COMUNICATO STAMPA Letto 1355  |    Stampa articolo

Sapia (M5S) replica a Fusaro e Cgil. Attendo gli atti sull'incarico di coordinatore degli infermieri del Suem 118 dell'Asp di Cosenza

Foto © Acri In Rete
Redazione
«Non scenderò in polemica con il dipendente dell'Asp di Cosenza Mario Fusaro e con la Cgil, sindacato che rispetto tanto ma che, come ovvio, non esercita né può esercitare funzioni di controllo in materia di incompatibilità e inconferibilità di incarichi pubblici».
Lo afferma, in una nota, il deputato M5s Francesco Sapia, della commissione Sanità, in risposta a una replica di Fusaro e della Cgil. Nei giorni scorsi, con una nota indirizzata al direttore generale dell'Asp di Cosenza, Raffaele Mauro, al responsabile aziendale dell'Anticorruzione, Francesco Laviola, e all'omologo del Comune di Acri, Cosimo Straface, Sapia aveva chiesto opportune verifiche a proposito dell'incarico di referente degli infermieri del Suem 118 svolto da Mario Fusaro, che è anche presidente del Consiglio comunale di Acri (Cs) e già tra gli eletti nella rappresentanza sindacale unitaria della stessa Asp.
Il parlamentare aveva chiesto anche «di ricevere copia dell'atto di conferimento dell'incarico di cui si tratta».
«Posto – precisa il deputato 5stelle – che, al contrario di quanto nell'immaginario collettivo proiettato da Fusaro, non ho mai detto né scritto né inteso che egli possieda quote della Banca d’Italia o di istituti elvetici, alle mie legittime domande devono rispondere i responsabili dell'Anticorruzione dell'Asp di Cosenza e del Comune di Acri, non il diretto interessato oppure un sindacato.
Da parlamentare ho chiesto alle strutture competenti l'attivazione delle verifiche sulla compatibilità e inconferibilità dell'incarico in argomento, attesto che Fusaro, il quale è contemporaneamente presidente di un Consiglio comunale e ha comunque svolto attività sindacale, ha ammesso di essere stato investito del ruolo di coordinatore degli infermieri del Suem 118, funzione apicale che, comunque la si metta, si sostanzia nell'effettiva gestione di personale, tanto è vero che possiedo copia di turni di servizio firmati dallo stesso Fusaro».
«Al di là, nello specifico, di ogni questione –
conclude Sapia – di compatibilità e incompatibilità, che va chiarita soltanto nelle sedi di competenza e non certo a mezzo stampa, voglio sapere con quale atto e a seguito di quale selezione pubblica Fusaro abbia ricevuto l'incarico in parola.
Peraltro non tocca allo stesso dipendente sindacare sui problemi di cui da parlamentare devo occuparmi.
Preciso, infine, che chi firma turni di personale sanitario di norma non fa politica a livello istituzionale e, soprattutto, è chiamato a rispondere pure della concreta applicazione della legge sulla materia, di derivazione europea».

PUBBLICATO 04/11/2018





Altre News

NEWS  |  LETTO 839  
Terremoti e sicurezza. Il comune alle prese con la vulnerabilità sismica degli edifici pubblici
Considerata la pericolosità del territorio e gli edifici pubblici datati, meglio prevenire. Sicchè anche il Comune di Acri, su indicazione del Ministero della Pubblica Istruzione, è impegnato a veri ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 772  
Scuola. Circa duecento studenti alle prese con l'iscrizione alle superiori. Ecco le proposte
E’ partita la corsa per l’iscrizione alle scuole superiori, che si concluderà a fine gennaio. Saranno circa duecento gli studenti acresi interessati, provenienti dalle scuole medie inferiori di Acri ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1097  
Cultura. Sgarbi ad Acri per il suo novecento
Sabato 9 febbraio, al palazzo Falcone, dalle 18, Acri ospita un grande personaggio di cultura e non solo; Vittorio Sgarbi. Il noto critico d’arte sarà nella cittadina silana per parlare del suo ult ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1778  
Cronaca. Incendiato un carro funebre
Nella notte tra il 3 e il 4 gennaio, ignoti hanno dato fuoco ad un carro funebre, distruggendolo insieme al garage dove si trovava. Il mezzo era della ditta di onoranze funebri Carmine Morrone ed i ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1551  
Caos rifiuti. Nuove discariche ed inceneritori. Ecco il sito acrese
Una legge regionale prevede che siano i comuni ad occuparsi della gestione del ciclo dei rifiuti tramite gli ATO (Ambiti Territoriali Ottimali).
Leggi tutto