POLITICA Letto 2347  |    Stampa articolo

Asp di Cosenza, Sapia (M5S) mette in discussione la posizione del referente degli infermieri del 118, "è anche sindacalista e presiede un Consiglio comunale

Emiliano Morrone
Foto © Acri In Rete
Il deputato M5s Francesco Sapia, della commissione Sanità, torna con una richiesta formale sulla gestione dell'Asp di Cosenza, stavolta a proposito dell'incarico di referente degli infermieri del Suem 118 svolto da Mario Fusaro, che è anche presidente del Consiglio comunale di Acri (Cs) e tra gli eletti nella rappresentanza sindacale unitaria della stessa Asp.
«Il parlamentare 5stelle – si legge in una nota – ha scritto al direttore generale dell'Asp di Cosenza, Raffaele Mauro, al responsabile aziendale dell'Anticorruzione, Francesco Laviola, e all'omologo del Comune di Acri, cioè il segretario generale dell'ente, Cosimo Straface».
«Pur non essendo prevista – è precisato nella missiva – tale figura del referente nell'ordinamento legislativo e contrattuale che regola i rapporti in ambito del Servizio sanitario nazionale, è chiaro, in ogni caso, che il dipendente in oggetto, sottoscrivendo i turni di servizio del personale afferente al Suem 118, esercita di fattouna funzione apicale e sovraordinata. Sotto tale profilo, si sostanzia nel caso di specie l'incompatibilità di cui agli articoli 11 e 12 del decreto legislativo in materia di anticorruzione.
Difatti, gli articoli in menzione introducono una incompatibilità generale riservata ai soli uffici apicali dell'amministrazione, lasciando del tutto immutato il regime ex articolo 53 del Testo unico sul pubblico impiego
».
Pertanto il deputato 5stelle ha chiesto «di ricevere copia dell'atto di conferimento dell'incarico di cui si tratta» e invitato i destinatari della sua missiva «all'attivazione delle verifiche di competenza in ordine al ruolo effettivamente svolto in seno all'Asp di Cosenza dall'inteso dipendente, in rapporto alla concomitante presidenza del Consiglio comunale di Acri, ad oggi in capo al medesimo», pure sindacalista della rsu aziendale.
Così Sapia ha responsabilizzato Mauro, Laviola e Straface, sul principio che «nessuno, tanto più nel settore pubblico, può stare con un piede in tre scarpe».

PUBBLICATO 25/10/2018

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Altre News

POLITICA  |  LETTO 1021  
Politica. Congresso PD. Il sindaco Capalbo si schiera con Martina
Il sindaco Pino Capalbo, dopo il ritiro di Marco Minniti, ha deciso di sostenere la mozione Martina al congresso nazionale previsto per il 3 marzo.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 2109  
Politica. La maggioranza è in crisi. Anzi no la città non può perdere ulteriore tempo
Sono trascorsi appena diciassette mesi dal governo Capalbo. Neanche un anno e mezzo. Troppo poco per tracciare un bilancio. Sia politico che amministrativo.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 1295  
Politica. Fausto Sposato candidato al consiglio provinciale
C’è già un candidato per il consiglio provinciale, il cui rinnovo è previsto per fine mese o al massimo entro febbraio. Si tratta di Fausto Sposato, consigliere comunale di maggioranza, candidato n ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 2047  
Peg 2018. Ecco i nuovi responsabili di settore
La Giunta comunale, con delibera del 5 dicembre scorso, ha approvato il Peg (piano esecutivo di gestione) 2018. Ecco i nuovi responsabili degli otto settori; settore 1, affari generali, affari lega ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 1793  
Consiglio comunale. I problemi di Là Mucone, il distretto turistico della Sila. Non inserita la presunta incompatibilità di Feraudo
Per lunedì prossimo, 3 dicembre, alle 15, il presidente Mario Fusaro (che a breve passerà la mano?) ha convocato il consiglio comunale.
Leggi tutto