OPINIONE Letto 2841  |    Stampa articolo

Un poeta per amico

Foto © Acri In Rete
Franco Bifano
"Ognuno ha gli amici che si merita!", dice sempre mia madre quando le parlo della fortuna di avere buoni amici. Fra questi , Angelo Canino fa parte del gruppo degli amici d’infanzia ed è un poeta.  Acrese doc, poeta appunto, con la passione del vernacolo.  Cinque opere all’attivo, numerosi riconoscimenti ottenuti insieme  tantissimi premi vinti in quasi tutte le regioni d’Italia, da nord a sud, dalla Lombardia alla Sicilia.  Nel suo curriculum vanta anche la Menzione d’Onore al quarto posto del Premio letterario Internazionale “Europa” di Lugano, in Svizzera. Inoltre, molte delle sue poesie sono presenti, addirittura, in più di cinquanta antologie. Scherzando gli chiedo quanto gli sia costato corrompere tutti questi editori. Stando al gioco, sorride  e risponde: "Molto, anzi troppo!"
 In realtà, il suo è un talento autentico, riconosciuto, apprezzato e “certificato”  dai  tanti premi  e concorsi vinti. Tuttavia, le sue qualità fanno fatica a trovare il giusto riconoscimento in ambito locale.  Quando ci ritroviamo a parlarne, anche attraverso i microfoni di radio AKR, dimostra ovviamente la sua soddisfazione per i risultati ottenuti, non nascondendo però un certo rammarico per  quest’ultimo  aspetto.
Non essendo comunque tipo da lasciarsi scoraggiare, continua a guardare avanti e a coltivare  questa sua passione. In tutti i suoi precedenti lavori, a parte il primo dal titolo “Ad Acri si parla così ”, una sorta di dizionario acrese-italiano che fa da prologo a tutte le opere successive, si ritrovano momenti di vita vissuta, racconti di antichi mestieri, di usanze ormai scomparse, di luoghi del centro storico dove siamo cresciuti insieme. Non di rado nelle sue poesie riprendono vita persone che ormai esistono solo nei nostri ricordi. I suoi versi riescono a delinearne i tratti, ad animare  scene e frammenti di vita.    
In Profumi ‘e cosi antichi, Angelo Caninofa rivivere momenti del passato, facendone percepire con delicatezza e disincanto persino gli odori e gli antichi sapori. La presentazione di questo suo nuovo testo è prevista sabato 18 giugno, sarà dunque l’occasione per ritrovare quelle sensazioni ed emozioni che solo la sua bella poesia dialettale sa regalare.

PUBBLICATO 15/06/2016





Ultime Notizie

EDITORIALE  |  LETTO 374  
I fatti della settimana. Mascherine, codardia, coraggio
Iacchitè (termine utilizzato nella città di Cosenza per esprimere stupore) che settimana che è stata! Politica. La prima pagina spetta alla politica ed in particolare alla maggioranza che governa la ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1546  
Gioielleria svaligiata. Emergono altri particolari. Ecco chi sono i colpevoli
Due uomini e una donna sono stati fermati dai carabinieri a Pelago, in provincia di Firenze, con l’accusa di essere gli autori della rapina avvenuta giovedì scorso ai danni della gioielleria Garofal ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2379  
Una città allo sbando, chiamata a pagare colpe non sue
Più volte negli ultimi tempi siamo stati costretti a impugnare la penna per denunciare lo stato di progressivo degrado in cui è stata ridotta Acri. Mai avremmo pensato, anche nel peggiore dei nostri ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1250  
Gioielleria saccheggiata. Ritrovata la merce ma ancora tanti aspetti da chiarire
E' stata rinvenuta nei pressi di Firenze la refurtiva della rapina all'ex gioielleria Garofalo. Il proprietario, Antonio Garofalo era stato vittima, lo scorso mercoledì, di un'aggressione, nei press ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 735  
Basta girare le spalle al futuro!!!
Con molto rammarico e molto dispiacere dobbiamo constatare che c’è da aggiungere un altro tassello negativo per la nostra cittadina. Dopo la chiusura delle attività commerciali e artigianali, dopo l ...
Leggi tutto