OPINIONE Letto 1616  |    Stampa articolo

Peara bruttu

Franco Bifano
Foto © Acri In Rete
C’è poco da fare, meglio non farsi illusioni, certe dinamiche nei comportamenti non si modificano.
Infatti, sembrano scolpite nella mente delle persone come le sacre leggi sulle tavole di pietra di Mosè.
Ricorderete, il 9 giugno sulla pagina social di questo giornale veniva documentato, grazie ad una segnalazione, lo stato di abbandono della fontana situata sulla centralissima Piazza Matteotti.
Uno spettacolo poco piacevole da mostrare per la sensazione di incuria che generava ai turisti (pochini, al momento, in verità!) in visita alla nostra accogliente città.
Comunque, aldilà del fatto puramente estetico e di decoro, la cosa per quanto spiacevole non creava nessun pericolo né per le persone, né per le cose.
Tanto più che dei getti d’acqua che in passato davano vita alla fontana, è da tempo che non se ne ha più memoria.
Eppure - da non credere! – è bastata una foto e alcuni commenti perché all’istante partisse l’input per attivare una sorta di “commando”, una squadra alla “Speedy Gonzales”, rapidissima!
L’inerzia di settimane è stata quindi colmata in un battito di ciglia.
In meno di 24 ore la fontana è stata rimessa a lucido, è ritornata come nuova. Perbacco! Che tempestività, tanto di cappello all’efficienza!
Allora se si vuole…
Ora, è evidente che non si può pretendere che questa operatività, stile Marines americani, venga attivata per ogni segnalazione. Troppo grazia, per carità!
Tuttavia, otto giorni fa abbiamo portato all’attenzione di tutti il degrado in cui versa Via Filippo Greco, letteralmente invasa da sterpaglie ed erbacce che ormai l’hanno ridotta, come si può leggere nell’articolo “Erba di casa mia”, (clicca qui per leggere, ndr) a poco più di un sentiero di campagna pur trovandosi in pieno centro urbano.
Nello stesso articolo si auspicava un necessario intervento, teso quantomeno a depotenziare soprattutto il grave pericolo d’incendio che tutt’ora esiste, in barba all’ordinanza comunale n.11/19, considerato che nella via prospera un concentrato molto pericoloso di tanta erba secca di alberi ad alto fusto i cui lunghi rami lambiscono alcune abitazioni, e un corollario di case di non recente costruzione.
Ad oggi però, contrariamente a quanto successe per la fontana, non risulta si sia mosso nessuno.
Non è che niente, niente il gruppo dei “Marines”, cosi solerte nella precedente occasione, è in ferie?
Se anche fosse, poco male perché comunque l’aspirazione non era di avere cotanta efficienza e tempestività.
Noi gente semplice, ci saremmo accontentati anche di un paio di uomini di buona volontà che in un’oretta e con un po’ di impegno avessero messo le cose a posto, con buona pace della tranquillità in primis dei residenti.
Evidentemente, il dissesto che ha divorato molte le risorse, non è riuscito ad eliminare invece le vecchie quanto cattive abitudini.
Infatti le strade, magari poco frequentate possono aspettare, per le fontane al centro delle piazze invece la cosa è diversa, perché per quelle “peara bruttu”!





PUBBLICATO 01/07/2019

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre Opinioni

OPINIONE  |  LETTO 2225  
Consiglio comunale. Ecco come sono andati i fatti
In riferimento a quanto successo in consiglio, ma principalmente antecedente allo stesso, sono stato intimato e diffidato da alcuni consiglieri a non tenere il consiglio comunale convocato in data ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 4672  
A proposito di Aquile e Pappagalli
Dobbiamo confessare che ci è molto piaciuta l’ennesima fabula che il primo cittadino ha tentato di propinare ai cittadini. Bella la morale e i sillogismi calzanti. Ci permettiamo – non ce ne voglia ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1389  
Scuola. L’ITCGT sul mercato
E’ vero, si tratta di un titolo bruttissimo ma lo abbiamo scelto per rendere meglio l’idea di quello che sta succedendo attorno all’ITCGT Falcone che, come risaputo, da settembre ha perso l’autonomi ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 6684  
L’aquila ed il pappagallo. Una favola o una metafora dei nostri tempi?
Faccio mia e propongo questa favola di Bonaventura Ferri. In una terra vi era un’aquila che sapeva volare in alto, molto in alto, era capace di librarsi in volo così in alto da vedere cose, agli alt ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 690  
I fatti della settimana. Sanità scuola, lavori pubblici. Più fatti meno parole
Più fatti e meno parole è lo slogan che abbiamo scelto per questa settimana. Sanità. Apprezziamo l’impegno dell’amministrazione comunale a favore del locale ospedale.
Leggi tutto