Oliverio, ha annunciato che a breve firmerà...
Leggi tutto