OPINIONE Letto 3173  |    Stampa articolo

Relazioni pericolose

Foto © Acri In Rete
Franco Bifano
Non tutte le relazioni possono essere della stessa qualità, alcune sono più attendibili di altre. No, non mi riferisco ai legami che  si possono stabilire fra esseri umani, ma alle relazioni a corredo di una perizia tecnica! L’attendibilità di una perizia, dipende, sicuramente, dalla serietà, dalle competenze e dalla professionalità  di chi è chiamato a redigerla. Tuttavia,  come si dice,  è bene non fare di tutta l’erba un fascio!
Ad esempio,  fare una perizia per stabilire se, dati alcuni parametri,  un evento possa accadere o meno  è un compito assai  delicato che va svolto innanzitutto secondo coscienza (spero !), poi in  base alle conoscenze,  alle proprie  competenze e con gli strumenti più idonei e moderni. Su questo si può essere tutti d’accordo, penso.
Il problema è come possiamo essere sicuri che una perizia magari destinata a condizionare aspetti importanti della vita  sia attendibile? E qui viene il  bello! Il modo più efficace è, ovviamente, una contro perizia. Fortunatamente  esiste  questa possibilità,  altrimenti si correrebbe il rischio di restare prigionieri di attestazioni che alla lunga possano rivelarsi poi non attendibili. Teniamo conto del fatto che, a volte, una perizia fallace può rendere  la vita difficile anche a migliaia di persone. Non è uno scherzo! Credete che  stia esagerando? Allora facciamo qualche esempio concreto.
Ricordate la vicenda dell’imminente crollo della S.S  660,  strada che collega notoriamente Acri con  Cosenza?  Quella che per mesi  ha complicato la vita a tutti noi! Come dimenticarla, e soprattutto come dimenticare  la strada chiusa e il percorso alternativo via Vagno. Impossibile! Un inferno! Non solo, visto le  catastrofiche   previsioni di un  imminente “collassamento” dell’importante arteria stradale,  vennero addirittura installati i rilevatori  satellitari  per misurarne e valutarne gli  spostamenti millimetrici quotidiani! Signori, alta tecnologia! C’è mancato poco che intervenisse  anche la  NASA con un controllo direttamente  dallo spazio attraverso la stazione orbitante MIR, roba forte insomma!  Si ritenne indispensabile anche   dover  collocare sul posto una postazione  ANAS per consentire   un controllo a  vista (come i detenuti al 41 bis) di due addetti  24 ore su  24. Risultato? Oggi, sappiamo che tutto questo ambaradan, oltre all’immane spreco di risorse durato anni, contribuì  ad avvelenare la vita  a chi quotidianamente  era costretto a viaggiare sul percorso cosiddetto alternativo. Dopo  20 anni (20 anni!!)  la strada è ancora li, acciaccata certo, ma ancora li!. Si potrebbe obiettare   che all’epoca furono effettuati degli  interventi di “contenimento” ma non sarebbero questi  buoni argomenti, anzi  sarebbero un  aggravante in quanto quegli stessi interventi furono “bollati”, fin da subito come peggiorativi.
 Ma, se  poi volessimo restare nella stretta attualità, ricordo che  è in corso un duello per stabilire la possibile chiusura del ponte di Celico. Da mesi c’è chi ne prevede il crollo e c’è chi sostiene il contrario. Sta di fatto che il ponte è ancora li, in piedi senza neanche essere chiuso al traffico.
 Ergo, circolano relazioni   quantomeno discutibili, così come evidentemente vi sono in giro tecnici discutibili almeno quanto le loro perizie. Il problema è serio perché qualcuno potrebbe chiedersi come si fa, al bisogno,  ad individuare dei tecnici capaci? Bella domanda, ma è ovvio, si possono individuare attraverso una buona perizia! Di quale genere? Fate  un po’ voi, mica posso fare tutto io!

PUBBLICATO 03/12/2016





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 1234  
Ripresi i furti nelle abitazioni. Le zone colpite e le precauzioni
Alcuni, fortunatamente, non andati in porto altri, invece, hanno fruttato....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 242  
Colle Dogna. Quattro mila anni di presenze umane
Seimila reperti rappresentano quattromila anni di presenze umane nel sito di Colle Dogna....
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1052  
Morte Fusaro. Tante cose da chiarire, ricorreremo in Appello
Spett.le Redazione di Acri In Rete, la recente pubblicazione sulla testata online del “Comunicato Stampa” relativo all’assoluzione da parte di un giudice del Tribunale di Novara del cardiochirurgo E ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 944  
Sindacato carabinieri. Lello Esposito segretario regionale dell’Unarma
Gli acresi continuano a farsi apprezzare ed a ricevere gratificazioni in ogni campo. Oggi è il caso di Raffaele Esposito (nella foto), per gli amici Lello, 53 anni, acrese doc in forza al Comando ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 807  
Poste Italiane e banche. Attenzione agli sms falsi
Sono sempre più frequenti sms del tipo che vi mostriamo in foto e che arrivano sui cellulari (è successo anche a noi). Questo riguarda Poste Italiane ma accade anche per le banche.
Leggi tutto