OPINIONE Letto 3472  |    Stampa articolo

Museo MACA: indagherà la Procura

Foto © Acri In Rete
Giacinto Le Pera
Da cittadini abbiamo il dovere di riconoscere l'autorità di un'Amministrazione. Cosa fondamentale però, è riconoscere a noi stessi il diritto ad essere amministrati ordinatamente, altrimenti sosteniamo un potere oltre che disordinato, contorto e malsano, anche demenziale . Sostenerlo quando regolamenta per se stesso e mai per la cittadinanza è semplicemente un suicidio collettivo.
Il giorno mercoledì 24 agosto u.s. alle 10h30, il Sig. Giacinto Le Pera supportato dal Comitato per i Beni Comuni, nelle stanze dell'acredine potenza acritana, ha incontrato il Sindaco Nicola Tenuta, l'Assessora Paola Capalbo, la Responsabile Settore Cultura Anna Sposato, Presidente, Vice e consigliere del Comitato di Gestione del MACA Francesco Cilento, Giuseppe Faragasso e Giuseppe Cristofaro, portando come oggetto di discussione e confronto l'insostenibile pesantezza del cenotafio/museo che domina sulla cittadina acrese. 
Terminato l'incontro durato oltre due ore:
Visto che per la nomina a direttore artistico, avvenuta nell'anno 2005, il Comune di Acri non ha adoperato alcun criterio di verifiche di idoneità tra più competitor come invece prevede il Regolamento (http://www.comuneacri.gov.it) ;
Visto che tale Regolamento prevede che le risorse finanziarie per alimentare il Museo li deve intercettare l'Amministrazione Comunale e non una Società privata ;
 - Visto che il Regolamento è stato approvato anche dai membri dell'opposizione senza preoccuparsi di verificarne la sua attuazione ;
Visto il danno di euro 43.500 (quarantatremila/500) contratto nell'anno 2008 dall'autoproclamato direttore artistico Silvio Vigliaturo danneggiando molte delle opere relative all'esposizione de "I Maestri dell'Informale" ;
Visto il danno prodotto nel 2016 dal Vigliaturo recidivo, oltre che economico (del quale tengono ben nascosto l'importo) anche d'immagine, con la mostra "Nouveau Réalisme, l’Esprit Provocateur di Mimmo Rotella" ;
Visto che la gestione ordinaria (personale, utenze, manutenzione) e straordinaria è 10 anni orsono a carico della comunità ;
Visto che il Museo MACA è di proprietà della comunità tutta e che il direttore artistico e la Società che gestisce finanziamenti pubblici ed attività culturali sono abusivi ;
Visto che il Comitato di Gestione Maca e Responsabile Settore Cultura non hanno aderito al compito di controllori come prevede il Regolamento ;
Visto che nessuna azione politica in merito è stata mai intrapresa e né si ha intenzione di praticarne ;
Visto l'improbabile metro di misura che si utilizza da queste parti per valutare requisiti morali e professionali di millantatori di ogni sorta ;
Visto che tra i componenti del comparto organizzativo/abusivo del Museo risulta presenziare il Sig. Omissis, indagato dalla Procura di Padova (http://mattinopadova.gelocal.it),
Si riservano di chiedere l'intervento di organo terzo: Procura della Repubblica Italiana.

PUBBLICATO 04/09/2016





Ultime Notizie

SPORT  |  LETTO 298  
Calcio a cinque. Serralonga Pertina pareggia ma resta prima
Finisce in parità lo scontro al vertice del Girone A di Serie C2....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1565  
La vicenda della donna costretta a dormire su una panchina per lavorare. Inventato un caso mediatico
Riteniamo opportuno pubblicare la notizia perché essa coinvolge anche nostri concittadini....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1267  
Addio a Frà Egidio
Volutamente abbiamo fatto trascorrere i giorni di festa per poi ricordare Frà Egidio Cozzolino....
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 508  
Il punto sulla Promozione. Acri in crisi
Nella nona giornata spiccano la seconda sconfitta consecutiva dell’Acri, il quarto posto del San Fili....
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 5026  
Se anche i commercianti acresi snobbano Acri
Abbiamo aspettato un po’ di tempo prima di pubblicare questa nostra opinione. Abbiamo tergiversato perché....
Leggi tutto