OPINIONE Letto 2248  |    Stampa articolo

Comune. Pensionamenti, concorsi, mobilità, servizi. Si rischia il caos

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Il Comune di Acri, già alle prese con lo stato di dissesto finanziario, dovrà affrontare, a breve, un’altra emergenza; quella dei pensionamenti. Secondo le stime della Cgil, l'effetto quota cento provocherà un esodo di dipendenti pubblici nei Comuni tra cui, naturalmente, anche in quello di Acri. Ad oggi l’Ente può contare su poco meno di 60 dipendenti di ruolo, che lavorano 36 ore alla settimana, e poco meno di 80 precari (ex Lsu) che devono prestare 27 ore di lavoro alla settimana. Da qui a qualche mese, però, il numero dei dipendenti di ruolo, comprese le figure apicali, ovvero i funzionari, subirà una drastica diminuzione. Entro la fine dell’anno, difatti, una decina di dipendenti dovrebbero andare in quiescenza grazie alla nota legge Quota 100, ovvero 62 anni di età e 38 anni di contributi. Una legge che mette in difficoltà molti Comuni, soprattutto quelli che si trovano in uno stato di dissesto finanziario e che, quindi, non possono permettersi i concorsi. L’unica via, al momento, sembra essere quella della mobilità, più veloce e meno costosa, ovvero dipendenti provenienti da altre amministrazioni pubbliche che decidono di prestare lavoro all’interno del Comune. Tra ferie non godute e giorni di malattia, da qui a qualche mese, gli uffici potrebbero essere a corto di personale, una quarantina di dipendenti in tutto e di conseguenza sarebbe a rischio l’erogazione dei servizi. Particolarmente difficile appare la situazione all’interno della Polizia Municipale i cui componenti, compreso il comandante, non superano, addirittura, le cinque unità. Il sindaco Capalbo si è già dato da fare e nei giorni scorsi si è rivolto al Ministero competente. E’ probabile che per i Comuni come quelli di Acri, sebbene in dissesto finanziario, il Governo dia la possibilità di assumere personale attraverso concorso pubblico al fine di scongiurare il blocco dei servizi. Non sono escluse domande di mobilità. Staremo a vedere e noi seguiremo l’intricata vicenda.

PUBBLICATO 28/04/2019

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre Opinioni

OPINIONE  |  LETTO 740  
25 Anni di AVIS Acri
Sabato 11 Maggio 2019, si è festeggiato il Venticinquesimo Anniversario della nascita dell’Avis Comunale di Acri, sono state invitate tutte le consorelle Avisine della Provincia di Cosenza, il Presi ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1356  
Quanta tristezza
Intendiamoci bene, chiedere scusa è sempre un’ottima cosa. L’Amministrazione Comunale sulla questione della mancanza di loculi lo ha fatto, quindi c’è da compiacersene.
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 2375  
Eccellenze acresi. Fabio Scaglione miglior sommelier della Lombardia
La Calabria non è solo una regione piena di problemi e di difficoltà ma è anche una terra che ha dato e continua a dare i natali a soggetti che, con il loro impegno, le loro competenze e la loro pro ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3653  
Intrieri e Caiaro farebbero bene a tacere
E’ assolutamente fuori luogo quanto affermato dai consiglieri Intrieri e Caiaro che, mi duole dirlo, strumentalizzano anche sui defunti...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1426  
A proposito della mancanza di tutto e anche di loculi cimiteriali
Negli anni Settanta dell’altro secolo, quando, per avventura, ho fatto il consigliere comunale di minoranza in nome di uno sparuto drappello di elettori “pazzi” che mi votarono, “quattro gatti”
Leggi tutto