POLITICA Letto 4671  |    Stampa articolo

Comune. Tenuta boccia i suoi predecessori e non salva nessun settore. E l’opposizione tace

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Chissà cosa avranno pensato gli amministratori del passato, in primis i primi cittadini, dopo aver ascoltato il sindaco Nicola Tenuta. L’attuale sindaco, nel corso del consiglio comunale in cui ha illustrato le sue linee programmatiche, è stato impietoso: “la città vive momenti bui da diversi anni, occorre una netta inversione di tendenza per garantirgli un decisivo sviluppo socio-economico.” Tenuta, che è espressione di liste civiche (ma che è stato sindaco dal 2000 al 2005, guidando una coalizione formata da Udc, Fi e An) e che a giugno ha sconfitto centro sinistra e centro destra, boccia i suoi predecessori e non salva nulla.
Cultura, infrastrutture, lavoro, sanità, ambiente. Tutto da buttare, tutto da rifare. La maggioranza applaude, l’opposizione, tra cui l’uscente sindaco Maiorano, tace, quasi a dargli ragione. Tenuta, con coraggio e spregiudicatezza, accusa anche i suoi ex amici dell’Udc, che non smentiscono, e tocca tutti i settori che, a suo avviso, sono obsoleti. Per la cultura, ad esempio, dice che la Fondazione Padula, la più importante associazione culturale della città, così com’è non va bene, che deve allargare i confini e che non dovrà occuparsi solo di tematiche umanistiche.
Sanità: secondo Tenuta occorre attuare il decreto n°191 che ha accorpato in un unico ospedale spoke i presidi di Acri e Castrovillari. Il centro destra resta muto. Il primo cittadino ritiene, inoltre, che il comune può contare su valide risorse umane ma che la macchina comunale deve essere rivista per evitare gravi lungaggini burocratiche.
Viabilità: le infrastrutture, dice Tenuta, sono ancora carenti ed impediscono il vero sviluppo, attenzione sarà rivolta alle arterie che collegano il centro con Serricella, Cosenza e mar Ionio. Ma Tenuta vuole anche intervenire nel centro storico “abbandonato e poco vissuto”, si impegna per la redazione del piano strutturale, “vero strumento di crescita, occupazione e sviluppo” e garantisce l’istituzione della raccolta differenziata “visto che Acri è uno dei pochi comuni in cui non si effettua.”
Quindi la pubblica istruzione: “le scuole devono essere ammodernate e dotate di palestre e piscine.” Ed infine lavoro e finanziamenti: “poco è stato fatto per aiutare le piccole e medie imprese mentre bisognerà puntare sui fondi europei.
Insomma obiettivi ambiziosi per far divenire Acri “un centro di eccellenza” ma soprattutto per recuperare tutti i ritardi anche in quei settori in cui i percorsi, avviati dalle scorse legislature, sembravo avviati ad una soluzione.
Evidentemente, non è così.

PUBBLICATO 06/09/2013





Altre News

NEWS  |  LETTO 1106  
Alimentazione. Ecco le Montanine, le patatine silane in sacchetto
Le Montanine. Una bella novità sul mercato italiano, le patatine fritte in sacchetto prodotte...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 744  
La Notte dei Licei al classico Julia. E venerdì prossimo si replica allo scientifico
Non c’erano dubbi sulla riuscita dell’evento! La Notte Nazionale del Liceo Classico ha registrato un numero di visitatori oltre le aspettative. Genitori, bambini, studenti, cittadini hanno partecipa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 867  
Verso le regionali. Nel consiglio comunale pescheranno in molti
Continua il nostro viaggio nelle elezioni regionali previste per il 26 gennaio....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1590  
Molecola contro l’osteoporosi, arriva il brevetto americano. Maria Grano gioisce
Finalmente il brevetto americano è stato concesso. E Maria Grano non nasconde la soddisfazione. La «sua» creatura, quella molecola Irisina che sconfigge l’osteoporosi, ha superato l’ultimo ostacolo ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1102  
Verso le regionali. Candidati in città. Ecco gli appuntamenti
Mancano circa dieci giorni al voto regionale. Davvero poco. Stiamo assistendo....
Leggi tutto