OPINIONE Letto 4418  |    Stampa articolo

La tartaruga e la gazzella

Foto © Acri In Rete
Massimo Covello
Due piccole storie per far capire la storia della tartaruga(Italia- Acri) e la gazzella(San Francisco)
Circa un mese fa volevo scrivere alcune riflessioni su Acrinrete a proposito del modo di lavorare e fare politica in Italia, poi l’altro ieri ho letto il bellissimo pezzo dell’UDC sezione di Acri, che mi ha fatto ritornare  in mente che forse in tutto quello che si fa con denaro pubblico c’e’ disorganizzazione, incopetenza e cercare un torna conto clientelare , ma quello che fa piu’ paura che ormai fa parte delle regole non scritte che fottere il prossimo fa parte del modo di fare in Italia, purtroppo questo modo di fare negli ultimi 20 anni ha portato l’Italia dove e’ oggi ed  ha creato una classe dirigente politica che rispecchia i valori del fottere il prossimo.
Allora, ritorniamo all’inizio, il primo ministro Renzi nel chiudere l’EXPO di Milano, dice chiaramente che nei prossimi 10 anni faremo qualcosa nell’ area occupata dall’EXPO, un campus o forse un polo o forse un polo-campus che se c’e’ lo chiedono (chi?) gli potremmo dare ogni anno dei soldi pubblici ( se c’e’ lo chiedono?), ma quello che mi lascia sbalordito che un Governo non sa ancora cosa fare per riqualificare  uno spazio pubblico ed non ha nessuna idea programmatica, (ed ovviamente nessun giornale ne chiede conto come se fosse normale lavorare cosi).
Questo significa che comunque nei prossimi anni spenderemo soldi pubblici a fare commissioni che all’interno verranno garantiti i vari uomini di partito e qualcuno che purtroppo finirà in galera per corruzione, ma fa parte del rischio d’impresa.
Da quest’ altra parte del mondo, il Comune di San Francisco ha organizzato la Coppa America di Vela nel 2013, dopo appena 3 mesi dalla fine dell’evento lo spazio e le strutture  fisse erano già state bonificate ( senza aggiunta o abbattimento di struttura)come nuova sede del Porto di San Francisco e’ l’area sulla baia destinata ad ospitare  barche da crociera , ma quello che era bellissimo e’ che si sapeva gia’ dall’inizio ed era parte dell’approvo della commissione di San Francisco vedere come sarebbe stato riqualificato lo spazio pubblico, che beneficio portava alla città e che costi aveva.
Adesso ritorniamo da questa parte del mondo dove vive un sognatore che con i soldi dei cittadini pensa di fare una galleria se sono troppi i soldi coinvolti che c’e’ ne fotte adesso iniziamo i lavori e poi li troveremo (ho sara’ un altra opera incompleta) nel sogno manca che il paese ha visto i propri sogni svanire dietro un carro che suonava una musica bellissima da circo , e’ questo circo lasciava una comunita’ in dissesto finanziario e con ricadute economiche e sociali che conosciamo bene e che dobbiamo pagare .
Dall’altra  parte del mondo in 18 mesi venivano realizzate due gallerie subito dopo il ponte del Golden Gate per smaltire il traffico di pendolari che si riversano nella citta’ ed aumentando la bellezza del ponte stesso, senza ritardi di consegna dei lavori, senza aumenti di spesa e senza troppi festeggiamenti, perche’ e’ normale che chi Governa faccia dei miglioramenti e rendi la vita dei propri cittadini migliore.
Da questa parte del mondo sembra che il tempo e’ fermo e si aspetti il prossimo sognatore che riporti il circo , purtroppo il prossimo non sara’ molto meglio di quei precedenti, perche’ manca una struttura di legalita’ e un senso del servire il popolo .
Gli ultimi 20 anni sono stati la rovina della legalita’ pubblica e ditemi un grande
politico che si e’ salvato in questo periodo (non dalla galera) ma come amministratore della cosa pubblica (pochi).
Da quest’altra parte del mondo a livello nazionale  sono pochi che si sono macchiati la fedina penale ma quando e’ accaduto sono spariti dalla scena politica, perche’ la societa’ non perdona alcuni comportamenti.
Avere un potere politico così invadente nell’economia reale ha creato questa “lumaca italiana” e se non si cambia il nostro modo di vedere la politica ed i suoi rappresentanti, accumuleremo ancora maggiore ritardo nei confronti degli altri paesi.
Da quest’altra parte del mondo si discute su chi sara’ il nuovo Steve Jobs o il nuovo Presidente. E’ nel frattempo vi ricordo che questa piccola citta’ ha creato oltre che ad Apple e Google anche societa’ come Uber o Airbnb che hanno cambiato il modo di viaggiare , o Facebook e Twitter che ha cambiato il mondo della comunicazione sociale, e nessuno aspetta il nuovo sognatore perche’  vivere la propria vita e’ il sogno.
Nell’articolo della sezione dell’UDC mi piaceva molto lo scrivere alla Woody Allen (io penso che sia molto piu’ degna  dell’umoristico graffiante e pungente di Toto’), la parte piu’ bella era quando nella parte finale chiudevano “Per non appesantirvi “ senza sapere che purtroppo ci hanno appesantito (spesso con i loro debiti lasciatoci in eredita).
Da quest’altra parte del mondo vi auguro di vivere il vostro sogno e vivere la vostra vita unica e bella perche’ siete la grande bellezza di Acri.

PUBBLICATO 25/11/2015





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 45  
Amianto. Bando per il censimento e la bonifica degli edifici pubblici, l’Ona chiede la proroga della scadenza
L’ONA Cosenza, assieme all’ONA Reggio Calabria, prende atto dell’allarme creato dal rischio di contagio....
Leggi tutto

Comunicato stampa  |  LETTO 303  
Coronavirus. L’ordine dei giornalisti richiama alla massima attenzione
Di seguito pubblichiamo la nota di Giuseppe Soluri, presidente dell’ordine dei giornalisti della Calabria, riguardo....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 589  
Sila e Acri. Allarme processionaria
È allarme processionaria in Sila e nelle zone limitrofe. E' quanto afferma in una nota, il Comitato Alberi Verdi. "Una gran quantità di pini - è detto nella nota - è stata attaccata dal terribile l ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 747  
Coronavirus. Le linee guida della Regione Calabria
La Regione, per scongiurare possibili casi di contagio, ha diramato le linee guida. Invita i cittadini, che in queste ore rientreranno dalle regioni del Nord interessate dall’espansione epidemica, ...
Leggi tutto

RECENSIONE  |  LETTO 306  
Vincenzo Rizzuto, e Caino disse: 'Andiamo ai campi'
Questa narrazione, che intreccia le vite del calabrese Mario Fossato (emigrato in Germania e figlio di un minatore morto giovane di silicosi), il suo amico palermitano Rocco Ceccuti (il quale arrive ...
Leggi tutto