POLITICA Letto 3156  |    Stampa articolo

Arena incassa il si dell’Anac. Per l’Anticorruzione non c’era incompatibilità

Foto © Acri In Rete
Rosanna Caravetta
L'ex consigliere comunale in forza all’Udc ,  Vincenzo Arena, sarebbe  stato espulso impropriamente dall’assise comunale. Non c’è incompatibilità tra il ruolo di consigliere comunale e quello di direttore del distretto sanitario Pollino-Esaro.  A sancirlo è l’Autorità  Anti Corruzione con una delibera a firma di Raffaele  Cantone con la quale si  disciplinano  " Ambito e limiti di applicabilità  delle disposizioni in tema di inconferibilità  ed incompatibilità  ai dirigenti medici......".
Le ipotesi di inconferibilità  e di incompatibilità di  incarichi presso Asl devono intendersi , si legge nella delibera,  "applicare solo con riferimento agli incarichi di direttore generale, amministrativo e sanitario". Pertanto alla luce di tutto ciò il centrista Arena , attraverso una nuova richiesta protocollata nei giorni scorsi in Municipio e indirizzata  al sindaco, al  presidente del Consiglio e al segretario generale , al  prefetto e al presidente dell’Autorità  , chiede che venga applicata la delibera numero 149 del 22 dicembre 2014 dell'Anac e conseguentemente  revocata la delibera consiliare numero 26 del 21 agosto 2013. Delibera con la quale  la maggioranza fece decadere Arena  ritenendo  incompatibile i due ruoli e  applicando il decreto legislativo dell’aprile 2013 che riguarda le incompatibilità tra amministratori e dirigenti di enti pubblici. Iniziò a quel punto una battaglia legale tra la giunta e Arena.  
Poi la sentenza del Consiglio di Stato che, ha ricordato Arena,  "escluse l’incompatibilità  tra la qualifica di direttore sanitario e la carica di consiglieri. In particolare il Consiglio di Stato  dettò una disposizione speciale assoggettando al regime di incompatibilità solo i tre incarichi di vertice escludendo - ha precisato  Arena- il personale ad esso subordinato anche se con incarichi dirigenziali".  Ma,  nonostante quella sentenza e la richiesta di Arena di rientrare nel civico consesso,  la maggioranza non fece nessun passo indietro.
Oggi , a sostegno delle ragioni di Arena,  anche l’Anac che con la nuova delibera , sostitutiva della numero 58 del 2013,  ha cercato di fare chiarezza evitando ulteriori dubbi interpretativi e applicativi.  

PUBBLICATO 08/06/2016





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 273  
Cammino Basiliano. Acri inserito nel percorso
L’Amministrazione Comunale, comunica alla cittadinanza che Acri è inserito ufficialmente nel percorso denominato “Cammino Basiliano”. Questo è stato possibile grazie all’immediato intervento dell’as ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 171  
La politica ondivaga della crisi
Si rimane esterrefatti di fronte allo spettacolo indecente offerto dalla politica ondivaga della profonda crisi che pervade oggi tutta la società italiana. Un esempio eclatante di questa crisi è sta ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 150  
La Shoah al Maca
La Giornata della Memoria, di lunedì 27 gennaio, getta una nuova luce sull’importante mostra retrospettiva “La materia della memoria” dedicata al maestro Giorgio Celiberti, a cura di Anselmo Villata ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 318  
Presentazione della seconda edizione del Vocabolario calabro del Padula. La Fondazione e la città assenti
In attesa del terzo Volume (P-Z) del Vec, Vocabolario Etimologico Calabrese, previsto per i primi del 2021, il gruppo di ricerca coordinato e diretto dal prof. John B. Trumper (direttore scientifico ...
Leggi tutto

INTERVISTA  |  LETTO 1741  
Focus. Chiarimenti sulle bollette del servizio idrico
Nei giorni scorsi gli utenti si sono visti recapitare due bollette del servizio idrico che riguardano il saldo 2018 e l'acconto 2019. Esse potrebbero contenere alcuni errori.
Leggi tutto