COMUNICATO STAMPA Letto 2003  |    Stampa articolo

Le ragioni di una scelta

Foto © Acri In Rete
Progetto Acri a 5 Stelle
Email
Come ormai risaputo anche questa volta il Movimento 5 Stelle non parteciperà alle prossime elezioni comunali della nostra città. A nulla sono valsi il lavoro svolto e i risultati che come Progetto Acri a 5 Stelle abbiamo conseguito: l’uso del simbolo non è stato concesso.
A causa, supponiamo dell’ancora scarsa organizzazione e strutturazione del Movimento, in particolare a livello locale.
Noi tuttavia non ci siamo arresi. Le istanze e le idee che esso esprime sono per noi irrinunciabili. Istanze e idee, ricordiamolo, che alle ultime elezioni politiche hanno riscosso il consenso di oltre 3 mila elettori acresi (pari al 28% dei votanti); tanto è sentita, tra i nostri concittadini, l’urgenza di un rinnovamento radicale e profondo della politica.
Alla luce di tali considerazioni abbiamo sentito il dovere di partecipare alla competizione elettorale di giugno. E quando abbiamo scoperto Mario Bonacci, la cui storia racconta di un professionista serio e onesto che ha vissuto e vive del proprio lavoro e come amministratore è l’unico che negli ultimi 17 anni della storia di Acri sia riuscito, da assessore al bilancio a ridurre il debito da € 17 ml ereditati dalla giunta Tenuta a € 3 ml, abbiamo ritenuto che fosse l’uomo giusto per il momento storico del nostro comune che è in dissesto finanziario e abbiamo dato vita, insieme a lui e a tutti i candidati e sostenitori, a PROGETTO ACRI.
Insieme abbiamo elaborato, in perfetta sintonia, il programma amministrativo che vi invitiamo a conoscere e giudicare. Programma che si basa sulla partecipazione attiva e feconda dei cittadini, di tutti i cittadini, al processo propositivo e decisionale, come una reale democrazia esige, come la nostra Costituzione solennemente stabilisce.
D’altra parte solo tale pratica può rappresentare lo strumento capace di rigenerare una comunità, di renderla forte, coesa, prospera.
Le liste che sostengono Mario Bonacci, il nostro candidato a Sindaco, sono due: NOI PER ACRI e DEMOCRATICI PER LA LEGALITÀ.
Francesco Greco è il candidato a consigliere comunale, scelto dal nostro gruppo, ed è presente nella lista DEMOCRATICI PER LA LEGALITÀ.
Invitiamo tutti gli elettori a votarlo, così come vi invitiamo a votare Mario Bonacci a Sindaco. In particolare ci rivolgiamo ai simpatizzanti del Movimento, voi che siete persone che rifugiano dal clientelismo dai trasversalismi e dagli accordi di potere: sosteneteci e lavorate con noi per realizzare INSIEME una Acri a 5 Stelle.

PUBBLICATO 15/05/2017





Ultime Notizie

INTERVISTA  |  LETTO 236  
Verso le elezioni. Video intervista a Mario Bonacci
Mario Bonacci, docente, già assessore al bilancio nella giunta Coschignano dal 2005 al 2010. Ha da poco aderito al Movimento Articolo 1, fondato da Speranza e D’Alema, e’ a capo di due liste, Noi Ac ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 120  
Gli alunni dell’I. C. “ex II circolo” incontrano i ragazzi della casa di Abou Diabo
Sabato 27 maggio 2017 presso i locali della scuola secondaria di I grado di via Aldo Moro si è svolto un seminario/dibattito fra gli alunni delle classi III A, III B, III C e i ragazzi e gli operato ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 318  
La nave della legalità
LA NAVE DELLA LEGALITÀ, in ricordo delle stragi di Capaci e Via D’Amelio, è rientrata da poco nel porto di Civitavecchia, ha portato più di 1300, tra giovani e docenti a Palermo, in piazza Maggione ...
Leggi tutto

INTERVISTA  |  LETTO 1459  
Verso le elezioni. Video intervista a Pino Capalbo
Pino Capalbo, avvocato, già capogruppo Pd alla Provincia ed al Comune, può vantare ottimi rapporti con i vertici provinciali e regionali Dem, è sostenuto da sette liste, Pd, Acri in comune, Uniti La ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 2452  
Verso le elezioni. L’ex sindaco Tenuta: “non date la fiducia a chi ha saccheggiato il comune ed a chi fa solo promesse” (video dell'intervento)
Dopo aver deciso di non ricandidarsi, all’indomani della mozione di sfiducia firmata da nove consiglieri, di cui uno di maggioranza, su sedici, aveva ritenuto opportuno stare ai margini pur sostenen ...
Leggi tutto