OPINIONE Letto 3357  |    Stampa articolo

E’ il momento di stampare moneta locale

Foto © Acri In Rete
Fabio De Marco
“E misurarono con l’omer: chi ne aveva preso di più non ne aveva di troppo, chi ne aveva raccolto di meno non ne mancava, ognuno secondo la sua bocca raccolse. A ciascuno secondo i suoi bisogni: non c’è altra misura per bandire l’indigenza”. (De Luca)
In tempo di crisi e stretta creditizia una moneta locale complementare all’euro rappresenta la ricetta terricolizzata della divina “manna dal cielo” appena richiamata.
Una moneta di scopo, per qualcosa non contro qualcosa: per creare occupazione, sostenere associazioni no-profit, sovvenzionare progetti di cura per le persone e l’ambiente, finanziare iniziative culturali, aiutare aziende locali a competere con la Grande Distribuzione Organizzata, per pagare i tributi comunali. Una moneta per far ripartire l’economia della città godendo di un “moltiplicatore keynesiano” su base locale.
La moneta locale è un mezzo di pagamento semplice, un pezzo di carta o di metallo che, di per sé, non ha alcun valore.  Così come non ha alcun valore intrinseco l’euro, l’assegno, il buono pasto, il gettone della slot machine, la fiche del casinò. La moneta acquista valore nel momento in cui, chi la utilizza, crede nel valore che vi è impresso, e nell’Istituzione che l’ha emessa. La moneta, qualsiasi moneta, si regge sulla fiducia.
La sperimentazione  di una moneta complementare come bene comune ha due precondizioni: un governo locale promotore - che è più credibile rispetto a un’associazione - e una cittadinanza responsabile. La fiducia si costruisce con il tempo (e non è semplice; ma se si vuole la semplicità a tutti i costi basta scolarsi una bottiglia di vino rosso). 

PUBBLICATO 06/12/2015





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 647  
La Fidapa e il tema della maternità. Al via eventi formativi
Diventare mamma per una donna spesso è una scelta consapevole, spesso un desiderio che non si realizza, spesso un evento non previsto, spesso un sacrificio che regala un dono prezioso. È questo il t ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1830  
Ad Acri, nonostante il Santo, i miracoli non si vedono
Noi acresi, pur avendo Sant’Angelo d’Acri, i “miracoli” (sociali) non li avvertiamo. Avverranno, probabilmente, nelle Americhe fra gli emigrati di vecchia data che, forse, avranno difficoltà a ricon ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1454  
Ho chiesto di parlare con il procuratore
Riguardo la notifica della proroga di indagini preliminari a mio carico, pochi giorni addietro, per il tramite del mio difensore di fiducia, avevo richiesto all’Autorità Giudiziaria inquirente di es ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2356  
Cittadini rassegnati e problemi irrisolti
Una città, la nostra, agonizzante, malridotta e senza prospettive. Una città, Acri, tradita da chi aveva promesso quell'inversione di rotta che non c'è stata e dove le fondamentali regole della rapp ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2101  
Solidarietà al sindaco Capalbo
In merito alle recenti questioni diffuse dagli ordini di stampa, mi sento di esprimere piena solidarietà al sindaco Pino Capalbo circa i fatti a lui contestati, nonostante la differente appartenenza ...
Leggi tutto