OPINIONE Letto 4599  |    Stampa articolo

(R)Estate ad Acri?

Foto © Acri In Rete
Innovatori della politica (Gammuto Domenico - Lupinacci Giacomo - Nigro Nicola - Nigro Vincenzo)
Il ritornello che avrebbe dovuto  accompagnare le "innovative" iniziative culturali, ricreative, d'intrattenimento durante la bella stagione del nostro comune suonava così: RESTATE AD ACRI, un infantile gioco di parole con il quale si invitavano i residenti, i turisti e gli emigranti a  preferire i colli e le vallate acresi piuttosto che le spiagge, i laghi e le altre bellezze dei territori limitrofi.
Il refrain che praticamente ha accompagnato la torrida estate acrese suona in ben altro modo: SCIOCCHI SE RESTATE AD ACRI. Fuggite il prima possibile, a gambe levate, correte a perdifiato e non voltatevi indietro. Mai.
L'estate che sta volgendo al termine lascia in eredità uno scenario degno del migliore, o forse peggiore, fate voi, film dell'orrore. I cittadini di molte aree, specie periferiche, hanno combattuto un colosso acquatico con tante teste chiamato Sorical, capace di trasformarli in zombie frustrati delusi ed impotenti, che ciondolavano da una fontana pubblica all'altra, attendendo impazienti l'agognata autobotte per elemosinare gocce di speranza liquida.
Tutto ciò semplicemente perché i rubinetti delle case un bel giorno hanno  iniziato a far fluire l'acqua a tempo determinato, con cadenza variabile e soltanto se la  ruota della fortuna gira a favore.
Correte via finché siete in tempo; scappate dalle grinfie dei vampiri idrici di quartiere, tronfi per i loro allacci abusivi alla condotta pubblica, orgogliosi dei loro orti lussureggianti irrigati con le acque destinate alle utenze domestiche. Non credete di poterli allontanare con l'aglio, poiché essi ne sono immuni. Il colorante alimentare, valida  arma capace di  sconfiggerli, non è stato mai utilizzato malgrado un impegno in tal senso.
Il sindaco Pino Capalbo prometteva di spiccare sanzioni esemplari per i furbetti ladri d'acqua, promesse mai concretamente mantenute.
Circondato da una schiera di collaboratori fantasma, i cui telefoni quasi sempre squillavano a vuoto, respingeva le molteplici proposte dei cittadini esasperati in nome di forzieri vuoti e penuria di pecunia, abbandonando gli elettori in un abisso asciutto.
Lasciate questa terra dove tasse e balzelli esistono solo per pochi, e l'evasione domina incontrastata raggiungendo punte record.
Ed in risposta al caos che regna sovrano, quindi, il comune che fa? Si costerna, si indigna, si impegna, poi getta la spugna  con gran dignità, mentre quella dei cittadini è stata calpestata sotto la suola delle scarpe in nome di una siccità e di un debito pubblico sbandierati per comodità come vaso di Pandora contenente tutti i mali. Andate via da questa valle in cui le lacrime sono ormai evaporate.
Se incontrerete per le strade del mondo bambini  un pò tristi al ritorno  settembrino nelle classi, pensate per un solo secondo a questa landa  dimenticata  dagli  uomini dove non circoleranno più neanche  gli scuolabus  colorati di sole; il trasporto  pubblico dei  bimbi  in età scolare  infatti è andato in pensione  dopo anni di onorata carriera.
Scordatevi della civile e pulita  cittadina di Acri, al cui confronto persino gli accampamenti barbari sembrano la verde Svizzera, e dei suoi abitanti, le cui  anime si stanno lentamente inaridendo, anche se la siccità  questa volta non è l' unica causa.
Comunque,  se proprio siete appassionati del genere horror, rivolgete lo sguardo verso questo  spicchio di Calabria  denigrato, e  lottate per cambiare questa condizione infelice, cosicché, seppur in ritardo, abbia davvero senso dire: (R)ESTATE AD ACRI.

PUBBLICATO 10/09/2017





Altre News

NEWS  |  LETTO 985  
Scuola. Ecco i tre nuovi indirizzi scolastici
Nuovi indirizzi scolastici e nuove opportunità. Dal 7 al 30 gennaio, genitori e studenti....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 727  
Rifiuti. Nominato il Commissario che dovrà individuare il sito dell’ecodistretto
Acri in rete, la testata che per prima ha scritto dell’ecodistretto, continua a seguire con attenzione la questione rifiuti. Il dipartimento Ambiente della Regione ha nominato Ida Cozza, 49 anni, Co ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 362  
Ritorna la luce del Classico
Secondo appuntamento con “La luce del Classico”, la manifestazione che si tiene all’interno del liceo classico nelle ore pomeridiane ed organizzata da studenti ed alunni. L’evento “Smartphonizzazi ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2346  
Carabinieri, presto il trasferimento in altra sede
A molti di noi mancherà. Si tratta della caserma dei carabinieri sita in via delle Filande, ovvero in un luogo centrale dove, in auto o a piedi, ci si passa con facilità e spesso. E non può essere a ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1095  
Nasce Julia in rete
Ci sono tanti e buoni motivi per annunciare con soddisfazione la nascita di Julia in rete. Intanto perché lo facciamo da ex liceali dello Julia, poi perché il magazine, di questo
Leggi tutto