OPINIONE Letto 2522  |    Stampa articolo

I fatti della settimana. I lavori della galleria 660, il nuovo calcio Acri, le ripercussioni del dopo rimpasto

Foto © Acri In Rete
Redazione
Viabilità e appalti. Apriamo il nostro appuntamento settimanale con una bella notizia; la Provincia di Cosenza ha provveduto a pubblicare l’esito della gara di appalto, dopo alcune verifiche, riguardo i lavori della galleria 660 (impianto di illuminazione). L’appalto se lo ha aggiudicato la ditta Europ Impianti che ha offerto un ribasso del 44,045 %, per l’importo complessivo di euro 1.042.699,10.
I lavori, a questo punto, possono cominciare.
Calcio.
L’Fc Calcio Acri, dopo un periodo burrascoso, si è dotato di organismi societari. Il neo presidente, eletto alla unanimità, è Michele Torchiaro che succede al commissario Leonardo Molinari.
Eletti anche i vice presidenti ed il direttivo. Ora, però, bisogna pensare all’aspetto tecnico visto che i rossoneri sono ultimi in classifica con appena un punto.
La rosa necessita di rinforzi, soprattutto in difesa ed in attacco, e gli arrivi di Martinez e Calomino non sono sufficienti per raggiungere la salvezza.
Prima di questi però, ci vogliono risorse economiche. Alla nuova società l’arduo compito di trovarle.
Ospedale
. La denuncia della Cgil Rsu sanità è grave; all’ospedale molti servizi sono inattivi ed il potenziamento, previsto dall’ultimo decreto, in termini di figure professionali, (primario di medicina) non è stato ancora attuato. La questione sarà sicuramente affrontata nel prossimo consiglio comunale (12 ottobre ore 16).
Politica.
Inevitabili le prese di posizione dopo il rimpasto di giunta. Il Partito Democratico, partito a cui appartiene il sindaco Capalbo, ha difeso l’operato del primo cittadino e si augura un rilancio dell’azione politica ed amministrativa dopo la rivisitazione della giunta, mentre gli assessori dimissionari (e non riconfermati) Mascitti e Viteritti hanno reso noto le loro posizioni che potete leggere ed ascoltare su questo sito. Entrambi si chiedono il perché di una sostituzione sebbene le ottime cose fatte in questi primi tredici mesi di governo.
La Mascitti, inoltre, accusa il sindaco Capalbo di aver preso la decisione senza aver coinvolto la maggioranza ed il partito (Pd) e di sostituirla mentre era ancora in corso la discussione tra lei ed il primo cittadino riguardo le deleghe.
Il secondo, invece, fa notare come il nuovo esecutivo sia privo di una figura che possa occupare di bilancio e tributi.
Giovedì prossimo, alle 16, è convocato il consiglio comunale durante il quale ci sarà la surroga tra il consigliere Fusaro, nominato assessore, ed il primo dei non eletti della lista, Cavallotti.
I “fatti della settimana” tornano settimana prossima.


PUBBLICATO 07/10/2018





Altre News

NEWS  |  LETTO 838  
Terremoti e sicurezza. Il comune alle prese con la vulnerabilità sismica degli edifici pubblici
Considerata la pericolosità del territorio e gli edifici pubblici datati, meglio prevenire. Sicchè anche il Comune di Acri, su indicazione del Ministero della Pubblica Istruzione, è impegnato a veri ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 772  
Scuola. Circa duecento studenti alle prese con l'iscrizione alle superiori. Ecco le proposte
E’ partita la corsa per l’iscrizione alle scuole superiori, che si concluderà a fine gennaio. Saranno circa duecento gli studenti acresi interessati, provenienti dalle scuole medie inferiori di Acri ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1097  
Cultura. Sgarbi ad Acri per il suo novecento
Sabato 9 febbraio, al palazzo Falcone, dalle 18, Acri ospita un grande personaggio di cultura e non solo; Vittorio Sgarbi. Il noto critico d’arte sarà nella cittadina silana per parlare del suo ult ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1778  
Cronaca. Incendiato un carro funebre
Nella notte tra il 3 e il 4 gennaio, ignoti hanno dato fuoco ad un carro funebre, distruggendolo insieme al garage dove si trovava. Il mezzo era della ditta di onoranze funebri Carmine Morrone ed i ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1551  
Caos rifiuti. Nuove discariche ed inceneritori. Ecco il sito acrese
Una legge regionale prevede che siano i comuni ad occuparsi della gestione del ciclo dei rifiuti tramite gli ATO (Ambiti Territoriali Ottimali).
Leggi tutto