NEWS Letto 5893  |    Stampa articolo

L'acrese Antonio Pignataro nuovo questore di Macerata

Redazione
Foto © Acri In Rete
In seguito alla morte di Pamela Mastropietro, la ragazza uccisa a Macerata da un gruppo di nigeriani, e al raid xenofobo di Luca Traini che ha sparato all'impazzata contro diversi immigrati nel centro della cittadina marchigiana, sono state organizzate varie manifestazioni, non autorizzate, che le forze di polizia non sono riuscite a gestire come avrebbero dovuto.
Dopo questi avvenimenti il questore di Macerata, Vincenzo Vuono, è stato sostituito dall'acrese Antonio Pignataro, già direttore del II servizio della Direzione centrale per i servizi Antidroga, un ufficio che svolge attività di analisi, sia a livello nazionale che internazionale, sul fenomeno del narcotraffico e sui reati ad esso correlati. Un esperto di lotta alla droga, dunque. E proprio lo spaccio a cielo aperto nei giardini e nelle piazze di Macerata è uno dei problemi più sentiti dai cittadini, che lo hanno detto a gran voce da quando la città è piombata nell'incubo con il ritrovamento del corpo martoriato della giovane Pamela.
Il compito che Pignataro è chiamato a svolgere è molto arduo ma il nuovo questore di Macerata è un calabrese con un importante curriculum alle spalle, un acrese da lustro a questa terra e che, nel corso della sua lunga carriera, ha ricevuto diversi riconoscimenti per il suo lavoro e la usa professionalità.
E' stato comandante del Grupppo Operativo Speciale della polizia di Stato (GOS), branca di grande importanza per la Criminal Pol internazionale. In Calabria ha condotto importantissime operazioni di Polizia con risultati di grande rilievo. A Roma ha diretto uno dei commissariati più grandi e importanti della capitale, quello della “Romanina”, dove ha condotto diversi arresti,in particolare nell'oprazione “Casa monica” e sventato diversi furti nel quartiere Prati.
Il nuovo, importante, incarico che è stato chiamato a ricoprire, è un riconoscimento di merito per Pignataro e un orgoglio per la Calabria e per Acri in particolare.

PUBBLICATO 13/02/2018

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS   |  LETTO 611  
Eruzione Vesuvio. Ecco chi dovremo accogliere
Nella giornata di oggi, è stato presentato il Piano aggiornato di evacuazione in caso di eruzione del Vesuvio....
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 453  
Giornata mondiale del rifugiato. Iniziativa di La casa di Abou
In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato la comunità alloggio per minori stranieri non accompagnati, promuove, presso la Torre Civica, alle 17,30 di giovedì 20 giugno, un’iniziat ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1172  
Centrale idroelettrica Mucone. Intitolata ad Adele Giannone?
Sarebbe, non solo una lodevole iniziativa, ma anche un atto dovuto verso una donna antesignana....
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1358  
Statale 660 e terreni privati. Necessaria la rimozione di vegetazione incolta e pericolosa
Chi, in questi giorni, percorre la statale 660, bivio Luzzi-bivio Longobucco, una quarantina di chilometri...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1015  
I fatti della settimana. Informazione ed interpretazione
Facciamo nostra, ma la cambiamo leggermente, una citazione di un noto artista; “siamo responsabili di quello che scriviamo non di quello che viene interpretato”....
Leggi tutto