OPINIONE Letto 1332  |    Stampa articolo

I fatti del 2018. Ecco gli eventi più importanti

Redazione
Foto © Acri In Rete
La redazione e la direzione di Acri In Rete, hanno scelto gli eventi meritevoli di menzione accaduti nel 2018 e pubblicati sul sito e sulla pagina facebook di acrinrete.info.
Gennaio; la Regione premia, attraverso contributi economici, il lavoro svolto dalla Fondazione Padula e dall’Associazione Oesum, nasce Dems, (ma oggi che fine ha fatto?) che fa capo all’ex ministro Orlando, ci sono anche otto acresi candidati (poi non eletti) alle Parlamentarie del M5S in vista delle Politiche di marzo, a Giovanni Donato viene intitolata la sala riunioni della Cgil di Cosenza.
Febbraio; il consiglio comunale approva il bilancio riequilibrato da inviare al Ministero, all’ospedale arrivano il nuovo direttore sanitario, l’acrese Giacomo Cozzolino, ed un nuovo chirurgo, Sebastiano Vaccarisi.
Marzo; alle Politiche il M5S ottiene il 60%, a seguire il Pd (15%), Leu 8% (con candidato Bonacci), la Sibari-Sila, ancora incompiuta e coinvolta in ricorsi e controversie giudiziarie, compie dieci anni.
Aprile; il Consiglio Comunale aderisce alla Fondazione Mab Sila, il Ministero accetta il bilancio riequilibrato, all’ospedale vengono attivati due importanti servizi; l’ambulatorio oncologico e la risonanza magnetica.
Maggio; esce il primo libro su Sant’Angelo d’Acri a cura di Giustina Aceto, il San Giacomo approda, per la prima volta, in prima categoria, l’Acri Calcio viene battuto dal Castrovillari ai play off, iniziano i lavori per la messa in sicurezza della statale 660 riguardo l’asfalto e le barriere.
Luglio; riapre, ma solo per i mesi estivi, il distaccamento dei Vigili del Fuoco di via Seggio, sottoscritto il protocollo di intesa tra Comune e Prefettura per la sicurezza di alcuni luoghi grazie all’installazione di telecamere, Ottorino Zuccarelli è il nuovo responsabile del Poliambulatorio.
Agosto; Santo Falcone si dimette dalla carica di presidente dell’Acri Calcio e Leonardo Molinari diventa Commissario pro tempore.
Settembre; grazie all’interessamento del geologo Francesco Foggia, si torna a discutere delle particolari rocce (folgoriti) di Serra di Buda, si dimettono quattro assessori su cinque (tranne Sergio Algieri), il sindaco Capalbo provvede a nominare una nuova giunta di cui ne fanno parte Giuseppe Giudice, Salvatore Fusaro e Francesca Abbruzzese mentre non vengono confermati Maria Mascitti, Natale Viteritti e Sergio Algieri, Pietro Delogu è il nuovo allenatore dell’Acri Calcio.
Ottobre; Carmela Sposato è la nuova coordinatrice dell’Aipa, Michele Torchiaro è il nuovo presidente dell’Acri Calcio.
Novembre
; il deputato M5S Sapia solleva la presunta incompatibilità (ancora in atto) del presidente del consiglio comunale, Mario Fusaro, Angelo Andreoli prende il posto di Delogu alla guida tecnica dell’Acri Calcio, scoppia il caso dell’Istituto Alberghiero che denuncia la mancanza di aule e laboratori oggi ricavate nella struttura che ospita Inps e Giudice di pace, viene rinnovato il Cda della Fondazione Padula che conferma alla guida dell’Ente, Giuseppe Cristofaro.
Dicembre; anche gli lsu ed lpu del Comune di Acri sono in stato di agitazione per protestare contro il Governo nazionale, l’Acri Calcio chiude il girone di andata all’ultimo posto, con appena sei punti, e senza vittorie.
Al tecnico Andreoli il difficile compito di traghettare i rossoneri alla salvezza.
Tra qualche giorno Acri In Rete, sul web dal 2004, compie due anni da testata giornalistica. Sono migliaia i contatti giornalieri, naturalmente provenienti dal tutto il mondo, la redazione e la direzione ringraziano quanti ci seguono con passione ed interesse e ripongono in noi fiducia e serietà. Anche nel 2019 daremo spazio a tutti, vogliamo creare dibattito, acceso ma corretto, rimarcare le cose buone ma anche esercitare critica, porre interrogativi e sollevare questioni ma diremo no ad insulti e beghe personali (chi porta rancore verso altri, chi vuole togliersi sassolini dalla scarpa, chi scrive solo per tornaconto personale, dovrà utilizzare altri mezzi).
La redazione e la direzione di acrinrete.info augura un 2019 ricco di pace, salute e gratificazioni.

PUBBLICATO 02/01/2019

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre Opinioni

OPINIONE  |  LETTO 764  
Il puzzo del malaffare
Per carità, non possiamo certo essere sorpresi dalle differenze che esistono nella qualità dei servizi tra la sanità del Nord e quella del Sud. Le prestazioni che offre Milano, in termini di effici ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 323  
Il tempo è davvero immobile
Lunedì le fiamme inarrestabili si sono levate nel cielo di Parigi ed hanno divorato Notre-Dame sotto lo sguardo attonito e spaventato non solo dei cugini francesi ma di tutto il pianeta.
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 544  
La ricerca che dona vita
Il 10 Aprile 2019, nell'Aula magna dell'Istituto di istruzione superiore IPSIA-ITI di Acri, si è tenuto l'incontro formativo organizzato dalla responsabile del coordinamento provinciale Telethon Cos ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 2565  
Vi fidate ancora di Pino Capalbo?
Le promesse fatte ai cittadini di Foresta saranno tutte, puntualmente, disattese. In questo bilancio preventivo non c’è nessun’ opera da realizzare per la contrada di Foresta, idem nel piano trienna ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 935  
I cittadini di Foresta incontrano l'Amministrazione Comunale
A seguito delle recenti vicende verificatesi riguardo la Delibera di Giunta n° 58 del 29 marzo scorso inerente la delocalizzazione ad Acri centro del finanziamento destinato all’adeguamento sismico ...
Leggi tutto