OPINIONE Letto 4265  |    Stampa articolo

Calabria che fu

Foto © Acri In Rete
Giacinto Le Pera
Dopo aver letto l'articolo di Francesco Spina sul vergognoso e quartomondista disservizio del compromesso ospedale acrese non posso ribadire quanta vergogna ho (ancora una volta) per essermi ritrovato catapultato (di sicuro non per mia scelta) dopo la nascita in questa maledetta regione.
Per mia lungimiranza ho abbandonato Acri e i miei affetti circa 30 anni fa e sono contento di averlo fatto. Lo rifarei.
L'età della formazione è stata accompagnata da rabbia e frustrazione che però ha contribuito a spronarmi e fare esperienze costruttive per migliorare e sentirmi meno "calabrese". Sì, meno calabrese. Non ho problemi a dirlo né tanto meno mi preoccupa l'eventuale "giudizio" di chi leggerà questo mio sfogo: nei primi anni che dal normale mondo dove vivo tornavo in terra calabra, portavo sempre dentro la speranza che la bellezza storico/culturale nonché paesaggistica prima o poi avrebbe avuto la meglio sull'indifferenza e l'ignoranza dei più. Niente di più illusorio. Niente da fare. Passano gli anni ed è sempre peggio. Il mondo fuori da qui si evolve come anche le persone, ma, ahimè, qui no. E se a qualcuno venisse in mente di partorire il pensiero "perché non fai qualcosa per cambiare", rispondo che ho (e non sono il solo) 1000 argomenti e racconti da fargli e 1000 progetti da mostrargli che, più e più volte ho provato a condividere ma, come dice Francesco nel suo articolo, "se non conosci qualcuno" non passi, non hai diritti.
Questa è terra di mala politica e di 'ndrangheta (condividono gli stessi principi).
Chiudo con una triste e vera considerazione dello stimatissimo scrittore calabrese Gioacchino Criaco:
"La Calabria è una terra strana, sospesa tra passato e presente. La sua lingua non contiene il futuro dei verbi, il domani è affidato al destino."
Amen.

PUBBLICATO 30/12/2015





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 803  
Regionali 2020. Il Pd soddisfatto del risultato raggiunto
Prima di addentrarci nell’analisi del voto, vorrei ringraziare, innanzitutto, coloro i quali si sono recati alle urne e soprattutto coloro i quali hanno voluto riporre la loro fiducia nel Partito De ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3710  
La battaglia di Pasquale Fusaro Disabile senza… fisioterapista
Pasquale Fusaro è un ragazzo che ci mette la faccia. Da sempre. Due gli aspetti che lo caratterizzano maggiormente: una grande determinazione nel far valere i diritti dei diversamente abili e la pas ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 852  
Enel Produzione. Partecipato sit in con operai, sindacati ed amministratori
Erano presenti in tanti, lavoratori, ex dipendenti, sigle sindacali, amministratori, al sit in messo in atto dagli operai di Enel Green Power, quelli per intenderci che prestano servizio presso la s ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 1243  
Soddisfazione per l’elezione di Morrone
“Il neo consigliere regionale Luca Morrone, Fratelli d’Italia, ha ottenuto 317 voti che hanno contribuito all’inizio di una nuova avventura all’interno dell’assise regionale” Lo afferma il consiglie ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1129  
Regionali 2020. In città vince il centro destra
Terminiamo il nostro racconto sul voto regionale con quest’ ultimo scritto. Nei giorni scorsi ci siamo occupati delle preferenze dei candidati locali e dell’intera regione e dei voti presi dalle lis ...
Leggi tutto