NEWS Letto 5041  |    Stampa articolo

Decesso Fusaro. Il legale “cartelle cliniche anomale”

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Ho potuto constatare un clima di pesante omertà tra il personale ausiliario presente in sala operatoria in occasione dell’intervento cardio chirurgico.” A parlare, ancora una volta, è il legale della famiglia di Antonio Fusaro, deceduto dopo qualcje giorno da un ‘intervento al cuore subito all’ospedale Maggiore di Novara.
Il personale, dice Mario Murano, non ha dato un pur minimo riscontro alla mia formale richiesta di poter assumere informazioni nell'ambito di investigazioni difensive ad accertare cosa sia realmente accaduto in quella sala operatoria.
E' ragionevole ipotizzare  che qualcosa di anomalo deve essere accaduto alla luce della complessiva durata dell'intervento cardochirurgico, oltre nove ore, che non trova precedenti nella casistica clinica per quel tipo di operazioni al cuore. Infatti, nonostante l'anomalia della durata dell'intervento,  il referto operatorio, firmato dal dott. Micalizzi, è assai scarso ed appare più un tema astratto piuttosto, come avrebbe dovuto essere, una fedele certificazione degli eventi.
Non esiterò a sollecitare la Procura della Repubblica di Novara onde ottenere la convocazione del personale paramedico,
aggiunge Murano, infatti, appare quantomai necessario che debba assumersi la sua responsabilità davanti al Pubblico Ministero per le dichiarazioni che rilascerà nei verbali di interrogatorio, che peraltro potrebbero porsi in contrasto con gli accertamenti peritali che inizieranno il prossimo 16 marzo. L'Azienda Ospedaliera Universitaria di Novara, dice ancora Murano, si è mostrata scarsamente collaborativa, avendo dato solo parzialmente riscontro ai quesiti che sono stati posti nell'ambito dell'attività investigativa nonostante sia apparso chiaro che le cartelle cliniche, nella parte di competenza cardiochirurgica, siano totalmente inaffidabili."
Per la morte di Antonio Fusaro, sono indagati Mauro Rinaldi, Ezio Micalizzi, Mario Commodo, Marco Lanfranchi, Barbara Giamundo e Daniele Pierelli. In pratica l’intero staff medico che effettuò l’intervento chirurgico nel febbraio del 2014 ed ora indagato con l’accusa di omicidio colposo.
Dopo venti giorni dall’intervento, infatti, Antonio Fusaro decedette ma la sorella, Annunziata, decise di intraprendere le vie giudiziarie per fare chiarezza. Fusaro, 43 anni, era affetto da una malformazione alla valvola mitralica. Dopo l’intervento, non essendosi risvegliato, fu trasportato in coma farmacologico all’ospedale Molinette di Torino dove, purtroppo, morì il 24 febbraio.
Il legale Mario Murano, afferma che le prossime notizie rappresenteranno una grossa novità.

PUBBLICATO 09/03/2016

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS   |  LETTO 302  
Coronavirus in Calabria. I numeri di lunedì 30 marzo. 647 positivi, 31 deceduti, 14 comuni chiusi
In Calabria ad oggi sono stati effettuati 7187 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 647 (+33 rispetto a ieri), quelle negative sono 6079.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 536  
Ordinanza Prociv. Al Comune di Acri 177mila euro. Ecco a chi rivolgersi
Domenica scorsa, la presidenza del Consiglio dei ministri, ha diramato l’ordinanza numero 658 con cui si forniscono informazioni al Dipartimento della Protezione civile per l’aiuto ai Comuni italian ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 720  
Coronavirus in Calabria. I dati di domenica 29 marzo. 614 positivi (+59). 25 decessi
Di seguito i dati divulgati dalla Regione. n Calabria ad oggi sono stati effettuati 6693 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 614 (+59 rispetto a ieri), quelle negative sono 60 ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2558  
Coronavirus nella provincia di Cosenza. Nessun caso ad Acri
Corigliano Rossano 19, San Lucido 33, Rogliano 22, Cosenza 10, Bocchigliero 21, Santo Stefano di Rogliano 5, Altomonte 3, Amantea 3, Cariati 3, Cetraro 3, Paola 3, Rende 1, Roggiano 2, Scala Coeli 3 ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 949  
Coronavirus in Calabria. La curva del contagio decresce. Ecco perchè
Vi proponiamo uno stralcio dell’ennesimo report realizzato oggi dal prof. Francesco Aiello, docente Unical, che riteniamo importante per comprendere alcuni aspetti. Accanto alla curva del contagio “ ...
Leggi tutto