NEWS Letto 3969  |    Stampa articolo

Sibari-Sila. Aggiudicati i lavori

Redazione
Foto © Acri In Rete
Tra qualche mese ripartiranno i lavori della cosiddetta Sibari-Sila, fermi da quattro anni.
Il dirigente della viabilità della Provincia di Cosenza, Claudio Le Piane, ha reso noto l’aggiudicazione dei lavori alla ditta seconda classificata.
Facciamo un passo indietro.
La Provincia di Cosenza, con Delibera di Giunta n. 394 del 19.10.2007, ha approvato il progetto definitivo, redatto dal Settore Progettazione e Gestione Nuove Opere, relativo ai lavori di nuova costruzione e parziale adeguamento Sibari – SS. Silana 177 – I° lotto funzionale tra i Comuni di Acri e San Demetrio Corone, per un importo complessivo di euro 35.599.087,80, di cui euro 5.656.087,80 a valere su fondi dell’ Amministrazione Provinciale di Cosenza ed euro 29.943.000,00 a valere su fondi della Regione Calabria.
In data 16/12/2008 l’appalto è stato aggiudicato provvisoriamente all’ATI Consorzio Stabile Infrastrutture ROAN S.r.l.-C.I.E. Costruzioni ed Impianti Europa per un importo complessivo di € 21.523.915,81, con determinazione dirigenziale n. 14002677 del 21/12/2015, si è proceduto alla risoluzione dei contratti regolanti l’esecuzione dei lavori, pertanto è stata interpellata, dalla Stazione Appaltante, la seconda impresa in graduatoria, la Rti Lista Appalti srl-SO.GE.MI. Ingegneria srl-Consorzio Italimprese-Ingeos srl al fine di conoscere la disponibilità all’eventuale assunzione dell’appalto in oggetto.
A seguito di sopralluogo sul cantiere e di analisi della documentazione progettuale e contabile, la seconda impresa in graduatoria ha dichiarato la propria disponibilità ad assumere l’appalto in oggetto.
Il progetto resta inalterato, pertanto, si è disposto la formulazione di un quadro economico relativo al completamento dei lavori originari.
Si tratta di oltre due chilometri, otto viadotti e due gallerie.
Un’opera strategica e tanto attesa non solo dai comuni interessati (Acri e comuni albanesi limitrofi) ma anche da turisti e utenti dell’intera regione. Un’infrastruttura che dovrà collegare la Sila Grande al Mar Ionio.
Ad oggi, chi da Acri vuole raggiungere l’area ionica è costretto a percorrere la Provinciale Acri-Santa Sofia d’Epiro passando per San Demetrio o la suggestiva, ma piena di tornanti, comunale Serra Crista o anche la Provinciale San Giacomo-Foresta.
Una situazione non più tollerabile.

- scarica la determina

PUBBLICATO 19/07/2019

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS   |  LETTO 726  
Ecodistretto. Alle 17 conferenza stampa
Il comune di Acri rinuncerà alla candidatura o continuerà a proporsi come sito per la realizzazione dell’ecodistretto?....
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 754  
I 150 anni della banda musicale Città di Acri
Sarà una giornata commovente e ricca di suoni. Venerdì 23 agosto dalle 18 in occasione dei 150 dalla nascita della banda musicale “Città di Acri”.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1549  
Notte Bianca. Il programma
Sabato 17 agosto è in programma la Notte Bianca. Tanti gli eventi che prenderanno il via alle 20 e termineranno alle prime luci dell'alba.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1291  
Ecodistretto e referendum. Feraudo antesignano
Anche in questo scorcio del mese di agosto, la questione Ecodistretto, sollevata per prima da Acri in Rete, continua a tenere banco. Dopo aver contattato l’ing. Martino, della Martino Associati, la ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1019  
Visioni differenti: il cinema all'aperto
Dal 9 al 25 agosto, in piazza S. Domenico, si terrà la rassegna cinematografica all'aperto "Visioni Differenti".
Leggi tutto