OPINIONE Letto 1455  |    Stampa articolo

E quindi uscimmo a riveder le stelle...

Redazione
Foto © Acri In Rete
Oggi vogliamo pubblicare delle riflessioni che sono giunte alla nostra redazione da parte di un gruppo di persone accomunate da una stessa problematica: casi di malasanità riguardanti trasfusioni di sangue infetto.
Queste persone, la cui vita è cambiata a seguito di una “banale” trasfusione, hanno portato le loro storie in tribunale, facendosi assistere dall'Avvocato acrese Maria Rosaria Coschignano, grazie alla quale, a seguito di un percorso lungo e tortuoso, sono riuscite ad avere Giustizia.
"Ad un certo punto della tua vita ti capitano degli episodi che possono cambiartela per sempre ed in maniera inesorabile.
Ti ritrovi a sottoporti ad un banale intervento chirurgico, o a mettere al mondo un figlio e in quel giorno viene firmata la tua condanna a morte!
Qualcuno ha pensato bene di non fare i dovuti controlli su quel sangue che ti è stato iniettato e che per te da linfa vitale si è trasformata in linfa mortale.
Inizia Così il nostro calvario fatto di paure, rinunce, sofferenze e in alcuni casi anche abbandoni.
L’epatite C è contaggiosa e tu sei costretto a vivere in quasi isolamento anche tra le mura di casa tua, privandoti anche di un bacio o dell’abbraccio di un figlio per paura di infettarlo, ti ritrovi così a fare gruppo con gli “appestati come te”…e non trovi via d’uscita, nessuno è responsabile di niente.
Per fortuna nella vita esistono gli Angeli e noi ne abbiamo incontrato uno: l’Avvocato Maria Rosaria Coschignano di Acri che con la sua professionalità e dedizione, anche quando tutto sembrava perso, all’esito di un percorso lungo e tortuoso è riuscita a farci avere la tanto agognata Giustizia, a lei va tutta la nostra gratitudine, nessuna remunerazione economica potrà ripagarla del suo impegno.
Un pensiero va a qualcuno di noi che purtroppo è andato via prima ma che da lassù sicuramente sarà d’accordo con noi.
Nessuno ci potrà ridare gli anni e le occasioni perdute, però Giustizia è stata fatta! Il nostro monito è non arrendetevi e se caso mai qualcosa non dovesse andar bene almeno ci avete provato
".

PUBBLICATO 26/01/2019

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre Opinioni

OPINIONE  |  LETTO 756  
Il puzzo del malaffare
Per carità, non possiamo certo essere sorpresi dalle differenze che esistono nella qualità dei servizi tra la sanità del Nord e quella del Sud. Le prestazioni che offre Milano, in termini di effici ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 322  
Il tempo è davvero immobile
Lunedì le fiamme inarrestabili si sono levate nel cielo di Parigi ed hanno divorato Notre-Dame sotto lo sguardo attonito e spaventato non solo dei cugini francesi ma di tutto il pianeta.
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 539  
La ricerca che dona vita
Il 10 Aprile 2019, nell'Aula magna dell'Istituto di istruzione superiore IPSIA-ITI di Acri, si è tenuto l'incontro formativo organizzato dalla responsabile del coordinamento provinciale Telethon Cos ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 2558  
Vi fidate ancora di Pino Capalbo?
Le promesse fatte ai cittadini di Foresta saranno tutte, puntualmente, disattese. In questo bilancio preventivo non c’è nessun’ opera da realizzare per la contrada di Foresta, idem nel piano trienna ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 931  
I cittadini di Foresta incontrano l'Amministrazione Comunale
A seguito delle recenti vicende verificatesi riguardo la Delibera di Giunta n° 58 del 29 marzo scorso inerente la delocalizzazione ad Acri centro del finanziamento destinato all’adeguamento sismico ...
Leggi tutto