OPINIONE Letto 3356  |    Stampa articolo

E’ il momento di stampare moneta locale

Foto © Acri In Rete
Fabio De Marco
“E misurarono con l’omer: chi ne aveva preso di più non ne aveva di troppo, chi ne aveva raccolto di meno non ne mancava, ognuno secondo la sua bocca raccolse. A ciascuno secondo i suoi bisogni: non c’è altra misura per bandire l’indigenza”. (De Luca)
In tempo di crisi e stretta creditizia una moneta locale complementare all’euro rappresenta la ricetta terricolizzata della divina “manna dal cielo” appena richiamata.
Una moneta di scopo, per qualcosa non contro qualcosa: per creare occupazione, sostenere associazioni no-profit, sovvenzionare progetti di cura per le persone e l’ambiente, finanziare iniziative culturali, aiutare aziende locali a competere con la Grande Distribuzione Organizzata, per pagare i tributi comunali. Una moneta per far ripartire l’economia della città godendo di un “moltiplicatore keynesiano” su base locale.
La moneta locale è un mezzo di pagamento semplice, un pezzo di carta o di metallo che, di per sé, non ha alcun valore.  Così come non ha alcun valore intrinseco l’euro, l’assegno, il buono pasto, il gettone della slot machine, la fiche del casinò. La moneta acquista valore nel momento in cui, chi la utilizza, crede nel valore che vi è impresso, e nell’Istituzione che l’ha emessa. La moneta, qualsiasi moneta, si regge sulla fiducia.
La sperimentazione  di una moneta complementare come bene comune ha due precondizioni: un governo locale promotore - che è più credibile rispetto a un’associazione - e una cittadinanza responsabile. La fiducia si costruisce con il tempo (e non è semplice; ma se si vuole la semplicità a tutti i costi basta scolarsi una bottiglia di vino rosso). 

PUBBLICATO 06/12/2015





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 77  
Amianto. Bando per il censimento e la bonifica degli edifici pubblici, l’Ona chiede la proroga della scadenza
L’ONA Cosenza, assieme all’ONA Reggio Calabria, prende atto dell’allarme creato dal rischio di contagio....
Leggi tutto

Comunicato stampa  |  LETTO 341  
Coronavirus. L’ordine dei giornalisti richiama alla massima attenzione
Di seguito pubblichiamo la nota di Giuseppe Soluri, presidente dell’ordine dei giornalisti della Calabria, riguardo....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 746  
Sila e Acri. Allarme processionaria
È allarme processionaria in Sila e nelle zone limitrofe. E' quanto afferma in una nota, il Comitato Alberi Verdi. "Una gran quantità di pini - è detto nella nota - è stata attaccata dal terribile l ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 763  
Coronavirus. Le linee guida della Regione Calabria
La Regione, per scongiurare possibili casi di contagio, ha diramato le linee guida. Invita i cittadini, che in queste ore rientreranno dalle regioni del Nord interessate dall’espansione epidemica, ...
Leggi tutto

RECENSIONE  |  LETTO 311  
Vincenzo Rizzuto, e Caino disse: 'Andiamo ai campi'
Questa narrazione, che intreccia le vite del calabrese Mario Fossato (emigrato in Germania e figlio di un minatore morto giovane di silicosi), il suo amico palermitano Rocco Ceccuti (il quale arrive ...
Leggi tutto