OPINIONE Letto 3382  |    Stampa articolo

Siamo tutti francesi

Foto © Acri In Rete
Franco Bifano
Si, siamo tutti francesi  lo siamo diventati, senza esserne consapevoli,  ancor prima che lo diventassimo per solidarietà. E’ successo   in quel maledetto istante i cui brutalmente, spietatamente, è stato  aperto il fuoco   contro i ragazzi e le ragazze  che riempivano  il teatro Bataclan,  contro  le famiglie sedute, in una tranquilla serata d’autunno, al ristorante “Le Petit Campodige” e in tutti gli altri luoghi nel cuore di Parigi.  
Nel preciso  momento in cui  quelle persone venivano ferite o colpite  a morte noi,  italiani, spagnoli , tedeschi e tutti i cittadini d’Europa siamo diventati francesi. Cosi come due settimane fa  siamo stati cittadini russi, forse di questo siamo meno consapevoli,  dopo i 224 morti nel disastro dell’aereo precipitato dopo l’esplosione della bomba collocata  a bordo dalla stessa matrice terroristica dell’attacco a Parigi. Diventiamo in automatico  cittadini di qualunque nazione i cui figli diventano bersaglio e vengono  colpiti dalla mano   di questi   assassini in una  guerra che ormai  coinvolge tutto l’Occidente, di terroristi che uccidono e si tolgono la vita  in nome  Hallah.  Come poi si possa uccidere e uccidersi in nome di Dio resta un mistero considerato  che non può esistere un Dio a predicare l’odio. L’odio è un fatto  terreno, un “privilegio”  degli uomini, un effetto collaterale delle miserie umane. Non ha  nulla di divino quindi. Eppure questi uomini si trasformano in  belve e  muoiono con la convinzione  di avere fatto qualcosa di gradito al loro Dio.
Come possiamo difenderci? Quali strumenti abbiamo per fermare questa barbarie di violenza e dolore prima che si trasformi in un incubo, vera strategia destabilizzante  perseguita dai terroristi? Non certo seguendo i suggerimenti dell’onnipresente Salvini (ormai lo troviamo dappertutto come il prezzemolo) l’Islam non è l’isis e il razzismo genera altra violenza. Ancora peggio ottengono certi titoli di giornali “Islamici Bastardi” (Libero del “simpaticoBelpietro). A mio avviso, occorre che l’Europa, l’America, la Russia abbandonino senza indugio le ipocrisie sulla Siria, i tatticismi politici, gli accordi sottobanco, gli interessi geopolitici ed economici (gas  e petrolio). Occorre una nuova e non più rinviabile fase  di politica condivisa fatta anche di nuove alleanze per isolare gli assassini e un lavoro coordinato di inteligence per debellarli. Una politica  portatrice di pace e di depotenziamento dei focolai di guerra che consenta il rientro nei loro paesi delle migliaia di profughi.  Obiettivi ambiziosi? Forse, ma  bisogna almeno provare prima che sia troppo tardi.

PUBBLICATO 16/11/2015





Ultime Notizie

NEWS   |  LETTO 1327  
Bes, benessere equo e sostenibilità 2030, Acri scelto per testare gli indicatori
Il comune di Acri, con Campi Bisenzio, Pesaro, Rho ed Unione dei Comuni Val di Comino, è stato scelto per testare gli indicatori del Bes, benessere equo e sostenibile, un indice sviluppato dall'Ista ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2801  
Processo Acheruntia. Sono imputato solo per concussione non per mafia
Gentile Redazione, in merito al processo Acheruntia che tanto scalpore ha suscitato nel nostro paese e che mi vede mio malgrado coinvolto, dopo essere stato a lungo e tranquillamente
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2288  
Processo Acheruntia. L'ex dirigente del comune scagiona Maiorano
Ennesima udienza del processo Acheruntia bis. L’ex dirigente del comune, Annunziata Ranaldi, non ha mai ricevuto alcuna minaccia da parte dell’ex sindaco Luigi Maiorano, imputato nel suddetto proce ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 5721  
Coronavirus. La comunità cinese di Acri, 'non siamo infetti'
“Non ci sono motivi per aver paura, nessuno di noi si è recato in Cina e nella zona nella quale si è diffuso il virus, negli ultimi mesi.” Oggi abbiamo deciso, non senza apprensione, di fare un giro ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 522  
Tra ecologia ed economia. HortusAcri nelle scuole
HortusAcri prosegue il tour nelleScuole e Licei di Acri, e nella società, incontrando docenti, studenti,imprenditori e operatori economici, promuovendo il ciclo “Caffè d’Impresa”, segnalando, inoltr ...
Leggi tutto