NEWS Letto 4884  |    Stampa articolo

Verso la santificazione. Citta’ colorata di bianco e giallo. Le offerte di ristoratori e artigiani

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Città adornata a festa, commercianti in fermento, gestori di locali, B&B, agriturismo, ristoranti e alberghi, pronti ad accogliere i turisti, piccoli imprenditori trasformatisi in originali inventori.
La Santificazione del Beato Angelo, in programma domenica prossima, contagia, come giusto che sia, proprio tutti.
Anche chi il frate cappuccino lo conosceva poco. A poche ore dall’evento, la città sembra impazzita di gioia. Vicoli, piazze e strade adornate con palloncini, festoni e bandierine di bianco e giallo, i colori ufficiali della Città del Vaticano.
Quasi ovunque presente il volto del neo Santo vissuto tra il 1669 ed il 1739. Coccarde e addobbi, anche queste di bianco e giallo, campeggiano sulle abitazioni private e addirittura sugli edifici scolastici.
Il centro storico, nel quale ricadono la casa cappella e la basilica di Sant’Angelo ed il Convento dei frati Cappuccini, la fa da padrone ma anche la parte nuova della città se la cava bene. Il tutto fa da contorno al ricco programma religioso, consultabile sul sito www.beatoangeloacri.it, che inizia domenica 15 per concludersi lunedì 30 ottobre, ricorrenza della morte del Cappuccino. Ristoratori e albergatori sono al lavoro per offrire prodotti e servizi.
Scelta vastissima e di ottima qualità. Previsti, naturalmente, menu tipici e soggiorni a prezzi contenuti.
Per i turisti pronti piatti locali come fusilli con ragù di vitello e maiale, tagliatelle con funghi, arrosti misti di carne, latticini, prosciutti, soppressate e salsicce. Eppoi i dolci della tradizione acrese come bocconotti, sospiri e ginette.
Ed ancora, cullurieddri a iosa. Per quanti vogliono soggiornare, diverse sono le alternative sia in centro che in periferia. Spazio anche ai ricordi.
Presso la Basilica sono già in vendita alcuni oggetti come penne e cappellini, con impresso il volto di Sant’Angelo, ed il tradizionale calendario.
Molti artigiani, orafi e appassionati fai da te stanno realizzando, in diverso materiale, bracciali, anelli, rosari, ciondoli, ti-shirt, medagliette, corone, quadretti, crocifissi.
Produttori locali, piccoli e grandi, hanno contrassegnato le proprie confezioni di vino, taralli, salumi e latticini con l’etichetta che richiama il volto del Santo.
Infine, la riqualificazione di alcune strade e dell’anfiteatro, l’installazione della cartellonistica e della segnaletica verticale ed orizzontale, grazie all’impegno di spesa della Regione.
Tour de force anche per funzionari, dipendenti e operai dell’ufficio tecnico che stanno lavorando per mantenere la città pulita ed efficiente.


PUBBLICATO 11/10/2017

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS  |  LETTO 1270  
Scuola. Ecco i tre nuovi indirizzi scolastici
Nuovi indirizzi scolastici e nuove opportunità. Dal 7 al 30 gennaio, genitori e studenti....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 836  
Rifiuti. Nominato il Commissario che dovrà individuare il sito dell’ecodistretto
Acri in rete, la testata che per prima ha scritto dell’ecodistretto, continua a seguire con attenzione la questione rifiuti. Il dipartimento Ambiente della Regione ha nominato Ida Cozza, 49 anni, Co ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 404  
Ritorna la luce del Classico
Secondo appuntamento con “La luce del Classico”, la manifestazione che si tiene all’interno del liceo classico nelle ore pomeridiane ed organizzata da studenti ed alunni. L’evento “Smartphonizzazi ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2371  
Carabinieri, presto il trasferimento in altra sede
A molti di noi mancherà. Si tratta della caserma dei carabinieri sita in via delle Filande, ovvero in un luogo centrale dove, in auto o a piedi, ci si passa con facilità e spesso. E non può essere a ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1138  
Nasce Julia in rete
Ci sono tanti e buoni motivi per annunciare con soddisfazione la nascita di Julia in rete. Intanto perché lo facciamo da ex liceali dello Julia, poi perché il magazine, di questo
Leggi tutto