NEWS Letto 5062  |    Stampa articolo

Vicenda Giudice di Pace: parla Pino Altomari

Rosanna Caravetta
Foto © Acri In Rete
"Mi auguro che si faccia al più presto luce su questa triste vicenda che si protrae oramai da un mese senza che l’amministrazione abbia ancora provveduto a trovare una soluzione". Parla  Pino Altomari,  dipendente comunale che nei mesi addietro sporse denuncia presso  l’Autorità Anticorruzione segnalando tutta una serie di irregolarità ,poi  confermate dall’Autorità con delibera a firma di Cantone , circa l’operato di alcuni funzionari dell’Ente nell’espletamento della procedura selettiva  interna per titoli , rispetto al reclutamento del personale destinato agli uffici del Giudice di Pace nella cui graduatoria Altomari si è collocato secondo.  Sussistenza di conflitto d’interesse e indebita restrizione dei requisiti di accesso per la selezione del personale le imputazioni dell’Autorità a carico del   Responsabile del settore delle risorse umane  che oltre ad aver predisposto il bando "avrebbe stilato – è scritto nella delibera – la graduatoria ponendo se stesso al primo posto e dichiarandosi vincitore".
Amareggiato per quello che  sta  accadendo  negli uffici comunali dove lavora da oltre 40 anni , Altomari ha  raccontato  di aver presentato  nei mesi precedenti l’intervento dell’Autorità ,   attraverso i legali che lo seguono,  Stefania Toscano e Massimo Celso, al Segretario comunale e al Sindaco  regolare ricorso gerarchico avverso la delibera di nomina.
"Stando alla direttive nazionali – ha spiegato Altomari -  avendo io la laurea in servizi sociali , considerata idonea dal Ministero,   ed avendo maggiore anzianità di servizio sarei dovuto essere il vincitore . Tuttavia il Responsabile del settore  con l’avallo del Comune,   ha  operato un restringimento della platea degli aventi diritto mettendomi fuori dai giochi".  
E adesso che l’Anac ha annullato tutti gli atti precedenti per Altomari  "l’Ente , senza inoltrarsi in una  nuova procedura di selezione,  dovrebbe invece riproporre la prova selettiva interna per soli titoli già adottata dall’amministrazione nella selezione iniziale".  Intanto in   attesa che la vicenda trovi un suo epilogo,  Altomari si è detto  in parte soddisfatto perché con la risposta dell’Anac "si da una speranza ai tanti giovani sfiduciati dalle numerose  ingiustizie subite".

PUBBLICATO 04/04/2016

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS  |  LETTO 1170  
Gli agricoltori di piazza Marconi e la Coldiretti rassicurano i consumatori
Acri in rete è stata una delle prime testate giornalistiche on line ad occuparsi del caso attorno al quale...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1407  
Raffica di furti e malloppi consistenti. Ecco dove e quando
Un sabato di febbraio da dimenticare, per alcune famiglie, almeno quattro, acresi. Ignoti si sono intrufolati nelle loro abitazioni ed hanno fatto man bassa. Oro, gioielli, soldi, elettrodomestici, ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 425  
Meteo gennaio. Sintesi climatica di Cosenza e dintorni
Grazie al Grazie al supporto dei colleghi (ingegneri e geologi) dell’Arpacal e di Meteo in Calabria, analizziamo una serie di dati (piogge, escursioni termiche e temperature) dello scorso mese di ge ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 776  
Operazione Arsenico, Melicchio (M5s) punta l'indice sugli amministratori bisignanesi
Nell'ottobre del 2018 il deputato pentastellato Alessandro Melicchio, aveva presentato una interrogazione al ministro per l'Ambiente Sergio Costa, in cui venivano segnalate le criticità del depurato ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 967  
Verso il referendum. Gli effetti sulla Calabria se vince il sì
Acri in rete è stata una delle prime testate giornalistiche on line a scriverne. Grazie anche all’ospitata del docente Unical ed analista politologo, Walter Nocito. Il referendum sul taglio dei parl ...
Leggi tutto