COMUNICATO STAMPA Letto 2194  |    Stampa articolo

Grazie di cuore a tutti!

Foto © Acri In Rete
Liberi cittadini
Acri non sarà più sede indicata per costruire l’ecodistretto! Siamo felici che oggi sia questo il risultato!
Se le cose sono andate diversamente da come l’Amministrazione aveva previsto, lo si deve anche e soprattutto alle tante persone che, formando il Comitato del NO, si sono uniti per opporsi a quella che abbiamo ritenuto essere una scelta sbagliata, mai discussa né tantomeno condivisa dai cittadini.
E’ stato il nostro un gesto di coraggio civile!
Tuttavia, non possiamo che prendere atto con rammarico che il Sindaco, invece di spiegare in maniera comprensibile quali siano state le ragioni che lo hanno indotto a fare il passo indietro, a parte parlare di generiche e presunte nostre “illazioni sull’onestà dei componenti l’Amministrazione” (per quanto ci riguarda completamente campate in aria! si invita a rileggere eventualmente a conferma tutti i nostri comunicati stampa!) ha pensato bene di continuare a lanciare schizzi di veleno su noi cittadini, solo perché non in linea con il suo disegno di ipotecare il futuro della città e delle future generazioni, legandolo per sempre alla spazzatura!
Il Primo cittadino, anche in questo caso, si è lasciato sfuggire l’ennesima buona occasione per fare autocritica, sia pure un briciolo!
È auspicabile che un buon Sindaco sappia riconoscere gli errori commessi (in questa vicenda dell’ecodistretto sono tanti, grossolani ed evidenti) e chiedere eventualmente scusa.
Pino Capalbo ha preferito invece continuare a non nascondere la sua ostinazione dando, come suo solito ormai, le colpe a gli altri!
La cosa non sorprende, tutti oramai siamo consapevoli della sua indole.
Del resto esistono Sindaci che correttamente si mettono al servizio dei cittadini, e altri che vorrebbero invece i cittadini al loro servizio!
Noi siamo gente libera e perbene, che con coraggio e con i fatti ha dimostrato di avere a cuore solo le sorti della nostra città, del suo territorio e non altro.
Abbiamo cercato di svegliare le coscienze, spiegando alla comunità le nostre preoccupazioni, supportati anche da autorevoli pareri, nonché i possibili rischi ai quali si sarebbe andati incontro scegliendo la strada dei rifiuti. Preoccupazioni che sono state comprese, condivise e anche sottoscritte attraverso la raccolta firme. Siamo stati aperti al contributo di tutti e corretti con tutti, chi ci ha seguito lo sa bene!
Per noi parlano i fatti.
I sindaci passano, cosi come le amministrazioni, anche le peggiori.
Lasciamo al tempo e alla storia il giudizio, anche se rimane, non dimentichiamolo mai, sempre ai cittadini l’onere di pagare il conto salato dei loro errori!
Noi siamo orgogliosi di quanto fatto e del risultato ottenuto, nonostante i miserevoli tentativi di delegittimazione subiti che non fanno certamente onore a chi li ha fatti e continua a farli!
Dobbiamo dire un grazie speciale a tutti, a chi è stato compagno di viaggio, a chi ci ha incoraggiati e sostenuti.
A chi ha portato il suo prezioso contributo di idee e competenze. Grazie di cuore a tutta la città! Siamo fiduciosi che le future generazioni saranno grate di quanto fatto!
Adesso sono in molti a chiederci di non far cessare questa positiva esperienza. E’ un’idea che ci intriga molto.
Vorremmo però che fossimo in tanti ad avere l’obiettivo di diventare sentinelle in difesa del territorio. In questa direzione si potrebbero fare molte cose, a condizione che ci si impegni con la stessa determinazione, a prescindere dal colore dall’Amministrazione e del Sindaco in carica.
Una cosa deve essere chiara, non saremo mai un movimento politico-partitico, l’unica nostra bandiera sarà l’impegno civico a difesa del benessere comune.

PUBBLICATO 24/08/2019





Altre News

NEWS  |  LETTO 331  
Report raccolta differenziata 2018. Acri al 65,4%
In provincia di Cosenza il quantitativo totale di rifiuti differenziati ha superato, nel 2018, quello che ancora è conferito nelle modalità tradizionali. Per la prima volta da quanto il Catasto re ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 376  
Museo del Risorgimento. A che punto è?
Giusto tre anni fa, ottobre 2016, l’Amministrazione Comunale di allora, guidata da...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 530  
Agricoltura sociale. In corsa anche la Cooperativa Don Milani. Ecco come votarla
Guardare agli anziani come ad una risorsa preziosa, investirli del compito di tramandare il loro sapere e le loro abilità; questo è il progetto della Cooperativa Sociale Don Milani. Gli anziani colt ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1016  
Edilizia scolastica. Iniziati i lavori di Padia
Continua il viaggio di Acri in rete nella nuova edilizia scolastica. Nei giorni scorsi vi abbiamo dato notizia dell’approvazione del progetto, da parte del genio Civile, del nuovo istituto scolastic ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1454  
A.S.P.A. Cercasi nuova sede
La foto non ha bisogno di commenti. Riguarda la sede A.S.P.A., Acri Soccorso Pronto Aiuto, che da dieci giorni è priva di energia elettrica. La corrente è stata staccata perché l’edificio che ospit ...
Leggi tutto