NEWS Letto 1859  |    Stampa articolo

Nuova scuola San Martino. Approvato il progetto esecutivo, ora la gara

Redazione
Foto © Acri In Rete
L’ultimo step, quello più importante, è stato superato.
L’Ufficio Tecnico regionale di Cosenza (ex Genio Civile), ha approvato il progetto esecutivo per la realizzazione del nuovo plesso scolastico di località San Martino.
Costo dell’opera, 800mila euro.
Il nuovo edificio (nella foto uno dei prospetti), sarà realizzato nei pressi di quello esistente, è organizzato in due corpi di fabbrica giuntati tra loro, si sviluppa su due livelli caratterizzati da una superficie di piano di circa 315 mq.
L’ingresso principale è posto sul lato sud, da cui vi si accede attraverso un portico, mentre l’ingresso secondario e/o uscita di emergenza sul lato nord.
L’atrio di ingresso collega tutti gli ambienti dell’edificio, sia mediante il corridoio sul lato nord da cui si accede alle aule didattiche, sia attraverso il corpo scala che collega il piano primo.
Al piano terra sono presenti, inoltre, uffici da destinare alla direzione e segreteria, nonché un’area adibita ai collaboratori e infine i servizi igienici distinti e separati tra di loro.
Adiacenti alla scuola, in corrispondenza della scala esterna di accesso al piano superiore, sono presenti due locali con accessi indipendenti.
Uno sarà adibito a deposito attrezzature, l’altro, destinato a locale tecnico, accoglierà le parti impiantistiche principali come il generatore di calore, i serbatoi di accumulo acqua ecc., per il funzionamento dell’impianto termico e l’impianto idrico- sanitario.
Il piano primo ospita tre aule didattiche, un’aula multimediale da adibire a diversi laboratori multidisciplinari e i servizi igienici suddivise e separati come il piano terra.
L’accesso al piano primo è garantito oltre che dalla scala e dal vano ascensore, anche da un ingresso lungo il lato est che funge, in caso di emergenza, come principale via d’esodo.
Secondo la normativa vigente in materia di edilizia scolastica, la capienza delle aule didattiche è determinata in funzione della domanda: ogni alunno necessita minimo di 1,80 mq di superficie.
Sono state progettate aule della dimensione tale da poter accogliere dai 18 ai 20 alunni.
Dell’ufficio di progettazione fanno parte; Giulio Cesare Guccione (architetto e progettista), Alessio Caravone (ingegnere), Tania Armentato (ingegnere), Luigi De Bartolo (geometra), Roberto Saporito (geologo e responsabile delle indagini geognostiche dirette ed indirette).
Da sottolineare gli altri interventi, alcuni iniziati altri in appalto, grazie ai fondi regionali intercettati dal comune.
Duglia (nuova costruzione); Pastrengo (adeguamento sismico), Campo Sportivo (adeguamento sismico), piazza Montessori (nuova costruzione), San Giacomo (adeguamento sismico), Padia (nuova realizzazione)

PUBBLICATO 09/10/2019

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS  |  LETTO 805  
Finanziamenti per i centri storici. C’è anche Acri
La Regione Calabria, Dipartimento urbanistica e beni culturali, ha provveduto ad approvare...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1843  
Alimentazione. Ecco le Montanine, le patatine silane in sacchetto
Le Montanine. Una bella novità sul mercato italiano, le patatine fritte in sacchetto prodotte in Calabria, in Sila, a Camigliatello Silano grazie ad Antonio e Serena Paese, due giovani imprenditori ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 853  
La Notte dei Licei al classico Julia. E venerdì prossimo si replica allo scientifico
Non c’erano dubbi sulla riuscita dell’evento! La Notte Nazionale del Liceo Classico ha registrato un numero di visitatori oltre le aspettative. Genitori, bambini, studenti, cittadini hanno partecipa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 906  
Verso le regionali. Nel consiglio comunale pescheranno in molti
Continua il nostro viaggio nelle elezioni regionali previste per il 26 gennaio....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1627  
Molecola contro l’osteoporosi, arriva il brevetto americano. Maria Grano gioisce
Finalmente il brevetto americano è stato concesso. E Maria Grano non nasconde la soddisfazione. La «sua» creatura, quella molecola Irisina che sconfigge l’osteoporosi, ha superato l’ultimo ostacolo ...
Leggi tutto