NEWS Letto 2429  |    Stampa articolo

Gas radon, pericolo alto ma poco conosciuto. A breve i risultati Arpacal su Acri

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Email
La Calabria, come risaputo, è una delle regioni più esposte ai rischi naturali: rischio sismico, alluvioni, idrogeologico, erosione costiera.
C’è un altro rischio, molto presente ma poco conosciuto e sottovalutato: il Radon, un gas radioattivo che puo’ risultare cancerogeno se inalato in concentrazioni elevate. Un gas inodore e invisibile ma molto pericoloso.
La principale fonte di questo gas risulta essere il terreno, dal quale fuoriesce e si disperde nell’ambiente, accumulandosi in locali chiusi dove diventa pericoloso.
Il Radon, con simbolo chimico Rn, si concentra soprattutto in determinate rocce (granitiche e metamorfiche) e in corrispondenza delle faglie, ecco perché in molte zone della Calabria, dove sono presenti questi tipi di rocce e queste strutture, il Radon è molto presente.
Il territorio di Acri, costituito da graniti e metamorfiti ed attraversato da numerose faglie, è ad alto rischio. Ecco perché è uno dei siti più studiati da parte dell’ArpaCal.
Del gas Radon, dei suoi effetti e di come ci si può difendere se ne è discusso nel corso di un convegno che si è tenuto martedì scorso all’Unical ed a cui hanno preso parte esperti del settore, geologi, ingegneri, fisici, esponenti politici ma anche medici.
Si stima, infatti, che il Radon sia la seconda causa di tumore al polmone dopo il fumo di sigaretta. Tre anni fa, il Comune di Acri è stato uno dei primi, della provincia di Cosenza, a partecipare all’iniziativa promossa dall’ArpaCal che prevede la formazione di una banca dati. Nel prossimo mese di maggio l’ArpacCal diffonderà finalmente la mappatura ed i risultati dei siti monitorati.
Per determinare la concentrazione di Radon presente in un locale ci si può rivolgere proprio all'Arpacal oppure ad aziende private che svolgono questo tipo di misure tramite appositi rivelatori (esposimetri).
Gli strumenti di misura vanno posizionati preferibilmente nei locali dove si soggiorna più a lungo. Poiché specialmente nel periodo invernale l'abitazione aspira aria, che potrebbe essere ricca di Radon, è preferibile effettuare le misurazioni in questa stagione. Per la eventuale bonifica, vi sono interventi di facile realizzazione e poco invasivi per gli edifici.
E’ possibile effettuare uno screening autonomo dei propri locali attraverso dei dosimetri economici ed in vendita anche su internet.

PUBBLICATO 12/04/2017





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 1562  
Rifiuti. La raccolta differenziata raggiunge il 63%
La ditta annuncia il 63% e ringrazia i cittadini per il risultato ottenuto dopo poco più di due anni. Era il gennaio 2015 e tra lo scetticismo generale, compreso quello di alcune forze politiche, la ...
Leggi tutto

FOTO NOTIZIA  |  LETTO 1841  
Acri merita rispetto
Non ho molto da dire perché queste foto parlano da sole, ad Acri ormai è abitudine vedere questo degrado e questa sensazione di abbandono Le foto sono state scattate in VIa Sant'Umile di BISIGNANO ( ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 954  
Il Rotary e l'IPSIA sull'uso delle droghe
Interessante iniziativa promossa dal Rotary, presieduto da Maria Francesca Spezzano, che per la prima volta ha varcato la soglia di una scuola. Presso l’istituto professionale si è discusso di drog ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 1410  
Oro per il Liceo Julia alla fase provinciale dei Campionati studenteschi
Giovedì 20 aprile i ragazzi del Liceo V. Julia hanno partecipato con successo alla fase provinciale dei Campionati studenteschi di atletica leggera tenutasi al campo sportivo di Cosenza. La gara ape ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1566  
Revocati gli arresti domiciliari al 46enne che aveva demolito la recinzione
Sono stati revocati gli arresti domiciliari al 46enne, assistito dall’avvocato Sergio Algieri, che lo scorso 21 marzo aveva demolito con un caterpillar la recinzione del capannone dell’azienda di fa ...
Leggi tutto