OPINIONE Letto 1707  |    Stampa articolo

Maltempo. Ecco quando scatta l'Allerta e le azioni da intraprendere

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Da un po’ di tempo, abbiamo a che fare con le cosiddette “Allerta meteo”.
E’ il caso di fare un po' di chiarezza spiegando cosa è il "Sistema di allertamento regionale", cosa sono le "zone di Allerta" (Cala1, Cala2, ecc.), cosa vuol dire "scenari di rischio", cosa sono i “Livelli di Allerta” e quanti sono i "Messaggi di allerta" (M1, M2, M3).
Per Sistema di Allertamento regionale, si intende l’insieme delle strutture organizzate, dei beni strumentali, delle disposizioni normative, dei piani, dei programmi e delle procedure che, in modo armonico e organizzato, possono concorrere a ridurre i danni per le persone ed i beni in caso di eventi meteorologici o idrogeologici particolarmente intensi.
Ai fini delle attività di previsione e prevenzione, la Calabria è suddivisa in ambiti territoriali significativamente omogenei, per tipologia e severità degli eventi attesi, meteorologici e idrologici intensi, e dei relativi effetti.
Sono otto le “Zone di Allerta” denominate rispettivamente: Cala 1, versante tirrenico settentrionale; Cala 2, versante tirrenico centrale; Cala 3, versante tirrenico centro meridionale; Cala 4, versante tirrenico meridionale; Cala 5, versante jonico settentrionale, comprende anche il territorio di Acri; Cala 6, versante jonico centrale, Cala 7, Ionio centrale meridionale, Cala 8, Ionio meridionale.
Gli Scenari di Rischio prefigurano i fenomeni che possono verificarsi per effetto degli eventi meteorologici previsti o in corso, ovvero, ondate di calore; nevicate, pioggia intensa; gelate; venti forti; mareggiate; temporali; esondazioni; alluvioni; frane.
I “Livelli di Allerta” sono di 4 tipi; Verde, assenza di fenomeni, Gialla, ordinaria, fenomeni lievi, Arancione, moderata, fenomeni diffusi, possibilità di frane, mareggiate, alluvioni, esondazioni, Rossa, alta, fenomeni intensi e diffusi, pericolo per la pubblica incolumità.
Messaggi di Allerta”, sono tre. M1, fenomeni lievi, M2, fenomeni moderati, M3, fenomeni intensi e diffusi (è il tipo di Messaggio inviato dalla Prociv regionale al Comune di Acri, lunedì scorso, 4 febbraio, alle 18,26).
L’attivazione e la disattivazione delle diverse fasi previste dal Piano comunale di emergenza sono disposte dal Sindaco o dal Responsabile Comunale di Protezione Civile.
Naturalmente, le azioni da intraprendere dipendono dal sito.
Nelle zone indicate dal Pai, come il territorio di Acri, a rischio frana ed esondazioni, nel caso di Allerta arancione e Messaggio 3, è consigliabile intraprendere misure cauzionali, peraltro previste dalle norme in materia di Prociv.

PUBBLICATO 05/02/2019

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre Opinioni

OPINIONE  |  LETTO 755  
Il puzzo del malaffare
Per carità, non possiamo certo essere sorpresi dalle differenze che esistono nella qualità dei servizi tra la sanità del Nord e quella del Sud. Le prestazioni che offre Milano, in termini di effici ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 321  
Il tempo è davvero immobile
Lunedì le fiamme inarrestabili si sono levate nel cielo di Parigi ed hanno divorato Notre-Dame sotto lo sguardo attonito e spaventato non solo dei cugini francesi ma di tutto il pianeta.
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 539  
La ricerca che dona vita
Il 10 Aprile 2019, nell'Aula magna dell'Istituto di istruzione superiore IPSIA-ITI di Acri, si è tenuto l'incontro formativo organizzato dalla responsabile del coordinamento provinciale Telethon Cos ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 2558  
Vi fidate ancora di Pino Capalbo?
Le promesse fatte ai cittadini di Foresta saranno tutte, puntualmente, disattese. In questo bilancio preventivo non c’è nessun’ opera da realizzare per la contrada di Foresta, idem nel piano trienna ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 931  
I cittadini di Foresta incontrano l'Amministrazione Comunale
A seguito delle recenti vicende verificatesi riguardo la Delibera di Giunta n° 58 del 29 marzo scorso inerente la delocalizzazione ad Acri centro del finanziamento destinato all’adeguamento sismico ...
Leggi tutto