COMUNE Letto 4626  |    Stampa articolo

Fabbricatore: rimetto il mandato nelle mani del sindaco

Foto © Acri In Rete
Portavoce Sindaco - Acri
Mi dimetto dalla carica di presidente del consiglio comunale e rimetto il mandato nelle mani del sindacoCosimo Fabbricatore, quindi, decide di lasciare lo scranno più importante di un’assise comunale.
Subito dopo la mia rielezione, dice Fabbricatore, avvenuta nella seduta del consiglio comunale dello scorso sedici settembre, con soli otto voti su nove della maggioranza, dissi che avrei atteso e riflettuto e poi preso delle decisioni.
Nonostante siano trascorsi trenta giorni, nessuna giustificazione è pervenuta al sottoscritto riguardo l’esito di quella votazione. Resto  convinto di aver svolto il ruolo, in questi tre anni e tre mesi, con equilibrio e imparzialità, attenendomi al regolamento dello Statuto, tutelando, come giusto che sia, anche le forze di opposizione e tenendo alto il nome dell’Istituzione Comune.
Ricordo che ad inizio legislatura, sono stato eletto all’unanimità, con i voti della maggioranza, compresi quelli dei consiglieri Viteritti e Cavallotti, oggi tra i banchi della minoranza, oltre al voto di un membro dell’opposizione.
Dopo poco più di tre anni ritengo ingiustificati ed inopportuni i motivi che hanno indotto i consiglieri di maggioranza, escluso il sindaco, a costringermi alle dimissioni a pochi mesi dalla fine della legislatura.
Naturalmente, sosterrò la nuova figura che sarà individuata dalla maggioranza e svolgerò il ruolo di consigliere comunale senza più quei limiti impostimi dalla precedente carica.
Si tratta
, dice ancora Fabbricatore, di una decisione sofferta, mi dimetto con amarezza, sempre più convinto di aver svolto in modo egregio il mio compito.
Vorrei essere giudicato sulla base di come ho ricoperto la carica istituzionale ma sono convinto che queste prese di posizione sono dettate non dal modo in cui ho svolto il ruolo di presidente del consiglio comunale, bensì dalla volontà di rinnovamento in termini di nuove persone
.
Una scelta, conclude Fabbricatore, che dovrebbe essere condivisa da tutti e non da pochi, altrimenti potrebbe rappresentare come una questione personale.

PUBBLICATO 18/10/2016





Altre dal Comune

COMUNE  |  LETTO 1050  
L'Amministrazione comunale incontra il direttore generale Sergio Diego
Si è tenuto martedì 9, alle ore 10:00, presso la sede dell’ASP di Cosenza, un incontro fra il direttore generale, Sergio Diego e una delegazione dell’Amministrazione comunale di Acri con in testa l’ ...
Leggi tutto

COMUNE  |  LETTO 693  
Comune. Auguri di buone vacanze a tutti i ragazzi
L’Amministrazione comunale, formula gli auguri di buone vacanze, sicuramente meritate, a tutti i ragazzi e si congratula per il ricco cartellone offerto, alla città, dalle numerose scuole di danza p ...
Leggi tutto

COMUNE  |  LETTO 3434  
I disagi degli impianti di Trionto e Mucone non imputabili al Comune
Riguardo i disagi per la mancanza di acqua in alcune zone del territorio, l’ufficio tecnico, servizio acquedotti, precisa che essi sono dovuti all’interruzione dell’energia elettrica che ha interess ...
Leggi tutto

COMUNE  |  LETTO 2656  
Venerdì l'assessore Capalbo nelle scuole superiori per il giorno della memoria
Anche il Comune di Acri, ricorderà la Shoah. Venerdì prossimo, 27 gennaio, Giorno della Memoria, l’Assessore alla cultura e pubblica istruzione, Maria Paola Capalbo, si recherà nelle scuole superior ...
Leggi tutto

COMUNE  |  LETTO 3428  
Sala San Giacomo chiusa: solo una dimenticanza da parte degli uffici
Sabato scorso, un gruppo di liberi cittadini, associazioni ed alcuni partiti politici, non hanno potuto tenere il previsto incontro su “No all’esternalizzazione del servizio tributi”,  presso la sal ...
Leggi tutto