OPINIONE Letto 8246  |    Stampa articolo

Acri. Alberi e motoseghe

Foto © Acri In Rete
Angelo Gaccione
Apprendo, con profondo dispiacere, che i superstiti platani di via Raffaele Capalbo, saranno a breve eliminati. Una parte di essi aveva di recente dovuto soccombere ad un primo perentorio assalto delle motoseghe, che ne ha interrotto quella magnifica linea prospettica che dal limitare dell’ufficio postale si estende (ancora per poco) oltre il palazzetto dello sport e la bocciofila, incrociando via Aldo Moro.
Il lungo dritto filare di questi splendidi alberi, conferiva dignità di viale ad una zona considerata impropriamente residenziale e che sta sperimentando tutti gli errori e gli orrori di una urbanizzazione selvaggia e senza criterio alcuno, com’è possibile vedere se - di vedere - naturalmente, si ha voglia.
Percorrere questo viale a piedi era oltremodo piacevole: ombra, frinire di cicale e cinguettii di ogni sorta che ti deliziavano: un regalo e un privilegio che non tutti i centri urbani possono vantare.
Si taglia per far posto ad una pista ciclabile e perché le radici delle piante pare abbiano creato delle gobbe ai marciapiedi. Queste sono le motivazioni a quanto pare, e questo è quanto mi è stato dato di appurare.
Se davvero stanno così le cose, siamo al ridicolo. Non solo non ho visto in tutti questi anni una sola bicicletta lungo questa direttiva (Acri è un ossessivo e perpetuo carosello di auto e di moto), ma se era necessario costruire un moncone di pista ciclabile lungo tale percorso (con cosa si raccordi e dove sia diretto resta un mistero), bastava farlo scorrere a fianco del marciapiede; quanto alle gobbe bastava una semplice opera di risistemazione, come avviene in qualsiasi città dove esistono alberi. Vi immaginate che per un semplice problema di radici Roma abbatta i secolari alberi dei suoi viali o dei lungotevere?
Con una trasversale compiacente concordanza, presto lo scempio si compirà definitivamente. Quando l’ignoranza, la stupidità e l’incoscienza si alleano, gli esiti non possono che essere rovinosi. Chi lo avrà autorizzato, chi lo avrà eseguito e chi lo avrà lasciato compiere senza muovere un dito, dovrà assumersene per intero la responsabilità e la vergogna. Io, per quanto mi riguarda, sto dalla parte degli alberi abbattuti e che si abbatteranno.
Contro tutti loro.




PUBBLICATO 19/07/2016





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 1352  
Un capolavoro incompiuto
La serata è fresca, nulla però a che vedere con la temperatura tipica del periodo. Il fatto che non vi sia più parcheggio libero nell’ampia piazza che fa quasi da ingresso a Palazzo Sanseverino-Falc ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 750  
Depuratore Bisignano. Nel 2010 interrogazioni di Feraudo e Belisario
Esattamente dieci anni fa, nell’aprile del 2010, la vicenda collegata al depuratore privato di località Mucone, fu al centro di un incontro organizzato da Italia dei Valori con la partecipazione del ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 727  
Il Patto per il Sud con la foto del Nord. La gaffe del Governo
Una clamorosa gaffe, un errore madornale, una svista frutto di approssimazione e superficialità. Oggi a Gioia Tauro il premier Conte ed il ministro Provenzano hanno presentato il Patto per il Sud 20 ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 2079  
Comune. Ammessi alla prova orale
Sull’albo pretorio del comune di Acri, è pubblicato l’elenco degli ammessi alla prova orale (con data della prova) per il conferimento di incarichi professionali esterni per l’attuazione del Sia-Rei
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1078  
Iscrizioni scuole superiori. I dati ufficiali
Lo scorso 31 gennaio sono scaduti i termini per l’iscrizione agli istituti scolastici di primo e secondo grado. Questi i dati ufficiali per quanto riguarda gli istituti superiori; Ipsia 96, Liceo 97 ...
Leggi tutto