OPINIONE Letto 4225  |    Stampa articolo

Domani, la rivoluzione!

Foto © Acri In Rete
Franco Bifano
“Ah, se settimana prossima dovesse iniziare la rivoluzione, chiamatemi!” Chiudeva così l'articolo, pubblicato qualche giorno fa, a firma di Giacinto Le Pera e dal titolo "acri e la calabria, sud del sud”. Se i cittadini di Acri me lo permettessero, vorrei scriverlo  sui muri della nostra città.  Ovviamente scherzo anch’io, giocando nel riprendere il suo articolo. Fino ad un certo punto però, perché quello di scriverlo davvero, potrebbe essere una buona idea per avere un  promemoria costantemente sotto gli occhi. Sarebbe come ricordare a tutti noi, quotidianamente, che qualsiasi giorno della settimana è buono per incominciare a percorrere una nuova strada e diventare veramente “cittadini attivi e consapevoli”.
Per  il momento immagino che Giacinto Le Pera (clicca qui per leggere l'articolo, ndr) non abbia ricevuto nessuna chiamata che annunci la “lieta novella”, così come  dubito che la cosa possa accadere in tempi brevi. Tuttavia, sono convinto che la partita della sensibilizzazione delle coscienze, della “rivoluzione culturale” possa e debba essere giocata. Richiederà questo sì, una buona dose d’intraprendenza e temerarietà, ma si può fare.  Ammetto che il problema è trovare (con questi chiari di luna) gente che abbia la giusta dose di questi due elementi. Del resto la fotografia che viene fuori dall’articolo di Giacinto Le Pera (clicca qui per leggere l'articolo, ndr) sulla nostra regione, per quanto impietosa, è ( haimè! ) vera e rende  il compito ancora più arduo. Però, penso sarebbe ingiusto non tenere conto che, per fortuna, esiste un’altra Calabria, quella che “resiste” e cerca di opporsi con i pochi strumenti che ha. E’ la Calabria delle associazioni anti-pizzo, delle cooperative agricole che con fatica lavorano i terreni sequestrati alla ‘ndrangheta, degli imprenditori  che quotidianamente rischiano la vita, dei giovani che scendono in piazza, dei giornalisti coraggiosi che documentano il malaffare. In sostanza, esiste e sopravvive la Calabria dei comuni cittadini  che non si rassegnano e tentano di opporsi alla “mafia” politica, quella  che  trova sempre il modo per favorire gli amici degli amici facendo  affari  con appalti “truccati” e consulenze varie.
Provocatoriamente, nel mio articolo tiravo  in ballo gli intellettuali, le persone libere, ispirate non solo intellettualmente. Gente che, nonostante le oggettive  difficoltà, ancora crede nel bene comune e lo persegue . Magari sono rare, ma resto  convinto che nella nostra comunità vi siano. Mio nonno diceva “nel mondo dei ciechi, beato chi ha un occhio solo”.  Pertanto, chi quell’occhio ce l’ha e per pigrizia, per quieto vivere o, peggio, per rassegnazione lo tiene chiuso, non sarebbe male se cominciasse ad aprirlo e non girasse più la testa dall’altra parte facendo finta di  non vedere.  Come ho già scritto, i vantaggi per i cittadini sarebbero incalcolabili, mentre sarebbero tempi duri  per politici balordi, imbonitori alla Vanna Marchi ed ipocriti di lungo corso.

PUBBLICATO 10/01/2016





Ultime Notizie

Comunicato stampa  |  LETTO 28  
Amianto. Bando per il censimento e la bonifica degli edifici pubblici, l’Ona chiede la proroga della scadenza
L’ONA Cosenza, assieme all’ONA Reggio Calabria, prende atto dell’allarme creato dal rischio di contagio....
Leggi tutto

Comunicato stampa  |  LETTO 281  
Coronavirus. L’ordine dei giornalisti richiama alla massima attenzione
Di seguito pubblichiamo la nota di Giuseppe Soluri, presidente dell’ordine dei giornalisti della Calabria, riguardo....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 495  
Sila e Acri. Allarme processionaria.
È allarme processionaria in Sila e nelle zone limitrofe. E' quanto afferma in una nota, il Comitato....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 739  
Coronavirus. Le linee guida della Regione Calabria
La Regione, per scongiurare possibili casi di contagio, ha diramato le linee guida. Invita i cittadini, che in queste ore rientreranno dalle regioni del Nord interessate dall’espansione epidemica, ...
Leggi tutto

RECENSIONE  |  LETTO 300  
Vincenzo Rizzuto, e Caino disse: 'Andiamo ai campi'
Questa narrazione, che intreccia le vite del calabrese Mario Fossato (emigrato in Germania e figlio di un minatore morto giovane di silicosi), il suo amico palermitano Rocco Ceccuti (il quale arrive ...
Leggi tutto