NEWS Letto 3785  |    Stampa articolo

Lavori bocciodromo Serralonga fermi e giovani senza campo di calcio

Rosanna Caravetta
Foto © Acri In Rete
Ci sono tutti ma proprio tutti i presupposti perché  la struttura rischi di essere annoverata  tra le incompiute. Si tratta del bocciodromo  che dovrebbe sorgere nei pressi della scuola elementare di Serralonga, frazione a qualche chilometro dal centro  cittadino, dove però ad oggi c’è solo un cantiere ormai fermo da mesi . Iniziati nel mese di luglio 2014,  i lavori della struttura sportiva , particolarmente attesa dai numerosi praticanti del gioco delle bocce, molti dei quali affiliati anche ad alcune società bocciofile, sarebbero dovuti terminare in queste settimane.
Invece ci sono appena le fondazioni e tutto intorno un cantiere completamente  abbandonato. Il problema?
Un contenzioso tra la Provincia di Cosenza, Settore Edilizia ed Impiantistica Sportiva che ha finanziato l’opera sportiva per un importo di circa 240 mila euro,  e la ditta  che dovrebbe effettuare i lavori  e che non ha condiviso e sottoscritto una variante al progetto. Tutto ciò ha inevitabilmente creato un certo malcontento tra i residenti della zona  e non solo, preoccupati  oltre che dal  blocco dei lavori,  anche  dal fatto che i tanti ragazzi della popolosa frazione non hanno più neanche uno spazio verde dove potersi ritrovare.
Il comune di Acri mise infatti a disposizione  il terreno su cui edificare la struttura  con la garanzia che la restante parte  sarebbe stata ripristinata in modo tale da poterne usufruire. 
Oggi purtroppo quello che prima era un campetto di calcio  si presenta come il  deposito di un cantiere.
Ad intercettare il malcontento dei residenti della zona dando voce alle loro richieste è l’Avv. Franca Sposato  che  ha sollecitato  un immediato intervento non solo della Provincia, perché dia spiegazioni in ordine al fermo dei lavori, ma anche del Comune perche si preoccupi di rimettere a posto quella parte di campo che doveva rimanere tale, in modo da ridare ai ragazzi di Serralonga  e Pertina quell’unico spazio che avevano per il loro svago.






PUBBLICATO 01/04/2016

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS  |  LETTO 1169  
Gli agricoltori di piazza Marconi e la Coldiretti rassicurano i consumatori
Acri in rete è stata una delle prime testate giornalistiche on line ad occuparsi del caso attorno al quale...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1406  
Raffica di furti e malloppi consistenti. Ecco dove e quando
Un sabato di febbraio da dimenticare, per alcune famiglie, almeno quattro, acresi. Ignoti si sono intrufolati nelle loro abitazioni ed hanno fatto man bassa. Oro, gioielli, soldi, elettrodomestici, ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 425  
Meteo gennaio. Sintesi climatica di Cosenza e dintorni
Grazie al Grazie al supporto dei colleghi (ingegneri e geologi) dell’Arpacal e di Meteo in Calabria, analizziamo una serie di dati (piogge, escursioni termiche e temperature) dello scorso mese di ge ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 776  
Operazione Arsenico, Melicchio (M5s) punta l'indice sugli amministratori bisignanesi
Nell'ottobre del 2018 il deputato pentastellato Alessandro Melicchio, aveva presentato una interrogazione al ministro per l'Ambiente Sergio Costa, in cui venivano segnalate le criticità del depurato ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 967  
Verso il referendum. Gli effetti sulla Calabria se vince il sì
Acri in rete è stata una delle prime testate giornalistiche on line a scriverne. Grazie anche all’ospitata del docente Unical ed analista politologo, Walter Nocito. Il referendum sul taglio dei parl ...
Leggi tutto