NEWS Letto 3376  |    Stampa articolo

La scuola risponde ai genitori. “Nessuna discriminazione ma solo l’applicazione delle norme”

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
La scuola non ci sta e respinge al mittente tutte le accuse, sottolineando, inoltre, che gli adempimenti sono frutto di scelte dell’autonomia dell’istituzione scolastica  nel rispetto della normativa vigente.
Nei giorni scorsi i genitori dei liceali, attraverso una lunga nota, inviata anche al dirigente scolastico ed al collegio docenti, avevano sollevato una serie di contestazioni riguardo, soprattutto, l’interpretazione della griglia di valutazione per l’attribuzione del voto di comportamento.
La scuola si difende e “smonta” tutte le accuse; “in occasione dell’approvazione del Ptof, il presidente del consiglio d’istituto ha provveduto ad invitare tutte le componenti, compresa quella studentesca. Non è vero, quindi, quanto affermato dai genitori e ciò è dimostrato anche dalla relativa convocazione.
Inoltre, precisa la scuola, la valutazione del comportamento risponde, per come sancito dalla normativa vigente (D.M. n. 5/2009; D.P.R. 122/2009), alle finalità formative all’interno delle quali s’inserisce anche il rendimento scolastico in termini di partecipazione al dialogo educativo nel suo complesso.
La griglia di valutazione è formata da una serie di indicatori che alla fine determinano il voto di comportamento. Essi sono: il comportamento rispettoso verso i docenti, verso il personale, verso i compagni ed i beni materiali, il rispetto scrupoloso del regolamento d’istituto, l’interesse vivo, la partecipazione attiva e l’attenzione costante al dialogo educativo, l’atteggiamento costruttivo e responsabile nei confronti del lavoro scolastico, l’assidua frequenza alle lezioni.
E’ bene sapere anche, precisa ancora la scuola, che ogni trimestre vengono azzerati le eventuali penalità ma che comunque i consigli di classe in fase di scrutinio finale, attribuiscono il relativo voto di comportamento ritenendo giusto  differenziare gli alunni anche in base al merito. Riguardo le comunicazioni e i provvedimenti disciplinari agli studenti, la scuola afferma che “esse vengono effettuate regolarmente ed in modo tempestivo ai genitori che, quindi, sono a conoscenza dell’operato dei propri figli in modo quotidiano
.”
La scuola, infine, fa sapere che l’ultimo collegio docenti ha deciso di redigere un documento al fine di precisare ulteriormente l’operato dell’Istituto nel rispetto delle normative e nella consapevolezza dell’alto valore formativo dell’istituzione scolastica.

PUBBLICATO 07/02/2016

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS   |  LETTO 1233  
Gioielleria svaligiata. Emergono altri particolari. Ecco chi sono i colpevoli
Due uomini e una donna sono stati fermati dai carabinieri a Pelago, in provincia di Firenze....
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1110  
Gioielleria saccheggiata. Ritrovata la merce ma ancora tanti aspetti da chiarire
E' stata rinvenuta nei pressi di Firenze la refurtiva della rapina all'ex gioielleria Garofalo....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1431  
Long list esperti esterni. Errori e pioggia di ricorsi
Errori e ricorsi. Nello scorso mese di giugno, il comune di Acri, in qualità di comune capofila (l’altro comune dell’ambito territoriale n° 5 è Santa Sofia d’Epiro), pubblica un avviso per la costit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1755  
Gli agricoltori di piazza Marconi e la Coldiretti rassicurano i consumatori
Acri in rete è stata una delle prime testate giornalistiche on line ad occuparsi del caso attorno al quale...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3451  
Raffica di furti e malloppi consistenti. Ecco dove e quando
Un sabato di febbraio da dimenticare, per alcune famiglie, almeno quattro, acresi. Ignoti si sono intrufolati nelle loro abitazioni ed hanno fatto man bassa. Oro, gioielli, soldi, elettrodomestici, ...
Leggi tutto