NEWS Letto 1940  |    Stampa articolo

Scuola. La notte dello Julia, tra recite, danze, canti

Redazione
Foto © Acri In Rete
Trecentosessanta minuti di recitazione, di momenti magici e di pura spettacolarità in un tripudio di colori, danze e canto che hanno saputo coinvolgere un pubblico entusiasta e sempre pronto a chiedere il bis, come con i “Carmina Burana” del coro degli studenti. Il liceo “Julia” apre le porte, insieme con 433 istituti in tutta Italia, in una Notte nazionale che è diventata un importante evento all’insegna della bellezza della cultura.
Nessuno studente si è tirato indietro. E ognuno, secondo le proprie inclinazioni (sotto l’attenta guida dei docenti) ha messo in campo talenti inaspettati. Il resto lo ha fatto il richiamo dello Julia, che proprio nel 2019 taglia l’onorato traguardo dei 50 anni di attività.
Erano tantissimi, nella Notte nazionale del liceo Classico, anche molti ex studenti, tra i quali stimati professionisti, emozionati davanti alle fotografie della mostra “I nostri primi 50 anni”.
Se le testimonianze del passato sono servite a ricordare la centralità e l’importanza della formazione classica come solida base per costruire qualsiasi futuro professionale, il presente del liceo è esploso in musica, canto e danze che hanno creato una magica cornice alle esibizioni che gli studenti hanno messo in atto nelle varie classi.
Filo conduttore della serata il tema del tempo: da Persefone e il mito delle quattro stagioni al Caos e al Cosmo, dalle tragedie greche Edipo, Agamennone e Eumenidi a La Lettera Scarlatta, per proseguire in un Viaggio nel tempo, da Seneca a Alda Merini e tra le donne che nell'arte si sono distinte, come Frida Kahlo e Artemisia Gentileschi.
Il travolgente “Tempus est iocundum” dei Carmina Burana è servito da introduzione ad un momento comune di tutti gli studenti che da un reading di poesie, da Alceo a Raboni, passando per Shakespeare è arrivato al “tempo tra fisica e neurobiologia” con gli studenti saliti in cattedra tra Einstein e Newton.
Quindi, gli interventi del dirigente scolastico, dell’assessore alla cultura, Giuseppe Giudice, del presidente del Consiglio Comunale, Mario Fusaro e del presidente della Fondazione Padula, Giuseppe Cristoforo che hanno sottolineato l’assoluta centralità del Liceo Classico all'interno del panorama del sistema formativo nazionale.

PUBBLICATO 22/01/2019

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS  |  LETTO 1958  
Mobilità. Ecco chi sono i nuovi responsabili dell’Ufficio Tecnico
Franco Giorgio e Raffale Notte, sono i nuovi responsabili dell’Ufficio Tecnico.
Entrambi sono ingegneri
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1847  
Invasione di cinghiali. Paura e danni
La loro carne è prelibata, apprezzata e, da queste parti, molto consumata. Non solo. In ambienti boschivi svolgono un'azione benefica, in quanto la loro continua opera di scavo nello strato superf ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 3256  
Dimensionamento scolastico. Salvare l’ITCGT ed il Liceo
Non c’è un termine perentorio ma prima o poi il dimensionamento scolastico bisogna attuarlo. Coinvolge scuole, comune, provincia e regione e, in questi giorni le manovre sono già iniziate. E’ bene ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1109  
Nuova scuola San Martino. Approvato il progetto esecutivo, ora la gara
L’ultimo step, quello più importante, è stato superato. L’Ufficio Tecnico regionale di Cosenza (ex Genio Civile), ha approvato il progetto esecutivo per la realizzazione del nuovo plesso scolastico ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1189  
Sanità. Inaugurato uno studio medico oncologico gratuito per indigenti
Riteniamo opportuno pubblicare questa notizia, non solo perché potrebbe interessare anche il nostro territorio ma anche perché coinvolge un settore, come quello della sanità, pieno di falle e c ...
Leggi tutto