NEWS Letto 4770  |    Stampa articolo

Sanita’, 118, ancora disagi e lacune. Giunge sul posto dopo quasi un’ora

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Proprio in un momento in cui si parla di sanità in generale ma soprattutto di ospedale e poliambulatorio, continuano a registrarsi disagi sia in questa ultima struttura, per via del ridimensionamento e soppressione di alcune attività, che nella funzionalità del 118 che, come risaputo, è uno strumento di primaria importanza in termine di primo soccorso.
Questa volta la denuncia arriva da Duglia, popolosa frazione, dove martedì mattina presto, attorno alle 4, una donna è stata vittima di un grave incidente domestico.
A raccontare la disavventura è uno stretto familiare della donna. “Mia suocera, ci dice indignato al telefono, ha subito una caduta all’interno della sua abitazione, sono stato tra i primi a soccorrerla, trovandola a terra in una pozza di sangue per aver battuto la testa. Contattato il 118, sono le 4 e 10, il mezzo di soccorso arriva poco prima delle cinque. Al telefono spiegano che i mezzi in dotazione al 118 di Acri non sono disponibili in quanto uno si trova in officina da alcuni mesi e due sono in servizio.
E’ dovuta arrivare, dunque, un’ambulanza proveniente da Taverna di Montalto, in dotazione ad un’Associazione di volontariato, con a bordo tre persone, un autista e due volontari che sono sembrati inesperti, incredibile ma vero.
Ma i disagi e le preoccupazioni non finiscono qui perché una volta giunti all’ospedale di Acri si è deciso di trasferire la donna a quello di Cosenza per esami più approfonditi.
Ebbene, anche in questo caso non era disponibile alcun mezzo e si è dovuto attendere uno proveniente da Camigliatello Silano giunto sul posto verso le 11.
Ho voluto raccontare il mio disagio non solo per comunicare agli organi preposti che la sanità locale è in pessime condizioni ma anche per sottolineare come un servizio così importante come il 118 presenta gravi lacune e carenze
.”
Non è la prima volta, però, che i cittadini denunciano gravi disservizi legati al 118.
Nei giorni scorsi si è tenuto un Consiglio Comunale sulla questione sanità ed in particolare su ospedale e poliambulatorio, alla presenza del direttore generale Asp, Mauro e del delegato regionale alla sanità Pacenza. Presenti anche addetti ai lavori, in servizio ed in quiescenza, e diversi (coraggiosi) cittadini che hanno fatto sentire la propria voce.
Per il tema, molto sentito e annoso, ci si aspettava, però, una sala piena ma soprattutto gli interventi di quanti, anche ex amministratori, si “sfogano” quotidianamente su siti e social e che, invece, lunedì scorso hanno preferito, vigliaccamente, non esporsi.
Mauro e Pacenza hanno rassicurato i presenti e l’Amministrazione Capalbo, circa il futuro dell’ospedale altri hanno espresso dubbi, i prossimi mesi ci diranno quale è la verità.

PUBBLICATO 06/09/2017

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS  |  LETTO 1026  
Agroalimentare. Le nuove opportunità del Psr
Nei giorni scorsi, presso la sala convegni del ristorante La vecchia noce, si è tenuto un convegno-dibattito sulle nuove opportunità...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1273  
Apre il mercato della Coldiretti. Presenti anche due aziende acresi
Un punto di riferimento per chi cerca prodotti di qualità e locali. Nei giorni scorsi è stato inaugurato il mercato della Coldiretti Campagna Amica. E’ ubicato a Cosenza in
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1656  
Ospedale. Martedì la diretta del Tg Ten
Il Tg Ten, (visibile sul canale 10 del digitale terrestre) diretto da Attilio Sabato, si occuperà dell’ospedale Beato Angelo. Lo farà martedì prossimo, 22, con una diretta
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 4551  
Politica. Alla Leopolda c’è anche il Comitato Acri ritorno al futuro
La kermesse sta riscontrando un grande successo. Italia Viva c’è e, a quanto pare, attira l’attenzione....
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 2646  
Ambiente. Sila. Ecco il foliage
Quanti, come noi, in questo periodo si stanno recando nella vicina Sila Grande...
Leggi tutto