NEWS Letto 3696  |    Stampa articolo

I.C. “Beato Francesco Maria Greco”: Buona la prima!

Redazione
Foto © Acri In Rete
L’I.C. “Beato Francesco Maria Greco” inizia alla grande l’anno sportivo con una serie di vittorie nelle Finali provinciali di Duathlon, svoltesi al Camposcuola di Cosenza lunedì 26 marzo.
Abbiamo festeggiato, a modo nostro, la nuova denominazione della scuola”, ha affermato la Prof.ssa Irene Scarpelli, “non si è trattato della classica gara di Duathlon poiché, per le cattive condizioni meteorologiche, non è stato possibile effettuare la prova in bicicletta. Le scuole in gara si sono confrontate su prove individuali di corsa sui 600 m, per le categorie cadetti e cadette, sui 400 m per i ragazzi e le ragazze e su prove di staffetta a squadre. Per noi, è stata l’occasione per “testare” sul campo la preparazione sportiva generale e il “comportamento” degli 11 ragazzi, sui 16 in gara, alla loro prima esperienza agonistica. Nessuno ha deluso le mie aspettative, soprattutto per quanto riguarda la correttezza in campo e fuori dal campo, obiettivo primario dello sport scolastico.
Adesso ci aspettano le finali regionali, che si terranno a maggio, prima ancora le gare di Corsa Campestre e di Atletica Leggera. Colgo l’occasione per ringraziare l’Amministrazione Comunale sempre attenta alle nostre richieste”.
L’I.C. “Beato Francesco Maria Greco” ha debuttato anche con le nuove divise sportive scolastiche acquistate tramite il bonus che l’Ufficio Scolastico Regionale della Calabria ha accordato alla scuola, a fronte dei brillanti risultati sportivi conseguiti, in campo regionale e nazionale.
Con il bonus è stato possibile acquistare anche due mountain bike, palloni e altri attrezzi sportivi.
I ragazzi della scuola potranno, in questo modo, allenarsi in maniera più efficiente ed efficace.
Questi i risultati della prova di giorno 26 marzo:
1° posto individuale per Iris Ritacco, Nicole Martini ed Emanuele Greco;
2° posto individuale per Morena Gaccioli e Alex Montuoso;
3° posto individuale per Asia Siciliano, Fabiana Toscano, Emanuele Gradilone e Antonio Gaccione;
1° posto di squadra, cat. Cadetti, con Emanuele Greco, Iris Ritacco, Lucantonio Iervasi e Francesca Cerenzia;
2° posto di squadra, cat. Ragazzi, con Nicole Martini, Emanuele Gradilone, Benedetta Servino e Francesco Pio Mariani.
Ottime anche le prove di Ernesto e Salvatore Viteritti, Francesco Ginese, Chiara Elia, Marika Barbarossa, Pierluigi Ritacco, Emanuela Algieri.
Ai ragazzi e alla loro insegnante vanno i complimenti della Dirigente Scolastica, Giulia Rachele D’Amico e di tutto il personale della scuola.







































PUBBLICATO 03/04/2018

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS   |  LETTO 1068  
Morte Roselli. Decisione prevista per giovedì 14 novembre
Si è tenuta ieri, presso il Tribunale di Cosenza, davanti al giudice Francesca De Vuono, la discussione per il processo di Francesco Roselli deceduto il 29 giugno del 2014 presso l’Ospedale civile d ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1816  
Festa Sant’Angelo. Il programma
Domani, mercoledì 30, festa in onore di Sant’Angelo, compatrono della città, canonizzato nel 2017. Un anno importante in quanto ricorre il 350° anniversario della nascita
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2402  
Lavori pubblici. Sposato; burocrazia lenta, funzionari mediocri, politici lontani.
Gianfranco Sposato, amministratore unico e direttore tecnico della Sposato Costruzioni, fa sentire la sua voce. Michele Presta, giornalista de Il Corriere della Calabria, quotidiano on line calabr ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 913  
Associazioni. Nasce la Consulta
Un organo necessario ed utile per mettere ordine e dare regole; la Consulta delle Associazioni....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1483  
Sosta selvaggia. Ignoranza e noncuranza
Sosta selvaggia tra noncuranza e ignoranza. Viviamo in una città civile? Siamo disciplinati? Rispettiamo le regole? A quanto pare no. Siamo così indisciplinati da indurre la comandante della Polizia ...
Leggi tutto