OPINIONE Letto 1397  |    Stampa articolo

Un'amministrazione comunale si giudica dalla qualita’ dei servizi. Dubbi sul perfetto funzionamento dell’Ecodistretto

Foto © Acri In Rete
Francesco Foggia
I cittadini di tutti i comuni, come anche quelli di Acri, sono rappresentati dai consiglieri comunali ed amministrati dal sindaco.
È ovvio, che chiunque venga eletto sindaco, in rappresentanza della sola maggioranza degli elettori, non può sentirsi autorizzato a disporre come crede enon può decidere in totale autonomia su questioni di straordinaria importanza.
Ad Acri, per esempio, l’attuale sindaco è stato votato al primo turno da 6.063 elettori (49,33% dei votanti) e al ballottaggio da 5.263 (59.74% dei votanti), su 21.037 potenziali elettori, per cui, a voler essere fiscali, ha ricevuto il mandato di rappresentanza solo dal 29% del corpo elettorale.
Nonostante queste usuali astensioni dalle urne, il primo cittadino di qualsiasi città è tenuto ad assicurare la fornitura dei servizi all'intera popolazione, sulla cui qualità si distingueranno le amministrazioni eccellenti da quelle poco brillanti.
Purtroppo, quando gli amministratori non sono lungimiranti e non prevengono eventi o non programmano in anticipola risposta al loroverificarsi, poi, all’occorrenza, sono costrettia ricorrere ad interventi emergenziali, con tutti i limiti della frettolosità (carenza di ponderazione e di analisi sulle possibili soluzioni) e con ricadute negative sulla popolazione (l’aneddoto della gatta frettolosa renderebbe bene il concetto).
Se prendiamo in considerazione la realtà di Acrinon possiamo fare a meno di evidenziarelesuddette lacune organizzative: il “Piano neve” da molti anni si risolve solo con ordinanze di chiusura delle scuole; laviabilità interna e l’approvvigionamento idrico risultanoinadeguati ai tempi ed alle cresciute esigenze; l’illuminazione urbana è stata a singhiozzi in diversi rioni; il “fermo” cimiteriale di qualche mese faha aumentato le sofferenze per la perdita di un familiare.
Il funzionamento della macchina comunale si percepisce anche dal controllo della qualità dei servizi. Finora, molte amministrazioni ad Acri si sono preoccupate di esternalizzare anche quellidi stretta competenza comunale (raccolta differenziata dei RSU, riscossione tributi, trasporto scolastico, forse anche il funzionamento dei depuratori delle acque fognarie, etc.), senza badarené alla maggiorazione dei costi per i cittadini, né all’efficacia del servizio stesso.
La figura di Greta Thunbergha riscosso successo anche ad Acri ed ha “risvegliato” le coscienze sulle problematiche climatiche mondiali.
Sappiamo bene, però, che ciascuno è chiamato a fare la sua parte nel proprio piccolo, in famiglia o in paese.
Questi simpatizzanti di Greta possono dedicarsi anche alla salvaguardia ambientale del proprio paese, magari chiedendosi se i depuratori di Acri funzionano come dovrebbero funzionare?
A me, tempo fa ,è sembrato che quelli di Macchia di Baffi e di San Giacomo d’Acri (per citare i più importanti) fossero quasi in abbandono.
C’è da chiedersi in che misura i dirigenti comunali si preoccupino di far controllare anche il funzionamento di quelli più piccoli, sparsi nelle varie frazioni acresi?
Se ci sono controlli approssimati o carenti sul funzionamento dei depuratori comunali,vengono di conseguenza dubbi e perplessità sui controlli inerenti il regolare funzionamento dell’impianto di un ecodistretto provinciale.
Un’altra amara considerazione la dobbiamo fare sullo stato dei nostri mari.
Nonostantetutti i sindaci siano i responsabili diretti del funzionamento dei depuratori sui loro territori, le acque dei mari calabresi risentono del loro imperfetto funzionamento e sono fortemente inquinati dalle componenti organiche e chimiche dei corsi d’acqua che attraversano i paesi interni (Battista Sangineto ci informa che in Calabria, secondo il Ministero della Salute,ci sono 22 siti pericolosi per la balneazione).
Le undici “bandiere blu” della Calabria direbbero il contrario. Magari, fossero veritiere! Con l’attribuzione di questo “speciale riconoscimento” si vuole salvare l’immagine di molti paesi rivieraschi e illoro turismo estivo.
Nell’Jonio cosentino, ad esempio, si verifica che le spiagge di Cariati, Mirto-Crosia, Corigliano-Rossano e Sibari non figurano nell’elenco; Villapiana e Trebisacce hanno la bandiera blu; Amendolara no; Roseto C. S. si; Montegiordano e Rocca Imperiale no; Nova Siri (MT) si.
Una contraddizione (quella delle “bandiere blu” in un mare tutto inquinato)spiegabile se si prendonoin considerazione altri fattori territoriali, non ultimil’innalzamento della soglia minima degli inquinanti nelle acque, o la data e la località del prelievo dei campioni.
Bisogna ingegnarsi per edulcorare la nostra (amara) realtà o impegnarsi tutti (cittadini, amministratori e governanti) per migliorarla?

PUBBLICATO 30/07/2019





Altre News

NEWS  |  LETTO 294  
Liceo Julia ed Aspa insieme contro la ludopatia
Il forte sodalizio tra Liceo Classico e Scientifico V. Julia e la società civile aggiunge un altro tassello al già grande mosaico basato su rispetto e collaborazione reciproca al servizio degli alun ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3371  
Coronavirus. Ondata di rientri di docenti e lavoratori dal nord
Era prevedibile. Nella giornata di ieri abbiamo contattato alcuni amici autisti di bus e ditte di trasporto su gomma che ci hanno confermato le indiscrezioni del giorno prima. A causa dell’espander ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 623  
I cocktail molecolari all’istituto alberghiero
L’Istituto alberghiero ha ospitato, nell’ambito di una serie di stage formativi, il barman Leonardo Beraldi di Mirto Crosia proprietario del Chocolat. Leonardo si è presentato agli alunni con profes ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 2702  
Gioielleria svaligiata. Emergono altri particolari. Ecco chi sono i colpevoli
Due uomini e una donna sono stati fermati dai carabinieri a Pelago, in provincia di Firenze, con l’accusa di essere gli autori della rapina avvenuta giovedì scorso ai danni della gioielleria Garofal ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1618  
Gioielleria saccheggiata. Ritrovata la merce ma ancora tanti aspetti da chiarire
E' stata rinvenuta nei pressi di Firenze la refurtiva della rapina all'ex gioielleria Garofalo. Il proprietario, Antonio Garofalo era stato vittima, lo scorso mercoledì, di un'aggressione, nei press ...
Leggi tutto