NEWS Letto 4721  |    Stampa articolo

Arriva il “gelo della befana”, temperature polari e forte rischio neve

Redazione
Foto © Acri In Rete
Almeno da un paio di anni la nostra città, diversamente da come abituata, patisce inverni assai avari di precipitazioni e con temperature decisamente al di sopra delle medie di periodo.
Al netto delle comodità derivanti dall’assenza dei disagi comportati storicamente da nevicate e strade ghiacciate, questa situazione ha prodotto però, quantomeno, difficoltà sia in campo idrico con la sensibile diminuzione della portata delle falde acquifere, sia in campo agricolo.
Parallelamente, questi inverni “caldi” sembra che abbiano seccato non solo le falde comunali, ma anche la capacità di intervenire prontamente al manifestarsi dei disagi provocati dal forte freddo.
Sono infatti bastati un paio di giorni di freddo intenso ed una debole nevicata per mandare in tilt il territorio comunale. Strade ghiacciate con relativi incidenti stradali, ampie zone del centro urbano come il rione Padia isolate e cittadini decisamente arrabbiati. Carenza di sale? Scarsa efficienza dei preposti responsabili comunali? Ataviche inefficienze nelle valutazioni del rischio meteorologico sul territorio comunale? Probabilmente si è trattato di una sommatoria di questi elementi. Di certo c’è che nel prossimo week-end non potremo permetterci ancora inefficienze di questo tipo.
Di fatti è in avvicinamento una delle ondate di gelo più intense degli ultimi anni, con valori addirittura attesi di decine di gradi al di sotto delle medie di periodo. Anche la nostra città, come gran parte della Calabria, sarà interessata dal tracollo delle temperature le quali a partire da giovedì 5 e almeno fino a domenica 8 potrebbero calare addirittura fino a -9°.
Nelle zone montane, dicono gli esperti, si faticherà a vedere la colonnina di mercurio al di sopra dei -10°.  Naturalmente temperature di questo tipo innalzeranno anche il rischio di nevicate, che per quanto riguarda il nostro comune potrebbero verificarsi in particolare a partire dalla serata giovedì.
Quindi invitiamo i lettori a prendere tutte le precauzioni del caso, con l’auspicio che le difficoltà registratesi durate gli ultimi giorni del 2016, con il nuovo anno e un pò di attenzione  in più da perte delle autorità competenti non si verifichino nuovamente.

PUBBLICATO 04/01/2017

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS  |  LETTO 378  
Report raccolta differenziata 2018. Acri al 65,4%
In provincia di Cosenza il quantitativo totale di rifiuti differenziati ha superato, nel 2018, quello che ancora è conferito nelle modalità tradizionali. Per la prima volta da quanto il Catasto re ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 390  
Museo del Risorgimento. A che punto è?
Giusto tre anni fa, ottobre 2016, l’Amministrazione Comunale di allora, guidata da...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 548  
Agricoltura sociale. In corsa anche la Cooperativa Don Milani. Ecco come votarla
Guardare agli anziani come ad una risorsa preziosa, investirli del compito di tramandare il loro sapere e le loro abilità; questo è il progetto della Cooperativa Sociale Don Milani. Gli anziani colt ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1019  
Edilizia scolastica. Iniziati i lavori di Padia
Continua il viaggio di Acri in rete nella nuova edilizia scolastica. Nei giorni scorsi vi abbiamo dato notizia dell’approvazione del progetto, da parte del genio Civile, del nuovo istituto scolastic ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1465  
A.S.P.A. Cercasi nuova sede
La foto non ha bisogno di commenti. Riguarda la sede A.S.P.A., Acri Soccorso Pronto Aiuto, che da dieci giorni è priva di energia elettrica. La corrente è stata staccata perché l’edificio che ospit ...
Leggi tutto