NEWS Letto 4956  |    Stampa articolo

Arriva il “gelo della befana”, temperature polari e forte rischio neve

Redazione
Foto © Acri In Rete
Almeno da un paio di anni la nostra città, diversamente da come abituata, patisce inverni assai avari di precipitazioni e con temperature decisamente al di sopra delle medie di periodo.
Al netto delle comodità derivanti dall’assenza dei disagi comportati storicamente da nevicate e strade ghiacciate, questa situazione ha prodotto però, quantomeno, difficoltà sia in campo idrico con la sensibile diminuzione della portata delle falde acquifere, sia in campo agricolo.
Parallelamente, questi inverni “caldi” sembra che abbiano seccato non solo le falde comunali, ma anche la capacità di intervenire prontamente al manifestarsi dei disagi provocati dal forte freddo.
Sono infatti bastati un paio di giorni di freddo intenso ed una debole nevicata per mandare in tilt il territorio comunale. Strade ghiacciate con relativi incidenti stradali, ampie zone del centro urbano come il rione Padia isolate e cittadini decisamente arrabbiati. Carenza di sale? Scarsa efficienza dei preposti responsabili comunali? Ataviche inefficienze nelle valutazioni del rischio meteorologico sul territorio comunale? Probabilmente si è trattato di una sommatoria di questi elementi. Di certo c’è che nel prossimo week-end non potremo permetterci ancora inefficienze di questo tipo.
Di fatti è in avvicinamento una delle ondate di gelo più intense degli ultimi anni, con valori addirittura attesi di decine di gradi al di sotto delle medie di periodo. Anche la nostra città, come gran parte della Calabria, sarà interessata dal tracollo delle temperature le quali a partire da giovedì 5 e almeno fino a domenica 8 potrebbero calare addirittura fino a -9°.
Nelle zone montane, dicono gli esperti, si faticherà a vedere la colonnina di mercurio al di sopra dei -10°.  Naturalmente temperature di questo tipo innalzeranno anche il rischio di nevicate, che per quanto riguarda il nostro comune potrebbero verificarsi in particolare a partire dalla serata giovedì.
Quindi invitiamo i lettori a prendere tutte le precauzioni del caso, con l’auspicio che le difficoltà registratesi durate gli ultimi giorni del 2016, con il nuovo anno e un pò di attenzione  in più da perte delle autorità competenti non si verifichino nuovamente.

PUBBLICATO 04/01/2017

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS  |  LETTO 1146  
Long list esperti esterni. Errori e pioggia di ricorsi
Errori e ricorsi. Nello scorso mese di giugno, il comune di Acri, in qualità di comune capofila (l’altro comune dell’ambito territoriale n° 5 è Santa Sofia d’Epiro), pubblica un avviso per la costit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1611  
Gli agricoltori di piazza Marconi e la Coldiretti rassicurano i consumatori
Acri in rete è stata una delle prime testate giornalistiche on line ad occuparsi del caso attorno al quale...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2571  
Raffica di furti e malloppi consistenti. Ecco dove e quando
Un sabato di febbraio da dimenticare, per alcune famiglie, almeno quattro, acresi. Ignoti si sono intrufolati nelle loro abitazioni ed hanno fatto man bassa. Oro, gioielli, soldi, elettrodomestici, ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 456  
Meteo gennaio. Sintesi climatica di Cosenza e dintorni
Grazie al Grazie al supporto dei colleghi (ingegneri e geologi) dell’Arpacal e di Meteo in Calabria, analizziamo una serie di dati (piogge, escursioni termiche e temperature) dello scorso mese di ge ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 816  
Operazione Arsenico, Melicchio (M5s) punta l'indice sugli amministratori bisignanesi
Nell'ottobre del 2018 il deputato pentastellato Alessandro Melicchio, aveva presentato una interrogazione al ministro per l'Ambiente Sergio Costa, in cui venivano segnalate le criticità del depurato ...
Leggi tutto