NEWS Letto 1808  |    Stampa articolo

Scuola. La notte dello Julia, tra recite, danze, canti

Redazione
Foto © Acri In Rete
Trecentosessanta minuti di recitazione, di momenti magici e di pura spettacolarità in un tripudio di colori, danze e canto che hanno saputo coinvolgere un pubblico entusiasta e sempre pronto a chiedere il bis, come con i “Carmina Burana” del coro degli studenti. Il liceo “Julia” apre le porte, insieme con 433 istituti in tutta Italia, in una Notte nazionale che è diventata un importante evento all’insegna della bellezza della cultura.
Nessuno studente si è tirato indietro. E ognuno, secondo le proprie inclinazioni (sotto l’attenta guida dei docenti) ha messo in campo talenti inaspettati. Il resto lo ha fatto il richiamo dello Julia, che proprio nel 2019 taglia l’onorato traguardo dei 50 anni di attività.
Erano tantissimi, nella Notte nazionale del liceo Classico, anche molti ex studenti, tra i quali stimati professionisti, emozionati davanti alle fotografie della mostra “I nostri primi 50 anni”.
Se le testimonianze del passato sono servite a ricordare la centralità e l’importanza della formazione classica come solida base per costruire qualsiasi futuro professionale, il presente del liceo è esploso in musica, canto e danze che hanno creato una magica cornice alle esibizioni che gli studenti hanno messo in atto nelle varie classi.
Filo conduttore della serata il tema del tempo: da Persefone e il mito delle quattro stagioni al Caos e al Cosmo, dalle tragedie greche Edipo, Agamennone e Eumenidi a La Lettera Scarlatta, per proseguire in un Viaggio nel tempo, da Seneca a Alda Merini e tra le donne che nell'arte si sono distinte, come Frida Kahlo e Artemisia Gentileschi.
Il travolgente “Tempus est iocundum” dei Carmina Burana è servito da introduzione ad un momento comune di tutti gli studenti che da un reading di poesie, da Alceo a Raboni, passando per Shakespeare è arrivato al “tempo tra fisica e neurobiologia” con gli studenti saliti in cattedra tra Einstein e Newton.
Quindi, gli interventi del dirigente scolastico, dell’assessore alla cultura, Giuseppe Giudice, del presidente del Consiglio Comunale, Mario Fusaro e del presidente della Fondazione Padula, Giuseppe Cristoforo che hanno sottolineato l’assoluta centralità del Liceo Classico all'interno del panorama del sistema formativo nazionale.

PUBBLICATO 22/01/2019

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS  |  LETTO 1519  
Ecodistretto. Costituito il Comitato del no. Ecco i componenti
Su una questione importantissima, come l’Ecodistretto, la comunità inizia a prendere posizione....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1351  
Acri su Piccola Grande Italia.Tv
Nei giorni scorsi una troupe di Piccola Grande Italia.tv, ha fatto tappa nella nostra città....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3054  
Scuola. Trovata la sistemazione per Pastrengo e Campo Sportivo
Trovati, finalmente, i locali dove sistemare gli alunni, i docenti ed il personale delle scuole elementari di Campo Sportivo e Pastrengo. Entrambe le strutture, come si ricorderà, saranno oggetto d ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 523  
Riapertura chiesa San Giorgio Martire e presentazione libro di don Salvatore
Doppio importante appuntamento, sabato 3 agosto dalle 18,30 in località Serricella...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 754  
Osl e creditori. Accelerare l’iter dei pagamenti
Grazie all’interrogazione del consigliere di minoranza, Maurizio Feraudo, nell’ultima seduta del consiglio comunale...
Leggi tutto