NEWS Letto 2085  |    Stampa articolo

Forum Italy - South Arabia

Redazione
Foto © Acri In Rete
Il 28 marzo si è svolto a Roma il Business Forum “Italy-Saudi Arabia” con l'obiettivo di favorire l’internazionalizzazione delle aziende italiane facilitandone la penetrazione commerciale sui mercati dell’Arabia Saudita.
In seno all'iniziativa, promossa dallo studio legale dell'acrese Antonello Fabbricatore, è stato illlustrato il “Saudi Vision 2030”, un programma di oltre 80 progetti imprenditoriali, in diversi campi, che punta a ridurre la dipendenza del paese arabo dal petrolio, diversificare l’economia, sviluppare l'istruzione, le infrastrutture ed il turismo.
Tanti i settori e le opportunità di investimento per le aziende italiane delle energie rinnovabili e dell’ambiente, del settore idrico e di quelli marittimo e navale, delle biotecnologie, della filiera alimentare, delle scienze tecnologiche e digitali, del turismo, del settore minerario, della difesa, del design e della logistica, dell’ingegneria, dei trasporti, delle infrastrutture e dei media.
Saudi Vision 2030 – ha spiegato l’avvocato Fabbricatorerappresenta una grandissima opportunità per le imprese italiane, perché è una strategia di sviluppo destinata a cambiare il paradigma economico del Paese arabo, il cui traino dovrebbe passare dal settore pubblico al settore privato, portando quindi alla creazione di nuove ed importanti opportunità di lavoro e ovviamente di business”.
In un quadro di grande cambiamento – ha aggiunto – è importante sottolineare gli ottimi rapporti tra l’Italia e l’Arabia Saudita, partner commerciale di rilievo per il nostro Paese, e interlocutore politico sempre più importante, anche in considerazione del crescente peso nel contesto regionale ed in generale nel mondo arabo. Le imprese italiane meritano di stare nel mondo”.
Per Fabbricatorel’internazionalizzazione deve basarsi su una profonda analisi del contesto di riferimento e su una conoscenza ampia del sistema paese e del mercato, serve un approccio mirato e sistemico, che tenga conto di tutte le componenti del business e delle variabili legate al territorio. Fondamentale, per i nostri imprenditori un supporto non solo sul piano delle relazioni, ma anche su quello della conoscenza e della risoluzione delle problematiche connesse con l’amministrazione locale, nonchè sul piano tecnico, logistico ed industriale, beneficiando anche di attività complementari quali l’individuazione di nuovi partner commerciali”.

PUBBLICATO 07/04/2018

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS   |  LETTO 2883  
Mobilità. Pubblicata la graduatoria definitiva per istruttore di vigilanza. Ecco i nomi
Nei giorni scorsi, dopo il colloquio, è stata pubblicata la graduatoria definitiva riguardante il procedimento di mobilità per n° 3 posti di istruttore di vigilanza.
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 908  
Raccolta differenziata. Cinque mesi di proroga alla Ecoross
Il responsabile del settore, Giuseppe Barone, ha provveduto a redigere la determina con la quale si affida alla ditta Ecoross la raccolta differenziata per altri cinque mesi, ovvero fino alla fine d ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1352  
Ecodistretto. Nuovo incontro e nessuna proposta. Si rischia l’emergenza
Si cercano soluzioni per non piombare nell’emergenza rifiuti....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1438  
Ospedale. Gli interventi programmati… programmati a data da destinarsi
Gli interventi programmati sono stati programmati a data da destinarsi. Non è un gioco di parole....
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 948  
Ecodistretto. Alle 17 conferenza stampa
Il comune di Acri rinuncerà alla candidatura o continuerà a proporsi come sito per la realizzazione dell’ecodistretto?....
Leggi tutto