NEWS Letto 2910  |    Stampa articolo

Chiusura Biblioteca Comunale: un problema da risolvere

Redazione
Foto © Acri In Rete
Durante l’ultimo, vivace, consiglio comunale si è discusso, oltre che della questione legata all’aumento delle tasse, anche della chiusura della biblioteca comunale.
I consiglieri di minoranza hanno presentato un’interrogazione per avere delucidazioni in merito alle motivazioni che hanno spinto l’Assessore alla Cultura, Paola Capalbo, a chiudere un servizio di fondamentale importanza per la cittadinanza.
L’assessore ha giustificato la chiusura della biblioteca, a suo dire momentanea, adducendo come motivazione il cattivo funzionamento dell’impianto di riscaldamento.
Ma sarà davvero una chiusura momentanea? Noi ce lo auguriamo, anche perché la Biblioteca pubblica, in Italia, è da sempre un servizio che assicura uguaglianza sostanziale e pari opportunità di accesso all’informazione, alla conoscenza, alla cultura e alla libertà di ricerca scientifica. Le biblioteche comunali, in particolare, sono sempre state percepite come strutture che offrono al cittadino una serie di servizi di lettura e di supporto allo studio.
E’ pur vero che oggi l’evoluzione tecnologica impone un ripensamento profondo del ruolo sociale svolto dalle biblioteche e dal valore prodotto per i cittadini.  Il mondo cambia, e con esso i bisogni, le relazioni, le conoscenze.
Gli utenti delle biblioteche diminuiscono, preferiscono informarsi on line (sui motori di ricerca), accontentandosi di un’informazione “usa e getta”, anche imperfetta, anche parziale, anche sbagliata, ma comoda e gratuita. Per ovviare a questo “problema” all’estero le biblioteche si sono assunte il compito di fare “information literacy”, cioè educazione all’informazione: la quarta abilità ormai riconosciuta come indispensabile, dopo leggere, scrivere e far di conto. In Italia, invece, nessuno o quasi se ne occupa, anzi come problema non esiste neanche.
E così si perde interesse per le biblioteche. A risentirne sono soprattutto quelle comunali di medie e piccole dimensioni, come la nostra che, per attrarre nuovi utenti, dovrebbe essere ripensata e modernizzata. Sarebbe necessario anche un ripensamento del ruolo della biblioteca come luogo di incontro e di scambio non solo di testi ma anche di saperi e di culture diverse.
A questo scopo potrebbero essere sfruttati i finanziamenti che anche la nostra regione mette a disposizione, come gli “Interventi finalizzati a sostenere il funzionamento delle biblioteche calabresi degli enti locali, dei sistemi bibliotecari e delle biblioteche riconosciute di interesse locale”. Proprio in riferimento a questi bandi i consiglieri di minoranza, nell’ultimo consiglio comunale, hanno chiesto spiegazioni sugli interventi e gli eventi culturali finanziati con i fondi regionali concessi; saremmo curiosi di saperlo anche noi. Intanto aspettiamo che la biblioteca riapra.

PUBBLICATO 03/02/2017

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

NEWS  |  LETTO 1300  
Ecodistretti e discariche. Ecco dove saranno realizzati
Nei nostri tanti precedenti articoli lo avevamo scritto più volte; che il 16 settembre sarebbe stata una giornata importante per i rifiuti della provincia di Cosenza.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1473  
Polizia Municipale. Dovranno espletarsi i concorsi
La procedura di mobilità, avviata dal Comune nello scorso mese di giugno, non è andata a buon fine, pertanto si dovranno espletare i concorsi per i tre posti di istruttore di vigilanza all’interno d ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2517  
Il messaggio augurale del sindaco Capalbo per il nuovo anno scolastico
Mancano poche ore all’avvio del nuovo anno scolastico. La redazione di Acri in rete ha inteso raccogliere la riflessione del primo cittadino. E’ giunto il momento della ripresa dell’attività didatti ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1274  
Dissesto idrogeologico. Il Comune redige tre progetti
Strada Acri-Serricella, Chimento e Vallonecupo. Queste le zone interessate da tre progetti redatti dall’Utc per un costo che sfiora i due milioni e mezzo.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 666  
Vulcanologia. Scoperti vulcani nel Tirreno calabrese
Scoperto un nuovo complesso vulcanico sottomarino nel Mar Tirreno, a 15 chilometri dalle coste della Calabria: è composto da tre montagne principali, chiamate Diamante, Enotrio e Ovidio, di cui ques ...
Leggi tutto