COMUNICATO STAMPA Letto 2076  |    Stampa articolo

Immobili comunali fatiscenti, la nostra proposta

Attivisti Acri 5 Stelle
Foto © Acri In Rete
Sono molteplici gli immobili sul territorio comunale, soprattutto localizzati nel centro storico cittadino, in stato di deperimento che potrebbero rivelarsi pericolosi per l’incolumità pubblica perché non più manutenuti, inutilizzati o che abbiano perso l’interesse sociale per i proprietari. Immobili collabenti e terreni incolti, che possono compromettere il decoro, la sicurezza, le condizioni igienico-sanitarie e ambientali del territorio.
Per questo motivo noi “Attivisti Acri 5 Stelle”, abbiamo presentato, all’amministrazione comunale una bozza di regolamento per l’acquisizione al patrimonio comunale, la riqualificazione e il riuso, anche attraverso la cessione a Terzi, di immobili in stato di abbandono del Centro Storico.
Il Regolamento si pone come obiettivo di prevenire il degrado urbano derivato dall’incuria e dallo stato di abbandono degli immobili.
Il regolamento prevede l’applicazione del principio della “funzione sociale” di un immobile e mira all’acquisizione di beni di proprietà privata abbandonati, destinandoli, una volta diventati patrimonio comunale, alla riqualificazione e al riuso, anche attraverso la cessione a terzi. Il Sindaco potrebbe così intimare ai proprietari il ripristino della funzione sociale del bene e, in caso di inerzia degli stessi, la diffida ad attivarsi entro un termine, trascorso il quale si passerebbe all’acquisizione del bene al patrimonio comunale.
Non si tratta di un esproprio, ma di un’acquisizione al patrimonio comunale per il riuso del bene per pubblica utilità, come sancito all’art.42 c. 2 della Costituzione e per il ripristino dell’incolumità pubblica.
Come cittadini e attivisti, chiediamo che tale regolamento venga adottato dall’ente comunale, un provvedimento che, se approvato, potrebbe consentire il recupero del decoro urbano, ma anche la diminuzione dell’uso del suolo.
Altri comuni italiani, come ad esempio Napoli, Milano, Serra S. Bruno, Petrizzi, ecc., hanno già attuato politiche per il recupero ed il riutilizzo degli immobili abbandonati e fatiscenti, o che potrebbero essere acquisiti dall’amministrazione comunale e destinati all’utilità sociale.

- scarica la proposta di regolamentazione

PUBBLICATO 09/04/2019

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altri Comunicati

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 840  
Vertenza E log. Un ottimo lavoro sinergico
La Fit-CISL in nome e per conto dei lavoratori iscritti a codesta organizzazione Sindacale vuole mettere a conoscenza di tutta l’opinione pubblica del grande interesse avuto dall’amministrazione com ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 288  
Il Contemporaneo in Calabria. Stato dell'Arte e prospettive future
Il primo Forum sul Contemporaneo in Calabria, che si terrà al MACA - Museo Arte Contemporanea di Acri (Cs) nella mattinata di sabato 22 giugno dalle ore 10:00, a cura del Comitato di Gestione del Mu ...
Leggi tutto

Comunicato stampa  |  LETTO 1571  
Comune. Mobilità volontaria per cinque posti
Il Comune ha emesso un avviso per la procedura di mobilità volontaria riservata a dipendenti di pubbliche amministrazioni...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 640  
L’arte e la bellezza salveranno anche Acri?
L’arte e la bellezza potranno salvare Acri dal suo attuale oblio? Ma quale arte e quale bellezza sono quelle giuste per ridare...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 362  
Picitti Stories-Tempo Presente. Partecipazione e consensi
Come viviamo il tempo presente? Una domanda a cui è difficile rispondere. Ci ha provato l'associazione Conimieiocchi....
Leggi tutto