NEWS Letto 2749  |    Stampa articolo

Sant'Angelo d'Acri. Uscito il primo libro con notizie inedite e foto

Redazione
Foto © Acri In Rete
A distanza di sei mesi dalla canonizzazione, esce il primo libro su Sant’Angelo d’Acri. si intitola “Il santo cappuccino Angelo d’Acri”, scritto da Giustina Aceto.
Oltre cento pagine edite da Tav edireice, al prezzo di tredici euro. Nel volume, la Aceto fa rivivere il personaggio religioso attraverso i percorsi della storia, della documentazione archivistica e dell’arte, dell’icnografia e della bibliografia, puntualmente scandagliati e opportunatamente segnalati per chi trova ristoro nella conoscenza sicura a servizio della verità e per chi ha occhi ed anima per vedere la bellezza del segno dell’arte portata alla luce da una ricerca ardua ed appassionata insieme.
Nelle oltre cento pagine trovano spazio, la biografia del Santo, i miracoli, la beatificazione, ma anche tante foto che ritraggono immaginette e dipinti e soprattutto tante notizie inedite.
Giustina Aceto
è laureata in lettere ed è specializzata in archeologia cristiana. Si occupa della valorizzazione dei santuari cristiani in Italia ed all’estero.
Ha all’attivo numerose pubblicazioni. Luca Antonio Falcone nasce ad Acri il 19 ottobre 1669.
A 19 anni entra in convento ma poco dopo tempo ritorna a casa per poi rientrare definitivamente tra i Frati, nel Convento di Belvedere Marittimo, ed indossare l’abito nel 1691 con il nome di Frate Angelo.
Seguace di san Francesco d’Assisi, diventa il grande missionario dell'Italia meridionale e lo sarà per quasi quarant'anni, rifugge da cariche pubbliche e possiede i doni delle estasi, delle profezie e delle guarigioni miracolose e si schiera dalla parte dei deboli contro gli abusi e le prepotenze dei potenti, castiga la corruzione e denuncia con passione e accanimento le ingiustizie sociali.
Vive nella massima povertà, carità e purezza. Muore ad Acri il 30 ottobre 1739. Viene proclamato Beato da Papa Leone XII° nel 1825.
Viene canonizzato nell’ottobre dello scorso anno. Le sue ossa, ricomposte, sono custodite all’interno dell’urna bronzea nell’ampia Basilica.
Accanto ad essa sono presenti il convento dei Frati cappuccini, il museo, che custodisce alcune reliquie, la cella, dove soleva riunirsi in preghiera e la casa cappella.
Diversi sono i miracoli ed i prodigi a lui attribuiti ed affrescati all’interno della basilica e del chiostro.
Tanti sono gli hobbisti che, in occasione della santificazione, hanno realizzato oggetti, di grandi e piccole dimensioni, esposti in diversi esercizi commerciali della città.
Un devoto, Marco Zaretta, invece, è in possesso di migliaia di santini che raffigurano sant’Angelo.
Molti, hanno anche trecento anni di storia. Zaretta le ha “scovate” ed acquistate su internet o presso mercatini specializzati.
In molte di esse la scrittura è in lingua latina. Insomma hanno un patrimonio di inestimabile valore.
Sarebbe bello, visto che non è stato fatto in questi giorni di festa, che i frati cappuccini promuovessero un allestimento perché questi oggetti possano essere mostrati a residenti, turisti e religiosi. 
Nei giorni scorsi il superiore della basilica, padre Francesco Donato, ha comunicato che da ottobre fino ad oggi oltre cinquemila pellegrini, provenienti da ogni angolo della regione, hanno reso omaggio a Sant’Angelo.

PUBBLICATO 16/05/2018

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS  |  LETTO 1399  
Ufficio del lavoro. Da oggi riaperto
Da oggi, mercoledì 11, riapre l’ufficio del lavoro sito all’interno della sede dell’ex comunità montana. Per il momento sarà aperto solo il mercoledì dalle 9 alle 12,30 ma dalla regione hanno preso ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1381  
Scuola. Ecco i tre nuovi indirizzi scolastici
Nuovi indirizzi scolastici e nuove opportunità. Dal 7 al 30 gennaio, genitori e studenti....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 959  
Rifiuti. Nominato il Commissario che dovrà individuare il sito dell’ecodistretto
Acri in rete, la testata che per prima ha scritto dell’ecodistretto, continua a seguire con attenzione la questione rifiuti. Il dipartimento Ambiente della Regione ha nominato Ida Cozza, 49 anni, Co ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 482  
Ritorna la luce del Classico
Secondo appuntamento con “La luce del Classico”, la manifestazione che si tiene all’interno del liceo classico nelle ore pomeridiane ed organizzata da studenti ed alunni. L’evento “Smartphonizzazi ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2441  
Carabinieri, presto il trasferimento in altra sede
A molti di noi mancherà. Si tratta della caserma dei carabinieri sita in via delle Filande, ovvero in un luogo centrale dove, in auto o a piedi, ci si passa con facilità e spesso. E non può essere a ...
Leggi tutto